Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

MORATORIA, NO a OSTACOLI dalle BANCHE

“Mentre siamo alla vigilia di una ripresa tanto attesa quanto indispensabile per risollevarci dalle pesanti conseguenze della pandemia, non vorremmo che alcune banche mettessero i bastoni tra le ruote cercando di non concedere la moratoria sui prestiti, prorogata dal governo fino al 31 dicembre 2021.”

Antonello Cozzali, presidente di Fidimpresa Umbria, il confidi della Cna che nei prossimi giorni entrerà a far parte di UNI.CO dando vita a un soggetto interregionale della garanzia, è preoccupato per i segnali che arrivano da alcuni istituti di credito, che stanno facendo qualche resistenza al prolungamento della moratoria.

Una situazione denunciata anche dalla Cna nazionale, che è intervenuta scrivendo al direttore generale dell’Abi, Giovanni Sabatini, ribadendo che “il decreto governativo stabilisce che la proroga è una operazione in continuità e non comporta la revisione della situazione creditizia del beneficiario da parte della banca.”

La banca, quindi, non rischia nulla nell’applicare il proseguimento della moratoria – precisa Cozzali -. Non si può mettere a rischio la possibilità di una ripresa economica, sia nei settori che stanno ancora affrontando molte criticità, come ad esempio il comparto dell’aeronautica che sta pagando il blocco dei voli aerei, ma anche in quelli già investiti da una ripartenza robusta dell’attività, come le costruzioni, che però sono alle prese anche con un forte rincaro delle materie prime che scarseggiano e con la mancanza di manodopera specializzata. La crescita prevista per i prossimi mesi darà certamente fiato alla nostra economia, ma dobbiamo essere ancora pazienti. Quando il sistema imprenditoriale avrà ripreso a generare flussi di cassa idonei a garantire il rispetto di impegni assunti prima della pandemia, allora si potranno adottare misure più selettive.”

E che il tema del credito rappresenti una preoccupazione costante per le imprese, soprattutto per quelle di dimensioni minori che faticano maggiormente a trovare linee di credito, lo dimostra un’indagine della Cna nazionale su un campione significativo di aziende. È risultato infatti che, complessivamente, ben l’84% del campione degli intervistati ritiene che, senza la proroga dei prestiti, non riuscirebbe a rispettare gli impegni con l’istituto finanziatore (35%) o avrebbe molti problemi a farlo (48%).

“Per questo – conclude Antonello Cozzali – rivolgiamo un forte appello agli istituti di credito a dar seguito alla proroga della moratoria prevista dal decreto e a facilitare la ripresa dell’economia e del sistema Paese.”

Sticky
Giugno 11, 2021
Commenti disabilitati su MORATORIA, NO a OSTACOLI dalle BANCHE

MYSELF, un BANDO per l’AUTOIMPIEGO

La Regione Umbria ha pubblicato Myself, il bando per favorire l’autoimpiego e la creazione d’impresa.

Chi ne può beneficiare?

  • le piccole medie imprese nate dal 1° gennaio 2020 (società commerciali, cooperative, imprese individuali, lavoratori autonomi titolari di partita IVA, società tra professionisti) con sede in Umbria

I progetti imprenditoriali devono riguardare:

  • produzione di beni
  • fornitura di servizi
  • commercio (anche franchising)
  • artigianato

L’agevolazione consiste

  • in un finanziamento da 7.500 a 50mila euro a fronte di una spesa complessiva, al netto di IVA ed oneri accessori, che vada da 10mila a 66.666,67 euro
    • La spesa complessiva deve essere destinata:
      • ad investimenti, per almeno il 70%
      • a spese correnti, per un massimo del restante 30%
    • Il finanziamento
      • non è subordinato all’acquisizione di garanzie a tutela del rimborso
      • va restituito con rate semestrali costanti senza interessi
      • con un piano di ammortamento di max 7 anni
      • 1 anno di preammortamento
  • in un contributo a fondo perduto di 3mila euro denominato “Pacchetto qualificazione”, a copertura di costi per la qualificazione e formazione professionale del titolare o dei soci

 

SINTESI TIPOLOGIA AGEVOLAZIONE

 

Risorse stanziate

 

300.000,00 €

 

700.000,00 €

Spese Ammissibili min 10.000,00 € – max 33.333,34 € min 33.333,35 € – max 66.666,67 €
Finanziamento a tasso

zero

 

min 7.500,00 €- max 25.000,00 €

 

min 25.000,00 € – max 50.000,00 €

Durata finanziamento max 5 anni max 7 anni
Preammortamento 1 anno 1 anno
Contributo pacchetto

qualificazione

 

max. 3.000,00 €

 

Quali sono le spese agevolabili?

Per quanto riguarda gli investimenti:

  • macchinari, attrezzature e arredi funzionali all’attività d’impresa
  • mezzi di trasporto funzionali e strumentali allo svolgimento dell’attività imprenditoriale
  • hardware, software e licenze funzionali all’attività di impresa
  • piccole opere murarie ed impianti (max 20% della spesa)

Ammessi alle agevolazioni anche i beni usati, purché forniti da rivenditori autorizzati (usato garantito) e NON OGGETTO DI PRECEDENTI AGEVOLAZIONI

Per quanto riguarda le spese correnti:

  • affitto (contratto registrato)
  • materie prime, semilavorati etc… inerenti la produzione; materiale di consumo
  • spese pubblicitarie
  • utenze

Come vengono valutate le domande?

Definiti alcuni criteri e l’assegnazione di un punteggio per ciascuno di essi: ammissibili i progetti che ottengono ALMENO 60 PUNTI

Compilazione e invio delle domande

Per la compilazione delle domande di ammissione c’è tempo fino alle ore 12:00 del 31/12/2021, mentre l’invio potrà essere fatto dalle  ore 10.00 del 10/06/2021 e fino alle ore 12.00 del 31/12/2021.


Per maggiori informazioni contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi:

 

Sticky
Giugno 07, 2021
Commenti disabilitati su MYSELF, un BANDO per l’AUTOIMPIEGO

L’UMBRIA finalmente in ZONA BIANCA

Dal 7 giugno 2021 l’Umbria finalmente è in zona bianca!

Innanzitutto va premesso che restano in vigore:

  • il divieto di assembramento
  • la distanza interpersonale minima di 1 metro
  • l’obbligo di utilizzo delle mascherine
    • al chiuso
    • nei luoghi pubblici
    • all’aperto se non è possibile rispettare la distanza
    • ogni qualvolta si debba stare vicino a persone non conviventi
    • nei luoghi di lavoro

Cosa cambia concretamente per cittadini e imprese? Vediamo in sintesi le principali novità.

Coprifuoco

  • Il coprifuoco è eliminato, non ci sono più limiti orari per il rientro alla propria abitazione e la mobilità delle persone, tranne se ci si sposta verso regioni in zona gialla (o altro colore): senza motivi validi vanno rispettate le restrizioni orarie in vigore

Bar, ristoranti etc…

  • Non ci sono più distinzioni tra tavoli all’aperto o al chiuso, né limiti orari. Vincoli numerici continuano a esserci per quanto riguarda il numero massimo di persone che possono sedere allo stesso tavolo al chiuso:
    • nei posti al chiuso possono sedersi al massimo 6 persone
    • all’aperto nessun vincolo, salvo il rispetto della distanza tra i tavoli

Cerimonie, fiere etc…

  • Può riprendere lo svolgimento di fiere
  • Si possono celebrare matrimoni e cerimonie in generale (nel rispetto delle distanze, delle linee guida approvate dalla Conferenza delle Regioni, e se in possesso del green pass)

Piscine, parchi tematici, sale da gioco, eventi sportivi

  • Possono riaprire anche le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale da gioco
  • Permessi gli eventi sportivi nei palazzetti al chiuso (max 500 spettatori e capienza limitata a 1/4)

Per maggiori informazioni contatta i nostri uffici territoriali.

Sticky
Giugno 07, 2021
Commenti disabilitati su L’UMBRIA finalmente in ZONA BIANCA

VACCINI in AZIENDA

Nei giorni scorsi la Regione Umbria ha finalmente emanato le linee guida per l’istituzione di punti per la somministrazione dei vaccini in azienda, prevedendo che possano essere allestiti:

  • presso l’azienda per vaccinare i propri lavoratori, ma anche lavoratori di altre imprese del territorio
  • presso associazioni di categoria/enti bilaterali
  • presso strutture private accreditate

Per poter istituire un punto vaccinale aziendale si devono poter garantire:

  • la somministrazione di almeno 200 vaccini al giorno per più giorni
  • l’idoneità degli spazi messi a disposizione per le vaccinazioni, che dovranno prevedere:
    • locali per l’ingresso, l’accettazione e l’attesa
    • il locale per la somministrazione del vaccino
    • una stanza per l’osservazione post-vaccino
    • la disponibilità di arredi, attrezzature, dispositivi e presidi sanitari per gestire eventuali emergenze
  • la disponibilità del medico del lavoro aziendale o di personale sanitario incaricato
  • la registrazione informatica degli utenti vaccinati per poter programmare i richiami successivi.

I punti vaccinali che risponderanno ai requisiti definiti nelle linee guida dovranno essere preventivamente accreditati dal Servizio Sanitario Regionale e, solo dopo, potranno diventare operativi.

            I vaccini verranno messi a disposizione dal Servizio Sanitario, mentre tutti gli altri costi saranno a carico delle imprese.

Tutto questo si inserisce nel piano vaccinale nazionale e regionale, per questo va tenuto conto che:

  • entro la settimana in Umbria inizieranno le vaccinazioni per gli over 50 e, già da ieri, sono partite le prenotazioni per gli over 16
  • i requisiti richiesti per l’istituzione di un punto vaccinale aziendale
  • i tempi necessari per l’accreditamento dei punti vaccinali aziendali
  • i costi e le responsabilità ricadenti sulle imprese che volessero istituire un punto vaccinale aziendale e/o interaziendale

Alle imprese che volessero istituire un punto vaccinale aziendale forniamo gratuitamente l’assistenza tecnica necessaria ad accreditarsi presso il Servizio Sanitario Regionale.

Stiamo attivando convenzioni con strutture sanitarie private accreditate, in possesso dei requisiti richiesti, che erogheranno le vaccinazioni al pari del servizio pubblico sulla base degli accordi sottoscritti dalle parti sociali lo scorso mese di aprile.


Per maggiori informazioni contatta i nostri uffici territoriali

Sticky
Giugno 01, 2021
Commenti disabilitati su VACCINI in AZIENDA

TPL UMBRIA, serve un CAMBIO di PASSO

Presentate le proposte delle piccole imprese del settore:

soluzioni green e su misura, prezzi concorrenziali

e investimenti digitali

 

Soluzioni flessibili e green adatte alle caratteristiche geografiche e demografiche dell’Umbria, prezzi assolutamente concorrenziali e disponibilità a fare investimenti importanti in materia di digitalizzazione. È quanto sono disposte a mettere sul piatto le piccole imprese private del trasporto pubblico locale, supportate da uno studio sulle “Potenzialità di sviluppo di un sistema di trasporto flessibile a richiesta a servizio della mobilità nella regione Umbria”, realizzato con il contributo scientifico dell’Università degli Studi di Bologna (prof.ssa Maria Nadia Postorino).

“Con questo lavoro – dichiara Enrico Ceccarelli, imprenditore del trasporto persone e dirigente di CNA Fita Umbria – intendiamo portare il nostro contributo alla riflessione aperta su come riorganizzare la rete del trasporto pubblico locale regionale, in vista dell’imminente nuova gara di affidamento del servizio. Lo studio si concentra sulla formula alla quale, ne siamo convinti, l’Umbria dovrà guardare per disegnare il futuro del trasporto locale.”

“La nostra regione – aggiunge Marina Gasparri, responsabile regionale della Cna per il settore dei trasporti – presenta caratteristiche tali in fatto di morfologia e di struttura insediativa per cui, di fatto, esistono solo due grandi nodi, Perugia e Terni, dove la domanda di trasporto pubblico giustifica pienamente un servizio così come lo abbiamo conosciuto finora, fatto di autobus da oltre 50 posti, con itinerari e orari fissi. Nel resto dell’Umbria la domanda di trasporto è debole, influenzata da territori montani e spazi rurali; persone anziane e disabili che, per motivazioni diverse, non possono utilizzare un trasporto pubblico standard. E sono proprio le aree a domanda debole a rappresentare la sfida in termini di pianificazione, perché occorre bilanciare il diritto alla mobilità delle persone con l’utilizzo delle risorse. La soluzione che, secondo noi, è in grado di rispondere a questa esigenza è quella della mobilità flessibile su richiesta: un sistema che fornisce all’utente, in tempo reale, una serie di soluzioni di viaggio già ottimizzate rispetto al momento in cui il servizio vuole essere utilizzato, e per questo economiche anche se tagliate su misura. Un servizio di questo tipo – prosegue Gasparri – richiede un parco mezzi fatto di vetture, minivan e minibus, un equipaggio di autisti complessivamente in grado di garantire la massima flessibilità e, soprattutto, una piattaforma digitale di supporto, per la quale le piccole imprese private sono disponibili a realizzare gli investimenti necessari.”

Una sfida in termini di organizzazione e disponibilità che i piccoli operatori privati del trasporto persone sono in grado di sostenere in pieno, avendo anche già un’esperienza in materia con i servizi a chiamata che già forniscono da anni, seppure per numeri limitati.

“La mobilità flessibile – va avanti Marina Gasparri -, se introdotta sistematicamente, razionalizzerebbe in termini di costi tutto il servizio pubblico, permettendo di azzerare le diseconomie che si generano applicando il servizio tradizionale a zone o ad orari della giornata in cui la domanda dell’utenza è bassa, offrendo in cambio un servizio di maggiore qualità e più rispondente alle attese degli utenti. Pensiamo inoltre ai notevoli vantaggi ambientali che ne deriverebbero con meno mezzi in circolazione e un progetto di progressiva conversione del parco macchine con veicoli ad alimentazione ecologica. Infine, un sistema di trasporto flessibile a chiamata sarebbe l’ideale per accogliere anche un’altra domanda in cui l’Umbria deve fare passi avanti, quella che viene dai turisti, che potrebbero utilizzare il servizio a chiamata per i trasferimenti del cosiddetto ultimo miglio (dall’aeroporto, dai nodi ferroviari) e per gli spostamenti interni tra città e borghi.”

Lo studio approfondisce le caratteristiche tecniche del servizio, sia da un punto di vista dell’infrastruttura digitale che dovrebbe gestire le richieste provenienti dagli utenti, sia su come rendere ancora più forte la vocazione green, con il possibile utilizzo di mezzi a combustibili alternativi.

“Insomma – conclude Gasparri – nonostante la crisi profonda in cui hanno vissuto questo anno e mezzo di pandemia, le imprese artigiane del trasporto privato sono pronte a fare la loro parte nel nuovo TPL dell’Umbria, con idee e progetti che guardano al futuro.”

Scarica la rassegna

Sticky
Maggio 28, 2021
Commenti disabilitati su TPL UMBRIA, serve un CAMBIO di PASSO

FONDO GARANZIA PMI, prolungati STRUMENTI

Il Decreto Sostegni BIS interviene su una serie di provvedimenti in materia di CREDITO:

  • viene prorogata al 31 dicembre 2021 la moratoria sui prestiti applicata alla quota capitale delle esposizioni oggetto di moratoria, ma entro il 15 giugno va fatta una specifica comunicazione al soggetto finanziatore pena la perdita del beneficio.
  • prolungati fino al 31 dicembre 2021 gli strumenti di garanzia emergenziali previsti dal Fondo di Garanzia per le Pmi e da Garanzia Italia di Sace
  • la durata massima delle garanzie rilasciate sui prestiti alle Pmi sale da 6 a 10 anni, anche per le operazioni già garantite dal Fondo
  • per i finanziamenti sotto i 30mila euro la percentuale massima della garanzia scende dal 100% al 90%
  • sempre nell’ambito del Fondo PMI è stato introdotto uno strumento di garanzia pubblica di portafoglio a supporto dei crediti a medio lungo termine per finanziare
    • progetti di ricerca e sviluppo
    • programmi di investimento di imprese fino a 500 dipendenti

Per maggiori informazioni contatta i nostri uffici territoriali

Sticky
Maggio 28, 2021
Commenti disabilitati su FONDO GARANZIA PMI, prolungati STRUMENTI

MOTORIZZAZIONE, pagamenti SOLO con PagoPA

La trasformazione digitale caratterizza sempre di più gli adempimenti della vita di tutti i giorni.

Il nuovo step arriva per tutte le operazioni presso gli uffici della Motorizzazione civile, che a partire dal 13 luglio dovranno essere pagate unicamente attraverso la piattaforma telematica PagoPA.

Cos’è PagoPA? È il sistema per pagare in modo elettronico i tributi, le tasse, le utenze, le rette, le quote associative, i bolli e qualsiasi altro tipo di pagamento verso la Pubblica Amministrazione, a tutti i livelli (centrali e locali), ma anche verso le aziende a partecipazione pubblica, le scuole, le università, le ASL etc…

Gli uffici della Motorizzazione daranno tempestivamente informazioni sulle nuove modalità di pagamento.

Nel frattempo è importante modulare l’acquisto di prepagati e bollettini di c/c, che dal 13 luglio non potranno più essere utilizzati.


Per informazioni contatta gli uffici di Fitacar, la nostra agenzia di pratiche auto:

Sticky
Maggio 26, 2021
Commenti disabilitati su MOTORIZZAZIONE, pagamenti SOLO con PagoPA

Arriva GUSTUM, il CIRCUITO della RISTORAZIONE

gustum

 

GUSTUM, un circuito che valorizzi la grande tradizione gastronomica regionale attraverso il coinvolgimento di ristoranti,  imprese agricole, GAL e associazioni di categoria.

A promuoverlo sono i GAL Alta Umbria, Media Valle del Tevere, Trasimeno-Orvietano, Valle Umbra e Sibillini.

Aderire a Gustum permetterà alle imprese di entrare a far parte di un itinerario gastronomico che sarà promosso su scala nazionale e la possibilità  di instaurare rapporti commerciali con aziende agricole e agroalimentari di prodotti tipici umbri, con vantaggi per tutti.

Sono previste anche iniziative di sensibilizzazione rivolte a chi partecipa per aumentare la conoscenza della tradizione agroalimentare e gastronomica del territorio umbro.

La prima fase di selezione interesserà 18 imprese per ogni GAL territoriale per un totale di 72 imprese.

Chi può partecipare?

  • Ristorazione con somministrazione (codice Ateco 56.10.11)
  • Agriturismi con ristorazione (codice Ateco 56.10.12)
  • Attività di alloggio connesse alle aziende agricole (codice Ateco 55.20.52)
  • Supermercati (codice Ateco 47.11.20)  e Minimercati (codice Ateco 47.11.40)  alimentari con una superficie fino a 400 mq

Le imprese che vogliono aderire devono presentare richiesta formale al GAL competente per territorio.

Clicca sui link qui sotto:


 

Sticky
Maggio 24, 2021
Commenti disabilitati su Arriva GUSTUM, il CIRCUITO della RISTORAZIONE

CNA e INAIL, un BANDO contro il TECNOSTRESS

bando cna inail tecnostress

Fornire agli artigiani e alle micro-piccole-medie imprese associate alla Cna, soprattutto nei settori del manifatturiero e delle costruzioni, gli strumenti per ridurre i rischi, anche di tipo psicologico, collegati all’utilizzo sempre più frequente di tecnologie digitali e all’insorgenza di nuovi fenomeni, tra cui il tecnostress.

È l’obiettivo della nuova collaborazione regionale tra Inail e Cna, che hanno avviato un percorso di coinvolgimento degli imprenditori che esordirà il 24 maggio 2021, dalle ore 17 alle ore 18, con il webinarTrasformazione digitale dei processi produttivi: come prevenire i nuovi rischi lavorativi”.

“L’evoluzione delle tecnologie digitali ha rivoluzionato radicalmente i processi produttivi del manifatturiero – afferma Renato Cesca, presidente di Cna Umbria -, imponendo nuove modalità di interazione tra risorse umane e macchinari, affidando sempre più spesso ai software la gestione e la manutenzione di intere linee produttive e attribuendo a nuove figure professionali specializzate la supervisione dei processi. Nell’ambito di questa trasformazione si stanno manifestando nuovi rischi e fenomeni, come la cosiddetta automation anxiety, dovuta al timore che le macchine sostituiscano sempre più il lavoro umano.”

“Attraverso il progetto si intende introdurre un approccio nuovo fondato sulla consapevolezza che l’informatizzazione dei processi produttivi rappresenta una sfida culturale, organizzativa e strategica prima ancora che tecnologica – aggiunge Alessandra Ligi, direttore regionale Inail Umbria – e che l’intero impianto organizzativo deve comunque basarsi sulla centralità della persona e sul rispetto dei valori di salute e sicurezza. In tale ottica l’uso costante e adeguato delle information and communication technologies che l’iniziativa intende promuovere, può generare ricadute positive sull’organizzazione del lavoro, digitale e sicura.”

Il webinar in programma il 24 maggio prevede numerosi interventi, tra i quali quello di Stefano Epifani del Digital Trasformation Institute, che parlerà della digitalizzazione nelle micro piccole e medie imprese dell’Umbria; Alessandra Ligi, direttore regionale dell’Inail, illustrerà le iniziative Inail in materia di sicurezza lavorativa nel periodo dell’emergenza Covid; delle prospettive sui nuovi rischi correlati alla digitalizzazione del lavoro si occuperà Luca Taglieri, coordinatore della Contarp Inail Umbria; a M. Silvia Giuliani, dirigente medico di Inail Umbria, è affidata la relazione sui fattori di cambiamento nel rapporto tra tecnologie 4.0 e benessere psico-fisico nei luoghi di lavoro; Erika Minni, dell’area Ambiente & Sicurezza di Cna Umbria, illustrerà il progetto; infine, di safety 4.0 parlerà Anna Lisa Agneletti, responsabile regionale Ambiente & Sicurezza della Cna.

Per partecipare è necessario registrarsi al seguente link

Al termine del webinar sarà pubblicato il bando Cna Inail contro i rischi del tecnostress.

Scarica qui la Rassegna Stampa


Per maggiori informazioni contatta:

Sticky
Maggio 21, 2021
Commenti disabilitati su CNA e INAIL, un BANDO contro il TECNOSTRESS

CONTRIBUTI PER LE MICRO E PICCOLE IMPRESE

INVESTIMENTI, usciti i BANDI REGIONALI

Pubblicati i primi 2 bandi regionali a sostegno degli investimenti innovativi delle imprese contenuti nel pacchetto SMART ATTACK.

I bandi sono caratterizzati da formule a scaglioni, sia per quanto riguarda le dimensioni d’impresa che per l’entità dell’investimento previsto. Eccoli in sintesi:

 

BANDO SMALL (4 milioni di euro)

  • Beneficiari: Micro e Piccole Imprese dei settori Produzione, Commercio e Artigianato.
  • Prestito per investimenti in Digital Transformation
    • da 25mila a 50mila euro
    • al tasso d’interesse dello 0,5%
    • con ammortamento di 60 mesi e preammortamento di 12 mesi;
  • CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO del 40% come remissione del debito per investimenti in tecnologie digitali
  • agevolabili le spese per consulenza e formazione mirate a supportare l’impresa nel percorso di trasformazione digitale
  • previste premialità per imprese femminili e giovanili.

SCARICA LA SINTESI

 

BANDO MEDIUM (4 milioni di euro)

  • Beneficiari: Micro e Piccole Imprese dei settori Produzione, Commercio e Artigianato.
  • Prestito per investimenti in Digital Transformation e Impresa 4.0
    • da 50mila a 150mila euro
    • al tasso d’interesse dello 0,5%
    • con ammortamento di 60 mesi e preammortamento di 12 mesi;
  • CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO del 35% come remissione del debito per investimenti in tecnologie digitali digitali e Impresa 4.0. con una maggiorazione del 5% per aumento occupazionale;
  • agevolabili le spese per consulenza e formazione mirate a supportare l’impresa nel percorso di trasformazione digitale
  • premialità per imprese femminili e giovanili.
  • premialità per i progetti più innovativi con valutazione effettuata insieme a centri di competenza Impresa 4.0.

SCARICA LA SINTESI

 

Per accedere ai bandi è propedeutica la valutazione della maturità digitale dell’impresa, il cosiddetto digital assessment.

Hai bisogno di conoscere la situazione della tua azienda? Contatta la referente digitale a questi recapiti:

 


Per maggiori informazioni e assistenza per l’accesso ai bandi contatta:

  • Paola Sorbi – 075 5059188 – paola.sorbi@cnaumbria.it
  • Silvia Vignaroli – 075 5059126 – silvia.vignaroli@cnaumbria.it

 

Sticky
Maggio 14, 2021
Commenti disabilitati su CONTRIBUTI PER LE MICRO E PICCOLE IMPRESE
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
  • Seguici sui nostri canali social