Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

SPOSTAMENTI tra COMUNI e ARTIGIANI di fiducia

Dopo CNA Umbria, che dall’inizio delle nuove restrizioni sta chiedendo alle Prefetture di Perugia e Terni e all’Anci un chiarimento sulla possibilità per i cittadini di effettuare spostamenti tra Comuni per raggiungere i propri artigiani di fiducia , oggi interviene la CNA Nazionale con una lettera al Presidente del Consiglio e al ministro dell’Economia.

“La CNA ritiene che, nella piena osservanza dei protocolli di sicurezza, i cittadini possano recarsi da artigiani di fiducia che non svolgono attività in grado di determinare assembramenti“, com’è il caso di acconciatori, estetiste, lavanderie, autoriparatori etc…

Un po’ ovunque si stanno registrando nel Paese provvedimenti di deroga al divieto di effettuare spostamenti tra Comuni, soprattutto nelle zone arancione e rossa. Questo anche perché la presenza di tanti Comuni e le caratteristiche geografiche dell’Italia rendono inevitabile una grande interazione economica e sociale tra cittadini residenti in Comuni differenti.

Diventa perciò urgente “un intervento del governo per rendere omogenee le decisioni eventualmente differenti assunte dalle autorità amministrative sul territorio.”

Sticky
Novembre 20, 2020
Commenti disabilitati su SPOSTAMENTI tra COMUNI e ARTIGIANI di fiducia

Umbria“ARANCIONE”: cosa cambia per PARRUCCHIERI ed ESTETISTE

 

Dall’11 novembre in Umbria entrano in vigore le norme anti-Covid previste dal DPCM del 3 novembre per le regioni “arancioni”, cioè le norme dell’art. 2 del DPCM.

Premesso che parrucchieri ed estetiste possono stare aperti, senza limitazioni, c’è però una novità sostanziale.

Sono vietati gli spostamenti da un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione se non per motivi: di studio, di lavoro, di salute, di necessità, oppure per usufruire di un servizio che nel proprio comune non è disponibile.

Quindi, per questa norma, non è possibile andare dal proprio parrucchiere o dalla propria estetista se questo si trova in un comune diverso da quello della propria residenza, a meno che nel proprio comune questo servizio non sia disponibile.

Consapevoli del disagio per la categoria che questa disposizione comporta, abbiamo chiesto approfondimenti alle Prefetture e ad ANCI UMBRIA (l’associazione dei Comuni umbri). Al momento quindi rimane confermata questa interpretazione più restrittiva, ma ci riserviamo di farvi avere gli esiti delle nostre richieste di chiarimenti.

Ricordiamo poi un’altra norma, sempre prevista dal DPCM del 3 novembre e valida per tutte le zone – gialla, arancione, rossa – che riguarda le chiusure degli esercizi all’interno dei centri commerciali nei giorni prefestivi e festivi. Ad oggi, l’interpretazione data da una circolare del Ministero degli Interni e anche dai principali comuni dell’Umbria è quella che tutte le attività all’interno dei centri commerciali, quindi anche parrucchieri ed estetiste, devono stare chiusi di sabato e di domenica, fatta eccezione per quelle indicate espressamente dal DPCM (farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole).

Anche su questa norma CNA si riserva di informare tutte le imprese associate in caso di novità.

 


 

Per maggiori informazioni contattare:

 

Sticky
Novembre 11, 2020
Commenti disabilitati su Umbria“ARANCIONE”: cosa cambia per PARRUCCHIERI ed ESTETISTE

L’UMBRIA passa in zona ARANCIONE

 

L’Umbria passa da zona gialla a zona arancione: la decisione è stata presa sulla base dei dati dei contagi da Covid-19 degli ultimi giorni.

Ecco cosa cambia:

  • Vietato circolare dalle 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, salute e necessità
  • Vietati gli spostamenti in entrata e uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio e necessità.
    Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio comune.
  • Chiusura di bar e ristoranti 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.
  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.
  • Chiusura mostre e musei.
  • Didattica a distanza per le scuole superiori e medie (ordinanza regionale), fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori . Didattica in presenza per le scuole d’infanzia, elementari.
    Chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori.
  • Riduzione fino al 50% del trasporto pubblico ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.
  • Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.
  • Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Aperti i centri sportivi.

Scarica l’autocertificazione qui autocertificazione-zona arancione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Se hai bisogno di maggiori informazioni sull’Umbria zona arancione, contatta i nostri uffici territoriali (l’elenco lo trovi qui).

Sticky
Novembre 10, 2020
Commenti disabilitati su L’UMBRIA passa in zona ARANCIONE

TRASFORMAZIONE DIGITALE, ecco il BANDO MISE

bando mise digitale

Pubblicato il bando del Mise per sostenere la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese.  

In palio ci sono 100 milioni di euro per finanziare progetti che introducono innovazioni di processo o dell’organizzazione, oppure investimenti attraverso l’introduzione di:

  • tecnologie individuate nel Piano Nazionale Impresa 4.0 (advanced manufacturing solutions, additive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate a
    • ottimizzare la catena della distribuzione
    • software
    • gestione e coordinamento della logistica
    • e-commerce, geolocalizzazione, blockchain, intelligenza artificiale etc…

Per beneficiarne le imprese devono:

  • operare prevalentemente nei settori.
    • manifatturiero
    • servizi alle imprese
    • turistico (fruizione digitale beni culturali)
    • commercio
    • altro (clicca qui per maggiori dettagli)
  • avere ricavi di almeno 100mila euro nell’ultimo bilancio approvato e depositato
  • avere almeno due bilanci approvati e depositati al Registro per le Imprese

I progetti – che possono essere presentati anche tra più imprese fino ad un massino di 10 – devono prevedere un importo di spesa che vada da un minimo di 50mila a un massimo di a 500mila euro ed essere avviati dopo la presentazione della domanda.

Le agevolazioni sono concesse sul 50% delle spese ammissibili, di cui il 10% come contributo e il 40% come finanziamento agevolato.

Le domande, che saranno valutate a sportello secondo l’ordine cronologico di arrivo, potranno essere presentate, a partire dalle ore 12.00 del 15 dicembre 2020, esclusivamente online.

Ammessa una sola domanda per ciascun soggetto.


Per avere maggiori informazioni e assistenza nella preparazione dei progetti contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi:

Sticky
Ottobre 13, 2020
Commenti disabilitati su TRASFORMAZIONE DIGITALE, ecco il BANDO MISE

VOUCHER EXPORT, PROROGA al 31 dicembre

PROROGA SCADENZA AL 31 dicembre 2020

bando internazionalizzazione

 

In arrivo, per le micro, piccole e medie imprese, i voucher per facilitare i percorsi di internazionalizzazione delle PMI.

Possono partecipare al bando le imprese di produzione di beni e servizi, in regola con il Durc, che hanno la sede operativa in Umbria e che sono già esportatrici o vogliono diventarlo.

L’entità dei contributi a fondo perduto, sotto forma di voucher, è pari:

  • al 50% dell’importo NON in regime “de minimis”
  • al 60% – 70% (in relazione al volume di fatturato export) dell’importo se non in regime “de minimis”

In un’unica domanda l’impresa può richiedere al massimo n. 2 voucher, corrispondenti a 2 diversi servizi consulenziali da scegliere tra:

1.”Affiancamento specialistico all’internazionalizzazione”: farsi affiancare da un Temporary Export Manager (TEM) o da un DEM (Digital Export Manager) con un contratto di

  • massimo 14mila euro per imprese con 3/9 dipendenti a tempo indeterminato
  • massimo 20mila euro per imprese con almeno 10 dipendenti a tempo indeterminato

N.B: il voucher non è richiedibile dalle imprese già assegnatarie di voucher TEM ancora in  corso e per lo stesso Paese estero

2.Servizi specialistici per l’internazionalizzazione”: un massimo di 7mila euro di servizi di consulenza/assistenza per:

  • assistenza legale su: contrattualistica internazionale, gestione delle controversie e recupero dei crediti esteri;
  • consulenza sulla fiscalità societaria e commerciale in contesti internazionali
  • consulenza doganale su aspetti tecnici, legislativi e procedurali relativi all’import/export;

3. “Promozione digitale sui mercati esteri”

  1. Progettazione e sviluppo di:
    • show room e vetrine virtuali
    • piattaforme AR/VR Business commerce per l’export
    • consulenze per l’attivazione e iscrizione a piattaforme di e-commerce B2C o B2B esistenti
  2. Progettazione e sviluppo di sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobile) finalizzati all’internazionalizzazione
  3. Progettazione, sviluppo e sostegno al posizionamento dell’offerta sui canali commerciali prescelti verso i mercati esteri selezionati
  4. Adeguamento e potenziamento del sito web, portali e altri ambienti web-based in inglese o nella lingua del Paese o Paesi target
  5. Ideazione e realizzazione di design e brand per la penetrazione nei mercati esteri.

4. “Servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali”  per:

  1. ottenere certificazioni estere di prodotto,
  2. registrare marchi e brevetti all’estero
  3. ottenere certificazioni di qualità conformi alle pertinenti norme europee per agevolare la penetrazione su determinati mercati esteri.

 N.B: il voucher relativo ad uno dei servizi descritti nei punti 2) 3) e 4)  prevede un  importo massimo di consulenza ammissibile a contributo pari a 7mila euro per aziende con 3/9 dipendenti a tempo indeterminato e a 10mila euro per aziende da 10 dipendenti a tempo indeterminato.

La durata massima del Progetto Voucher sarà:
– 6 mesi per aziende con 3/9 dipendenti a tempo indeterminato
– 9 mesi per aziende da 10 dipendenti a tempo indeterminato.

 

Tempi per inoltro domanda: la compilazione ed invio della domanda potrà essere effettuata dal 13 luglio 2020 ore 10.00  al  31 dicembre 2020. 

La procedura di assegnazione dei Voucher sarà di tipo valutativo a sportello e prevede la determinazione di concessione del contributo per singola domanda in base al raggiungimento di un punteggio di merito pari ad almeno punti 60 in base a criteri di valutazione stabiliti nel bando e per ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento delle risorse.

 

Paesi prioritari*:

Stati Uniti, Canada, UE, Cina, Russia, Polonia, India, Giappone, Corea del Sud, Vietnam, Messico, Brasile, Turchia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, Indonesia, Filippine, Perù Kazakistan, Marocco, Tunisia, Cile, Colombia, Etiopia, Ghana, Kenya, Mozambico, Nigeria e Sud Africa.

 

Vuoi avere maggiori informazioni?
Iscriviti qui al nostro webinar gratuito  in programma per venerdì 10 luglio – ore 11.30

 


Per ulteriori informazioni e l’attivazione dei voucher contatta i Servizi Innovativi CNA Umbria

Sticky
Ottobre 01, 2020
Commenti disabilitati su VOUCHER EXPORT, PROROGA al 31 dicembre

Bandi MISE su BREVETTI APERTO, ESAURITE RISORSE PER MARCHI E DISEGNI

Sono tre i bandi del MISE (Ministero per lo Sviluppo economico) che intervengono a sostegno della registrazione di marchi, brevetti e disegni/modelli delle piccole e medie imprese.

MARCHI

A partire dal 30 settembre le piccole e medie imprese che intendono

  • registrare un marchio
  • estendere un marchio nazionale o UE
  • designare successivamente un marchio già registrato

possono accedere alla piattaforma dedicata alla prenotazione delle risorse , a condizione che abbiano già pagato le tasse di deposito e ottenuto la pubblicazione della domanda nei rispettivi bollettini entro la presentazione della domanda.

L’agevolazione copre le spese (fatturate e pagate dal 1° giugno 2016 e fino alla data di presentazione della domanda)  delle consulenze esterne specialistiche su:

  • progettazione marchio
  • assistenza per il deposito
  • ricerche di anteriorità
  • assistenza legale in caso di opposizione/rilievi successivi
  • tasse di deposito

e consiste in un contributo fino a:

  • 80% in regime “de minimis” con massimali differenziati
  • 90% in caso di registrazione dela marchio in Cina o Usa

Verrà considerato l’ordine cronologico di arrivo delle domande.

RISORSE ESAURITE


VALORIZZAZIONE DI DISEGNI E MODELLI

A partire dal 14 ottobre 2020, e fino ad esaurimento delle risorse, si possono iniziare le procedure di presentazione telematica per la prenotazione delle risorse previste per le piccole e medie imprese titolari o contitolari di disegni o modelli che si vogliano valorizzare, già registrati alla data di presentazione della domanda.

Le spese ammissibili sono quelle successive alla registrazione del disegno/modello (a partire dal 3 dicembre 2019 ed entro i 9-12 mesi dalla concessione del contributo) e riguardano consulenze esterne specialistiche relative a:

  • A) realizzazione di
    • prototipi e stampi
    • ricerca sui materiali
    • materie tecniche e legali collegate alla supply chain da mettere in piedi
    • marketing
  • B) materie tecniche e legali legate
    • alla valutazione finanziaria del disegno/modello
    • alla contrattualistica finalizzata alla cessione della titolarità/licenza
    • all’azione anticontraffazione

Il contributo, non cumulabile, è fino all’80% in regime “de minimis” con un massimo di 65mila euro (per spese di cui al punto A) o 10mila euro (per spese di cui al punto B).

Vale l’ordine cronologico di arrivo delle domande.

RISORSE ESAURITE


BREVETTI

Anche in questo caso le beneficiarie sono le piccole e medie imprese che vogliano valorizzare economicamente i brevetti rilasciati dopo il 1° gennaio 2017, oppure:

  • abbiano depositato domanda di brevetto nazionale, Europeo o internazionale dopo il 1° gennaio 2016 con rapporto di ricerca non negativo
  • siano in possesso di
    • opzione
    • preliminare di acquisto di brevetto o licenza di sfruttamento di brevetti altrui rilasciati in Italia successivamente all’1 gennaio 2017
    • o siano spin-off accademici, costituiti entro i 12 mesi precedenti la domanda (con l’università o l’ente ricerca soci almeno al 10%) e titolari di brevetto o di accordo preliminare di acquisto anche in licenza d’uso dalla stessa università o ente di ricerca.

Le spese ammissibili sono quelle sostenute dopo la presentazione della domanda e riguardano esclusivamente consulenze esterne specialistiche relative a:

  • studi di fattibilità
  • predisposizione accordi di segretezza o cessione licenze nell’ambito legale,
  • costi dei contratti di collaborazione con università e istituti di ricerca
  • progettazione, prototipazione, ingegnerizzazione, collaudo, certificazione nell’ambito tecnico,
  • progettazione organigrammi e layout, ridisegno della struttura informatica, nell’ambito organizzativo,
  • definizione strategie comunicazione, promozione nell’ambito commerciale.

Il contributo arriva fino all’80% con un massimo di 140 mila euro in regime “de minimis” e non è cumulabile con altre agevolazioni sulle stesse spese.

L’istruttoria delle domande tiene conto dell’ordine cronologico ma prevede anche una valutazione oggettiva sia della credibilità dei progetti che della congruenza di spese, professionalità e prezzi.

A seguito dell’elevato numero di domande presentate, le risorse disponibili sono esaurite. Pertanto non è più possibile inviare la domanda.


Vuoi maggiori informazioni sui bandi? Contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi:

 

Sticky
Settembre 17, 2020
Commenti disabilitati su Bandi MISE su BREVETTI APERTO, ESAURITE RISORSE PER MARCHI E DISEGNI

OT23 per il 2021, c’è il MODELLO AGGIORNATO

ot23 2021

Aggiornato il modello OT23 per presentare la domanda di riduzione del tasso medio di tariffa per i costi di prevenzione per l’anno 2021.

Sono stati introdotti nuovi interventi che possono consentire alle imprese la riduzione del premio Inail, tra cui:

  • il reinserimento lavorativo di dipendenti affetti da disabilità da lavoro
  • organizzazione di un servizio di trasporto casa-lavoro per lavoratori che lavorano di notte
  • attuazione di interventi per la protezione dei propri dipendenti dal rischio rapine

Qualche novità anche sull’assegnazione dei punteggi, che per alcuni interventi vengono maggiorati, e modifiche sulla documentazione probatoria.

Le domande vanno presentate entro il 28 febbraio 2021 in modalità telematica, attraverso la sezione Servizi Online sul sito dell’Inail


Se hai bisogno di maggiori informazioni o assistenza per compilare l’ot23 2021 contatta i nostri uffici territoriali (qui trovi l’elenco).

Sticky
Luglio 17, 2020
Commenti disabilitati su OT23 per il 2021, c’è il MODELLO AGGIORNATO

Bando ISI Inail AGRICOLTURA

bando isi agricoltura

Pubblicato il bando ISI INAIL Agricoltura 2019/2020, dedicato alle micro e piccole imprese del settore agricolo.

Le risorse previste sono:

  • 53 milioni di euro per le imprese di produzione primaria dei prodotti agricoli
  • 12 milioni di euro per le imprese giovani, individuali o organizzati in società

Il finanziamento è a fondo perduto e vine riconosciuto per:

  • acquisto o noleggio di un massimo di 2 mezzi agricoli e/o forestali in queste combinazioni:
    • 1 trattore e 1 macchina, con o senza motore proprio
    • 2 macchine senza motore
    • 1 macchina con motore e 1 senza

Le domande per il bando ISI Agricoltura possono essere compilate fino al 24 settembre 2020 in attesa del ClickDay. Il calendario completo con gli step del bando è disponibile sul sito dell’INAIL.


Se hai bisogno di maggiori informazioni o assistenza contatta

  • servizi.innovativi@cnaumbria.it

oppure

  • i nostri uffici territoriali (qui trovi l’elenco).
Sticky
Luglio 17, 2020
Commenti disabilitati su Bando ISI Inail AGRICOLTURA

CCIAA Terni, ecco i VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE

voucher internazionalizzazione cciaa terni

Pubblicato il bando della CCIAA di Terni per la concessione di voucher per l’internazionalizzazione alle micro, piccole e  medie imprese della provincia.

Possono beneficiare del contributo le attività relative a

  • percorsi di rafforzamento della presenza dell’impresa all’estero
    • ottenimento o rinnovo di certificati necessari all’esportazione
    • protezione del proprio marchio all’estero
    • attività formative per accrescere le capacità manageriali
    • utilizzo di export manager temporanei e di digital export manager

 

  • lo sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero
    • sviluppo di incontri di affari virtuali
    • posizionamento su piattaforme, marketplace etc..
    • progettazione e/o revisione e/o traduzione dei siti web in funzione di promozione a distanza
    • campagne di marketing  o vetrine digitali
    • partecipazione a fiere internazionali (compatibilmente con le norme anti Covid)

Il contributo prevede la copertura fino al 70% delle spese sostenute dal 01/01/2020 al 31/12/2020.

Le spese minime ammissibili devono raggiungere almeno i 2mila euro, mentre l’importo massimo del progetto non deve superare i 5mila euro

Alle imprese richiedenti in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità di 250 euro.

Le domande potranno essere presentate dal 1° al 30 settembre 2020 tramite PEC.


Vuoi maggiori informazioni sui voucher per l’internazionalizzazione della CCIAA di Terni? Contatta:

Sticky
Luglio 14, 2020
Commenti disabilitati su CCIAA Terni, ecco i VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE

Bando COVID cantieri SISMA prorogato al 31 luglio

 

Prorogata al 31 luglio 2020 la scadenza del bando a sostegno degli investimenti per il contenimento della diffusione del  COVID-19 nei cantieri dell’area sisma.

Ricordiamo che possono richiedere i contributi le imprese che lavorano nei cantieri aperti ai soli fini della ricostruzione.

Sono ammesse a contributo le spese, sostenute dal 19 marzo al 30 giugno 2020, per mettere in atto misure anti contagio, quali l’acquisto e l’installazione di apparecchiature e dispositivi per la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il contributo a fondo perduto è pari al 100% della spesa ammissibile, fino a un massimo di 10mila euro.

Le domande di contributo è presentata nella forma della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

 


Per informazioni rivolgiti contatta:

Sticky
Luglio 10, 2020
Commenti disabilitati su Bando COVID cantieri SISMA prorogato al 31 luglio
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SISTEMA CNA
    SMART WORKING
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
  • Seguici sui nostri canali social