Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

“TARGHE PROVA”? Un po’ di CHIAREZZA

targhe prova

La recente sentenza della Corte di Cassazione che ha stabilito che non si può usare una “targa prova” sui veicoli già immatricolati ha creato apprensione e confusione. Soprattutto tra autoriparatori e venditori di auto, che normalmente fanno ricorso alla targa prova per provare, collaudare o spostare auto e moto già immatricolate.

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

I dubbi maggiori riguardano l’efficacia della copertura della polizza RC:  gli effetti della sentenza sono che l’unica assicurazione valida è quella del veicolo già immatricolato, quindi quella del proprietario dell’auto.

Come devono comportarsi quindi le imprese dell’autoriparazione e tutti coloro che utilizzano le targhe prova?

In realtà, pur essendo ancora una questione aperta sulla quale la CNA pone la massima attenzione, questa sentenza non produce automaticamente l’effetto di rendere illegittimo l’uso della targa prova.

Ricordiamo, infatti, che già una sentenza di alcuni anni fa ne aveva messo in discussione l’uso e ad oggi il pronunciamento definitivo del Consiglio di Stato non è ancora avvenuto. Già in questa occasione il Ministero dell’Interno aveva emanato una circolare (scaricala qui) invitando gli organi di controllo a evitare sanzioni in attesa di decisioni definitive

Nel frattempo è anche stato presentato un apposito disegno di legge (A.C. n° 1365) di modifica definitiva e verso la direzione di utilizzo pieno e legittimo delle targhe prova anche per i veicoli già immatricolati.

Quindi, poiché il pronunciamento del Consiglio di Stato non c’è ancora stato, e considerando che le sentenze della Corte di Cassazione non hanno forza di legge, ma vincolano solo le parti, si può ritenere che vale ancora quanto disposto dalla circolare del Ministero dell’Interno.

Anche sull’aspetto assicurativo si fa presente che le principali compagnie (UNIPOL-SAI e GENERALI) si sono ufficialmente orientate verso la conferma della copertura RCA della targa prova, sia per i veicoli non immatricolati che per quelli già immatricolati.

CNA ha anche posto il quesito ad ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), la quale ha ribadito “di proseguire esattamente nella stessa maniera di prima della sentenza”.

Invitiamo comunque le imprese che utilizzano la targa prova a contattare la propria compagnia e a farsi confermare l’efficacia della polizza in vigore.


Per maggiori informazioni contatta:

Sticky
Set 29, 2020
Commenti disabilitati su “TARGHE PROVA”? Un po’ di CHIAREZZA
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SISTEMA CNA
    SMART WORKING
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
  • Seguici sui nostri canali social