AREA di CRISI complessa TERNI-NARNI, FONDI per le MICRO-PICCOLE IMPRESE

AREA di CRISI complessa TERNI-NARNI, FONDI per le MICRO-PICCOLE IMPRESE

Pubblicato nei giorni scorsi un primo avviso a sostegno degli investimenti delle PMI dell’Area di crisi complessa Terni-Narni. Su 4,5 milioni di euro disponibili, ben il 60% è riservato alle micro e piccole imprese del territorio, come richiesto da CNA Umbria

Attraverso contributi a fondo perduto il bando sostiene gli investimenti per realizzare nuove unità produttive o per ampliare/riqualificare quelle esistenti all’interno di un range di spesa che va da 50mila fino a 1milione e mezzo di euro.

A beneficiarne le micro, piccole e medie imprese di produzione e servizi alla produzione (secondo i codici Ateco ammessi), costituite ed iscritte al Registro delle Imprese, ed in regime di contabilità ordinaria.

Le spese ammissibili riguardano:

  1. suolo aziendale e sistemazioni (fino al 10% dell’investimento complessivo);
  2. opere murarie per l’installazione di nuovi macchinari (fino al 40% dell’investimento complessivo);
  3. macchinari impianti ed attrezzature;
  4. macchinari impianti ed attrezzature “Impresa 4.0”;
  5. programmi informatici connessi alle esigenze di automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo;
  6. programmi informatici “Impresa 4.0”

 L’investimento complessivo non potrà essere costituito unicamente dalle prime due voci di spesa.

Il contributo a fondo perduto sarà destinato:

  • 25% per le imprese in regime de minimis;
  • 20% per le piccole imprese in regime ordinario / 10% per le medie imprese in regime ordinario;
  • 30% per le imprese di Terni e Narni individuate in determinate particelle NUTS3.

Le domande andranno inoltrate esclusivamente tramite la piattaforma informatica dal 2 luglio 2018 e la procedura di assegnazione delle risorse sarà a graduatoria, con una procedura di valutazione che terrà conto:

  • del settore di appartenenza (premialità per imprese manifatturiere dell’agroalimentare, chimica verde, meccanica e metallurgia);
  • della rilevanza patrimoniale e dell’innovatività dell’investimento;
  • della sostenibilità economica del progetto;
  • dell’incremento occupazionale (la sola salvaguardia delle unità lavorative non dà punteggio, mentre per le nuove assunzioni ci sono premialità per alcune categorie)

L’intero progetto dovrà essere completamente realizzato entro 15 mesi dalla data di concessione del contributo.


Per maggiori informazioni sui codici Ateco ammessi e assistenza nella predisposizione del progetto e della richiesta di finanziamento, rivolgersi a

Uff. Bandi e Incentivi

Tel. 0744/206711 – 075/505911 — incentivi@cnaumbria.it

Powered by
SIXTEMA spa


CNA Umbria Via Angelo Morettini, 7 - 06128 Perugia
Tel: 075 505911 - Fax: 075 5006279
info@cnaumbria.it
- C.F. 94005590545