Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

Aumenta il potere d’acquisto dei tuoi dipendenti con i FRINGE BENEFIT

Vuoi aumentare il potere di acquisto dei tuoi dipendenti?

Puoi farlo attraverso il riconoscimento dei cosiddetti Fringe Benefit per un massimo di 3mila euro.

Ma cosa sono?
Rappresentano una cessione di beni e servizi a favore dei lavoratori non soggetti a tassazione, né per l’impresa che li eroga, né per il lavoratore che li percepisce.
Quindi l’impresa che eroga un benefit del valore di 100 euro al dipendente, non avrà costi aggiuntivi; lo stesso vale per il dipendente che li riceve, perché non andranno ad aumentare il suo reddito imponibile.

Se vuoi approfittarne, i fringe benefit dovranno essere corrisposti entro il 31 dicembre 2022.

ATTENZIONE:
I Fringe benefit possono essere riconosciuti sotto forma di voucher o buoni pasto. L’unico caso in cui possono essere riconosciuti in denaro è quando sono a supporto del pagamento delle utenze domestiche (acqua, energia elettrica e gas). In questo caso, però, il lavoratore dovrà documentare gli importi delle utenze fornendo la copia delle bollette.

Per maggiori informazioni contatti i nostri uffici: qui trovi l’elenco di tutte le sedi CNA in Umbria

Sticky
Novembre 25, 2022
Commenti disabilitati su Aumenta il potere d’acquisto dei tuoi dipendenti con i FRINGE BENEFIT

TREDICESIME: finanziamenti al 100% a costi vantaggiosi

Se sei un socio CNA, per pagare le tredicesime ai tuoi dipendenti puoi ottenere un finanziamento diretto al 100% a un costo assolutamente vantaggioso.

Grazie alla convenzione tra CNA e UNI.CO., infatti, il confidi può concedere ai nostri Associati, non solo il finanziamento al 100% a un tasso di interesse del 3,70%, molto conveniente rispetto a quello applicato dalle banche, ma può accodare anche una maggiorazione del 20% dello stesso finanziamento (fino a un importo massimo di 250mila euro).

La durata del finanziamento diretto concesso da UNI.CO. può arrivare fino a 18 mesi.

Tuttavia consigliamo le imprese di optare per una durata annuale, in modo da poter beneficiare del finanziamento anche il prossimo anno senza accavallamento delle rate e rischi di sovraesposizione finanziaria.

Vuoi avere più informazioni?
Contatta i referenti di UNI.CO. presenti all’interno delle nostre sedi. Consulta l’elenco dei nostri uffici per verificare quello più vicino o più comodo!

Sticky
Novembre 25, 2022
Commenti disabilitati su TREDICESIME: finanziamenti al 100% a costi vantaggiosi

WEBINAR SOA GROUP 

Il Fascicolo Virtuale dell’Operatore Economico (FVOE):
cosa cambia per le imprese negli appalti pubblici di lavori

 

Vuoi partecipare al webinar del 24 novembre 2022 dalle 15.00 alle 17.00?

Interverranno:

Ing. GUIDO CAMERA Direttore Generale SOA GROUP
Dott. MICHELE PIZZICONI Funzionario dell’Ufficio Servizi IT per i contratti pubblici ANAC


Obiettivi
Dal 09 novembre 2022, tutte le imprese che intendono partecipare alle gare di appalto, devono utilizzare il nuovo Fascicolo Virtuale dell’Operatore Economico (FVOE), che consente alle stazioni appaltanti, attraverso un’interfaccia web, di verificare i requisiti di partecipazione, in modo più veloce e puntuale. Anche l’attestazione SOA deve essere inserita nel fascicolo digitale.

In questo nuovo contesto, SOA GROUP ha organizzato un webinar sulle principali novità del FVOE, in modo da illustrare agli operatori economici, attraverso un approccio pratico ed operativo, le differenze rispetto al precedente sistema AVCPASS.

In questo nuovo contesto, SOA GROUP ha organizzato un webinar sulle principali novità del FVOE, in modo da illustrare agli operatori economici, attraverso un approccio pratico ed operativo, le differenze rispetto al precedente sistema AVCPASS.

 

Vuoi partecipare? Clicca qui 

Sticky
Novembre 22, 2022
Commenti disabilitati su WEBINAR SOA GROUP 

Evento CNA INAIL: “Lavoratori over 50: una risorsa per l’azienda”

Insieme per un welfare a sostegno dell’invecchiamento attivo della popolazione lavorativa
Lavoratori over 50: una risorsa per l’azienda

Convegno presso la Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica Villa Umbra | 23 Novembre 2022 ore 10.30-13.00

 

Si parlerà di invecchiamento attivo dei lavoratori nell’incontro organizzato dalla Direzione regionale dell’Inail e da CNA Umbria, in programma Mercoledì 23 Novembre dalle ore 10.30 alle ore 13.00 presso la Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica Villa Umbra Perugia. L’incontro è diretto a imprese, lavoratori, medici del lavoro, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti.

L’invecchiamento della popolazione lavorativa è un fenomeno imprescindibile e in continuo aumento: entro il 2030, infatti, in Europa la forza lavorativa sarà la più anziana della storia.

Oggi, in Umbria, l’età media della popolazione lavorativa è 46,6 anni: siamo la 4° regione più anziana d’Italia.

In un contesto come questo è necessario affrontare il tema dell’invecchiamento a livello imprenditoriale e sociale, sensibilizzando contestualmente le imprese a:

  • cambiare atteggiamento verso l’invecchiamento del lavoratore
  • implementare le misure organizzative necessarie affinchè i lavoratori “esperti” siano una risorsa per l’impresa e venga favorita la sinergia e la cooperazione tra le diverse generazioni
  • adottare strumenti di prevenzione che favoriscano l’invecchiamento attivo per diminuire assenze per malattia, denunce di malattie professionali e infortuni

Nel corso dei lavori ci sarà spazio per presentare il progetto “In-Age: ogni età ha la sua forza!” realizzato da CNA Umbria, in collaborazione con la Direzione regionale dell’INAIL, al quale hanno partecipato alcune imprese artigiane del territorio regionale.

Programma dell’evento (Locandina evento)

Introduzione/saluti
Avv. Marco Magarini Montenero
Amministratore Unico della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica

Dott. Roberto Giannangeli
Direttore CNA Umbria

Dott.ssa Alessandra Ligi
Direttore Regionale INAIL Umbria

Dott.ssa Gabriella Madeo
Servizio Prevenzione, Sanità
veterinaria, Sicurezza alimentare Regione Umbria

Interventi
Prof. Giacomo Muzi
“Medicina del Lavoro, Malattie Respiratorie e Tossicologia Professionali e Ambientali”
Università degli Studi-Azienda Ospedaliera di Perugia

Dott.ssa Patrizia Bodo
Dipartimento di Prevenzione USL Umbria 1

Dott. Luca Latini
Dipartimento di Prevenzione USL Umbria 1

Dott.ssa Monica Salciarini
Dirigente Medico Direzione Regionale INAIL Umbria

Dott.ssa Anna Lisa Agneletti
Responsabile Regionale Servizi Ambiente e Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro di CNA Umbria  “In Age: ogni età ha la sua forza!” esperienze a confronto con la partecipazione di:
Dott.sa Margherita Pera – Psicologa del lavoro
Dott. Michele Bagliani – Biologo nutrizionista
Dott. Riccardo Canfora – Fisioterapista  
Dott. Gabriele Galatioto – Responsabile Risorse Umane ditta Galassia SRL

L’invito è aperto a tutti, la partecipazione è gratuita, gradita registrazione qui

 

Sticky
Novembre 11, 2022
Commenti disabilitati su Evento CNA INAIL: “Lavoratori over 50: una risorsa per l’azienda”

Autoproduzione di energia: “incentivi per il fotovoltaico”

Presentata stamattina la manovra “SOLAR ATTACK“: la Regione Umbria destina 26 milioni per sostenere la realizzazione di nuovi impianti fotovoltaici per l’auto-produzione di energia da parte delle imprese, comprese quelle artigianali e commerciali. 

Una manovra dedicata all’autoconsumo, in risposta alla crisi energetica attuale e nella ferma volontà che sia fondamentale incentivare fortemente la transizione energetica e gli investimenti in rinnovabili.

Sono stati previsti incentivi differenziati in base alla dimensione dell’investimento e dell’impresa.

Il Bando verrà pubblicato entro la fine di novembre mentre sarà possibile presentare domanda da inizio gennaio 2023.

Scarica il documento “Solar Attack”

Sticky
Novembre 09, 2022
Commenti disabilitati su Autoproduzione di energia: “incentivi per il fotovoltaico”

Credito d’imposta per ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE

Segnaliamo che anche per i mesi di ottobre e novembre 2022 sono stati previsti crediti d’imposta, con aliquote aumentate, per l’acquisto di energia elettrica e gas a favore delle imprese.

Già in precedenza, con il Decreto Aiuti e il Decreto Aiuti Bis, era stata riconosciuta la possibilità di richiedere i crediti di imposta da parte delle imprese per l’acquisto di energia elettrica (anche autoprodotta) e gas naturale.

Di seguito si riportano i requisiti per l’accesso alle varie misure:

  • Imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW:
    • Credito di imposta pari al 15% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica acquistata ed utilizzata nel secondo trimestre dell’anno 2022, qualora il prezzo della stessa componente, calcolato sulla base della media riferita al primo trimestre 2022 abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019;
    • Credito di imposta pari al 15% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica acquistata ed utilizzata nel terzo trimestre dell’anno 2022, qualora il prezzo della stessa componente, calcolato sulla base della media riferita al secondo trimestre 2022, abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019
  • Imprese e dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW:
    • Credito di imposta pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica acquistata ed utilizzata nel periodo ottobre-novembre dell’anno 2022, qualora il prezzo della stessa componente, calcolato sulla base della media riferita al terzo trimestre 2022, abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019
  • Imprese “non gasivore”:
    • Credito di imposta pari al 25% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente materia prima gas naturale acquistata ed utilizzata nel secondo trimestre dell’anno 2022, qualora il prezzo di riferimento del Mercato Infragiornaliero gas naturale, calcolato come media, riferita al primo trimestre 2022 abbia subìto un incremento superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019.
    • Credito di imposta pari al 25% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente materia prima gas naturale acquistata ed utilizzata nel terzo trimestre dell’anno 2022, qualora il prezzo di riferimento del Mercato Infragiornaliero gas naturale, calcolato come media, riferita al secondo trimestre 2022 abbia subìto un incremento superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019.
    • Credito di imposta pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente materia prima gas naturale acquistata ed utilizzata nel periodo ottobre-novembre dell’anno 2022, qualora il prezzo di riferimento del Mercato Infragiornaliero gas naturale, calcolato come media, riferita al terzo trimestre 2022, abbia subìto un incremento superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019*.

CNA rimane a disposizione con un proprio servizio dedicato per supportare le imprese nella valutazione del diritto al credito di imposta e al successivo calcolo dello stesso.

Per le aziende clienti è possibile rivolgersi presso l’ufficio competente (qui), altrimenti si faccia riferimento al form di contatto sottostante:




    Vi autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy*


    * Dati obbligatori per accedere al form





    Sticky
    Novembre 08, 2022
    Commenti disabilitati su Credito d’imposta per ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE

    Credito d’imposta per energia elettrica

    L’Agenzia dell’Entrate ha pubblicato una circolare che delinea i primi chiarimenti in merito al credito d’imposta per l’acquisto di energia elettrica.

    Ecco alcune specifiche:

    • Imprese “non Energivore” e dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW:

    Credito di imposta pari al 15% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica acquistata ed utilizzata nel secondo trimestre dell’anno 2022, qualora il prezzo della stessa componente, calcolato sulla base della media riferita al primo trimestre 2022, al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019 (D.L. 21/2022, art. 3)

    Le aziende clienti assistite dal servizio fiscale potranno rivolgersi direttamente all’ufficio di riferimento al fine di procedere al nuovo servizio di valutazione del diritto all’agevolazione.

    Rimaniamo invece a disposizione per supportare tutte le imprese associate nella valutazione del diritto al credito di imposta e al successivo calcolo dello stesso acquistando il servizio nella sezione online del sito: https://www.formazione-cnaumbria.it/prodotto/5209/.

    Aggiornamenti in arrivo


     

    Se sei cliente rivolgiti alla sede CNA a te più vicina (qui), altrimenti puoi contattare servizioenergia@cnaumbria.it

    Sticky
    Ottobre 24, 2022
    Commenti disabilitati su Credito d’imposta per energia elettrica

    CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO MULTI ATTIVITÀ SVILUPPUMBRIA

    Contributo a fondo perduto in favore dei soggetti destinatari, che hanno subito nel suo complesso nell’anno 2020 :una riduzione del fatturato nella percentuale minima del 15% rispetto all’annualità 2019. Per i destinatari del contributo localizzati nei Comuni del “cratere”, che sono stati interessati dal sisma 2016 e seguenti, gli anni da prendere a riferimento per il calo del fatturato sono quelli del 2020 rispetto al 2015. Ai fini dell’ammissibilità della domanda, la riduzione minima del 15% del fatturato subita nell’ anno 2020 rispetto all’anno 2019 o, nel 2015 per i comuni del “cratere”

    Le imprese, che sono risultate idonee ed ammesse in graduatoria per gli avvisi di seguito elencati, non possono presentare domanda di partecipazione:

    -Avviso pubblico per l’erogazione di contributi a fondo perduto (ristori) in favore delle imprese turistiche, come definite ai sensi dell’art. 4 del codice di cui all’allegato 1 al d.lgs. 23 maggio 2011, n. 79 localizzate nei comuni ubicati all’interno di comprensori sciistici –

    – Avviso per l’erogazione di contributi a fondo perduto (ristori) in favore delle imprese esercenti trasporto turistico di persone mediante autobus coperti, imprese esercenti attività nel settore dei matrimoni e degli eventi privati, organizzazione fiere, imprese esercenti attività di commercio all’ingrosso nel settore alimentare, soggetti operanti nel settore dell’informazione locale, stampa quotidiana e periodica, informazione on line, imprese esercenti attività di edizione libri e imprese esercenti attività di parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici .

     

    SOGGETTI DESTINATARI DEI BENEFICI SONO:

    Tipologia A):

    Imprese che esercitano come attività economica prevalente una delle seguenti attività, come risultante da

    visura camerale (Cod. ATECO prevalente), rientrante nei codici Ateco indicati in una delle seguenti tipologie:

    • 47.78.31 Commercio al dettaglio di oggetti d’arte (incluse le gallerie d’arte)

    – punti vendita presso mostre e musei,

    • 47.78.32 Commercio al dettaglio di oggetti d’artigianato,
    • 47.78.33 Commercio al dettaglio di arredi sacri ed articoli religiosi,
    • 47.78.34 Commercio al dettaglio di articoli da regalo e per fumatori,
    • 47.78.35 Commercio al dettaglio di bomboniere,
    • 47.78.36 Commercio al dettaglio di chincaglieria e bigiotteria (inclusi gli oggetti ricordo e gli

    articoli di promozione pubblicitaria),

    • 47.78.37 Commercio al dettaglio di articoli per le belle arti.

    Tipologia B):

    Imprese che svolgano attività artistiche, come risultante da visura camerale (Cod. ATECO prevalente), con sede localizzata nei centri storici stabilmente e continuativamente aperta al pubblico per la vendita diretta di beni e produzioni artistiche.

    Imprese artigianali, localizzate nei centri storici, e iscritte nella Albo delle Imprese artigiane presso la competente camera di commercio come risultante da visura camerale (Cod. ATECO prevalente) e non ricomprese nel codice ATECO dell’edilizia e dell’impiantistica.

    Per localizzazione nei centri storici si intende che la sede operativa sia ricompresa nella Zona A o limite del Centro Storico come risulta dai vigenti strumenti Urbanistici adottati dai singoli comuni.

    Tipologia C):

    Imprese della ristorazione che esercitano come attività economica prevalente, come risultante da visura camerale, quella di cui al seguente Codice ATECO: 56.10.11 – Ristorazione con somministrazione.

    Tipologia D):

    Imprese della ristorazione, ubicate nei centri storici, che esercitano come attività economica prevalente, come risultante da visura camerale, quella di cui al seguente Codice ATECO: 56.10.11 – Ristorazione con somministrazione.

    Per localizzazione nei centri storici si intende che la sede operativa sia ricompresa nella Zona A o limite del Centro Storico come risulta dai vigenti strumenti Urbanistici adottati dai singoli comuni.

    REQUISITI :

    1. a) essere regolarmente costituite ed iscritte nel registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio;
    1. b) avere sede operativa o unità locale in Umbria, ovvero nei casi richiesti dall’Avviso sede operativa nei centri storici umbri;
    1. c) essere attive al momento della presentazione della domanda e non essere sottoposte a procedure di liquidazione (anche volontaria), fallimento, concordato preventivo, amministrazione controllata o altre procedure concorsuali in corso o nel biennio antecedente la data di presentazione della domanda;
    1. d) non aver presentato richiesta di concordato “in bianco” ex art. 33 Decreto Sviluppo
    2. e) essere attive al momento della presentazione della domanda e non essere sottoposte ad accordi stragiudiziali né a piani asseverati ex art. 67 L.F., né ad accordi di ristrutturazione ex art. 182 bis L.F.;
    1. f) rispettare le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia fiscale, previdenziale, di sicurezza dei lavoratori e dei partecipanti impegnati nelle iniziative approvate, dei contratti collettivi di lavoro e delle normative relative alla tutela dell’ambiente;
    1. g) essere in regola con la normativa antimafia (D. Lgs. n. 159 del 6.09.2011);
    2. h) essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a favore dei lavoratori, verificabile attraverso il DURC; ovvero nel caso di non assoggettabilità dell’iscrizione Inps e Inail tramite la compilazione del modello Allegato D) dell’Avviso;
    1. i) non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti che sono stati individuati dalla Commissione Europea quali illegali o incompatibili (c.d. clausola “DEGGENDORF”).

     

    MISURA DEL CONTRIBUTO IN DEMINIMIS

    Il contributo concedibile viene calcolato per ogni singola Tipologia nella maniera seguente:

    1. a) calcolo del totale delle perdite di fatturato complessivo dei singoli beneficiari ammissibili come stabilito al precedente articolo 2;
    2. b) determinazione del peso della perdita di fatturato del singolo beneficiario rispetto al totale di cui al punto a);
    3. c) determinazione del contributo da assegnare al singolo beneficiario sulla base del peso di cui al punto b) moltiplicato per l’ammontare delle risorse disponibili assegnate per ogni Tipologia di cui all’ art 4 risorse finanziarie.

    In ogni caso il contributo concedibile ad ogni singolo beneficiario non può essere superiore alla perdita di fatturato subito dallo stesso.

    Si specifica che a favore dei beneficiari degli interventi di cui alle Tipologie A, B, C, D, del presente avviso, per i quali in applicazioni delle sopracitate modalità di calcolo siano assegnatari di un contributo inferiore ad € 1.000,00, si procederà, in applicazione della DGR 553/2022, all’innalzamento dello stesso sino al raggiungimento della soglia minima di €. 1.000,00. Le agevolazioni concesse sono cumulabili con altre agevolazioni / provvidenze / sovvenzioni / contributi concessi per le medesime finalità di cui al presente Bando, fino alla concorrenza dell’effettiva perdita di fatturato.

    TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

    Registrazione dell’impresa

    1. Ai fini della compilazione ed invio della domanda di ammissione alle agevolazioni richiedente dovrà disporre:

    – dell’accreditamento si uno dei sistemi SPID, CIE o CNS

    – di una marca da bollo da € 16,00;

    – di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata, valido e funzionante;

    – del certificato di firma digitale del legale rappresentante, in corso di validità.

    Compilazione delle domande di ammissione alle agevolazioni

    La compilazione delle domande di ammissione alle agevolazioni potrà essere effettuata a partire dalle ore 10:00:00 del 20/10/2022 e fino alle ore 12:00:00 del 21/11/2022 utilizzando esclusivamente il servizio on line raggiungibile all’indirizzo: https://serviziinrete.regione.umbria.it/.

    1. Durante la compilazione della domanda di ammissione alle agevolazioni dovranno essere obbligatoriamente inseriti, tramite upload nell’apposita sezione, i seguenti allegati:

    – Per le società copia dei rispettivi bilanci approvati e riferiti agli anni 2019 e 2020. (Per i Comuni del “cratere”, bilanci riferiti agli anni 2015 e 2020);

    • Dichiarazione DE MINIMIS (Allegato B).

    Invio delle richieste di ammissione alle agevolazioni

    L’invio della domanda di ammissione alle agevolazioni potrà essere effettuato a partire dalle ore 10:00:00 del 27/10/2022 e fino alle ore 12:00:00 del 21/11/2022 accedendo all’indirizzo http://trasmissione.bandi.regione.umbria.it indicato nella ricevuta di avvenuto completamento della fase di compilazione.

    Ai fini dell’invio il sistema richiederà l’inserimento del codice univoco alfanumerico identificativo domanda riportato sulla suddetta ricevuta.

    Sticky
    Ottobre 17, 2022
    Commenti disabilitati su CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO MULTI ATTIVITÀ SVILUPPUMBRIA

    Italia ce la farà? Assemblea Regionale CNA Umbria

    L’Italia ce la farà? 

    Assemblea Regionale CNA Umbria
    Incontro con i candidati
    Elezioni politiche 2022

    17 settembre 2022 ore 10.00 
    Centro Congressi Best Western Hotel Quattrotorri – Perugia

    Aumento dei costi energetici, imprese costrette a fermare la produzione, cattiva gestione del Superbonus e della cessione dei crediti, inflazione in salita, perdita del potere d’acquisto dei salari, attuazione del PNRR a rischio, riforme non più rimandabili ancora da realizzare: uno scenario da brividi che chiama la politica a fare scelte all’altezza della situazione.
    Ne parleremo con i candidati dei principali schieramenti politici alle elezioni del 25 settembre, portando le istanze delle imprese e chiedendo impegni precisi.

    Partecipa anche tu

    PROGRAMMA

    Saluti
    Michele Carloni – Presidente CNA Umbria
    Donatella Tesei – Presidente Regione Umbria

    Relazione introduttiva
    Roberto Giannangeli – Direttore CNA Umbria

    Intervengono i candidati

    CENTRO DESTRA
    Francesco Zaffini
    Virginio Caparvi
    Raffaele Nevi

    CENTRO SINISTRA
    Federico Novelli
    Stefano Vinti
    Francesco De Rebotti

    MOVIMENTO 5 STELLE
    Raffaella Brunozzi
    Emma Pavanelli
    Federico Pasculli

    AZIONE/ITALIA VIVA
    Donatella Porzi
    Carla Casciari
    Franco Barbabella

    Coordina i lavori Claudio Cerasa – Direttore de “Il Foglio”

    Sticky
    Settembre 13, 2022
    Commenti disabilitati su Italia ce la farà? Assemblea Regionale CNA Umbria

    L’impegno della CNA CONTRO l’ABUSIVISMO

    Chi esercita una professione in modo abusivo danneggia tutti.

    • Perché pratica una forma di concorrenza sleale contro le imprese che agiscono alla luce del sole
    • Perché drena risorse all’economia
    • Perché  si sottrae al fisco e a ogni altro tipo di controllo
    • Perché non contribuisce a pagare i servizi essenziali (sanità, scuola etc…)
    • Perché  espone il cliente finale e gli stessi lavoratori coinvolti a grossi rischi in termini di salute e sicurezza.

    Per questo l’abusivismo va combattuto senza tentennamenti, unendo tutte le forze in campo.

    Per farlo abbiamo sottoscritto un protocollo di intesa con la Guardia di Finanza, l’Agenzia delle Entrate, l’Inps, l’Inail, l’ANCI (Associazione dei Comuni dell’Umbria), ma anche con le Prefetture di Perugia e Terni.

    Conosci casi di presunto esercizio abusivo della professione???

    Invia una segnalazione all’indirizzo abusivismo@cnaumbria.it indicando:

    • il Comune in cui si svolge il presunto illecito
    • il nominativo della persona o dell’impresa che si pensa abbia commesso il presunto illecito
    • la descrizione del presunto illecito (settore, tipo di attività, ecc.)

    La tua segnalazione verrà condivisa con gli Enti deputati ai controlli.

    Ma puoi fare ancora di più: guarda e condividi la nostra campagna di comunicazione sull’abusivismo nel settore dell’acconciatura e dell’estetica, tra i più colpiti da questo fenomeno!

    E se vuoi avere maggiori informazioni sull’impegno della CNA contro l’abusivismo contatta:

     

    Ecco la nostra NUOVA CAMPAGNA di comunicazione

     

    Scopri i video che abbiamo realizzato

    • Il benessere nei saloni di acconciatura… molto meglio che a casa

    Fuori dal salone di acconciatura non c’è COMPETENZA

     

     

    Fuori dal salone di acconciatura non c’è LEGALITÀ

     

     

    Fuori dal salone di acconciatura non c’è SICUREZZA

     

     

    IL BENESSERE NEI SALONI DI ACCONCIATURA…

     

     

    • Il benessere nei centri estetici… molto meglio che a casa

    Fuori dal centro estetico non c’è LEGALITÀ

     

     

     Fuori dal centro estetico non c’è COMPETENZA

     

     

    Fuori dal centro estetico non c’è SICUREZZA

     

     

    IL BENESSERE NEI CENTRI ESTETICI …

     

    Sticky
    Settembre 06, 2022
    Commenti disabilitati su L’impegno della CNA CONTRO l’ABUSIVISMO
    • CNA UMBRIA

      Via Angelo Morettini, 7
      06128 Perugia
      Tel: 075 505911 ||
      Fax: 075 5006279
      info@cnaumbria.it
      C.F. 94005590545

    • Generic selectors
      Affina la ricerca
      Cerca nel Titolo
      Cerca nei contenuti
      Cerca in Articoli
      Cerca nelle Pagine
      Cerca per Categorie
      AMBIENTE E SICUREZZA
      ATTIVITA' SINDACALE
      Bandi attivi
      BANDI ATTIVI START UP
      BANDI E INCENTIVI
      Bandi scaduti
      BENESSERE
      CINEMA
      CITTADINO
      CNA INFORMA
      CNA PER LE IMPRESE
      CNA RICONVERTITE
      COMUNICAZIONE
      COSTRUZIONI
      CREA LA TUA IMPRESA
      CREDITO
      DIGITALE
      DIH
      EVENTI
      faq ammortizzatori sociali
      FAQ FISCALI
      FAQ SALUTE E SICUREZZA
      FISCO
      FORMAZIONE
      GIOVANI IMPRENDITORI
      INDAGINI
      INDAGINI CNA
      INNOVAIMPRESA
      LEGISLAZIONE LAVORO
      MANIFATTURIERO
      NAZIONALE
      PENSIONATI
      PRATICHE AUTO _ FITACAR
      PROPOSTE CNA
      SERVIZI
      SERVIZI COMUNITÀ
      SERVIZI IMPRESE
      SERVIZI INNOVATIVI
      SERVIZIO ENERGIA
      SISTEMA CNA
      SMART ATTACK
      SMART WORKING
      SosCNA
      SUPERBONUS
      TRASPORTI
      TURISMO E CULTURA
      ULTIME NOVITA'
      WEBINAR
    • Seguici sui nostri canali social