Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

L’UMBRIA finalmente in ZONA BIANCA

Dal 7 giugno 2021 l’Umbria finalmente è in zona bianca!

Innanzitutto va premesso che restano in vigore:

  • il divieto di assembramento
  • la distanza interpersonale minima di 1 metro
  • l’obbligo di utilizzo delle mascherine
    • al chiuso
    • nei luoghi pubblici
    • all’aperto se non è possibile rispettare la distanza
    • ogni qualvolta si debba stare vicino a persone non conviventi
    • nei luoghi di lavoro

Cosa cambia concretamente per cittadini e imprese? Vediamo in sintesi le principali novità.

Coprifuoco

  • Il coprifuoco è eliminato, non ci sono più limiti orari per il rientro alla propria abitazione e la mobilità delle persone, tranne se ci si sposta verso regioni in zona gialla (o altro colore): senza motivi validi vanno rispettate le restrizioni orarie in vigore

Bar, ristoranti etc…

  • Non ci sono più distinzioni tra tavoli all’aperto o al chiuso, né limiti orari. Vincoli numerici continuano a esserci per quanto riguarda il numero massimo di persone che possono sedere allo stesso tavolo al chiuso:
    • nei posti al chiuso possono sedersi al massimo 6 persone
    • all’aperto nessun vincolo, salvo il rispetto della distanza tra i tavoli

Cerimonie, fiere etc…

  • Può riprendere lo svolgimento di fiere
  • Si possono celebrare matrimoni e cerimonie in generale (nel rispetto delle distanze, delle linee guida approvate dalla Conferenza delle Regioni, e se in possesso del green pass)

Piscine, parchi tematici, sale da gioco, eventi sportivi

  • Possono riaprire anche le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale da gioco
  • Permessi gli eventi sportivi nei palazzetti al chiuso (max 500 spettatori e capienza limitata a 1/4)

Per maggiori informazioni contatta i nostri uffici territoriali.

Sticky
Giugno 07, 2021
Commenti disabilitati su L’UMBRIA finalmente in ZONA BIANCA

VACCINI in AZIENDA

Nei giorni scorsi la Regione Umbria ha finalmente emanato le linee guida per l’istituzione di punti per la somministrazione dei vaccini in azienda, prevedendo che possano essere allestiti:

  • presso l’azienda per vaccinare i propri lavoratori, ma anche lavoratori di altre imprese del territorio
  • presso associazioni di categoria/enti bilaterali
  • presso strutture private accreditate

Per poter istituire un punto vaccinale aziendale si devono poter garantire:

  • la somministrazione di almeno 200 vaccini al giorno per più giorni
  • l’idoneità degli spazi messi a disposizione per le vaccinazioni, che dovranno prevedere:
    • locali per l’ingresso, l’accettazione e l’attesa
    • il locale per la somministrazione del vaccino
    • una stanza per l’osservazione post-vaccino
    • la disponibilità di arredi, attrezzature, dispositivi e presidi sanitari per gestire eventuali emergenze
  • la disponibilità del medico del lavoro aziendale o di personale sanitario incaricato
  • la registrazione informatica degli utenti vaccinati per poter programmare i richiami successivi.

I punti vaccinali che risponderanno ai requisiti definiti nelle linee guida dovranno essere preventivamente accreditati dal Servizio Sanitario Regionale e, solo dopo, potranno diventare operativi.

            I vaccini verranno messi a disposizione dal Servizio Sanitario, mentre tutti gli altri costi saranno a carico delle imprese.

Tutto questo si inserisce nel piano vaccinale nazionale e regionale, per questo va tenuto conto che:

  • entro la settimana in Umbria inizieranno le vaccinazioni per gli over 50 e, già da ieri, sono partite le prenotazioni per gli over 16
  • i requisiti richiesti per l’istituzione di un punto vaccinale aziendale
  • i tempi necessari per l’accreditamento dei punti vaccinali aziendali
  • i costi e le responsabilità ricadenti sulle imprese che volessero istituire un punto vaccinale aziendale e/o interaziendale

Alle imprese che volessero istituire un punto vaccinale aziendale forniamo gratuitamente l’assistenza tecnica necessaria ad accreditarsi presso il Servizio Sanitario Regionale.

Stiamo attivando convenzioni con strutture sanitarie private accreditate, in possesso dei requisiti richiesti, che erogheranno le vaccinazioni al pari del servizio pubblico sulla base degli accordi sottoscritti dalle parti sociali lo scorso mese di aprile.


Per maggiori informazioni contatta i nostri uffici territoriali

Sticky
Giugno 01, 2021
Commenti disabilitati su VACCINI in AZIENDA

FONDO GARANZIA PMI, prolungati STRUMENTI

Il Decreto Sostegni BIS interviene su una serie di provvedimenti in materia di CREDITO:

  • viene prorogata al 31 dicembre 2021 la moratoria sui prestiti applicata alla quota capitale delle esposizioni oggetto di moratoria, ma entro il 15 giugno va fatta una specifica comunicazione al soggetto finanziatore pena la perdita del beneficio.
  • prolungati fino al 31 dicembre 2021 gli strumenti di garanzia emergenziali previsti dal Fondo di Garanzia per le Pmi e da Garanzia Italia di Sace
  • la durata massima delle garanzie rilasciate sui prestiti alle Pmi sale da 6 a 10 anni, anche per le operazioni già garantite dal Fondo
  • per i finanziamenti sotto i 30mila euro la percentuale massima della garanzia scende dal 100% al 90%
  • sempre nell’ambito del Fondo PMI è stato introdotto uno strumento di garanzia pubblica di portafoglio a supporto dei crediti a medio lungo termine per finanziare
    • progetti di ricerca e sviluppo
    • programmi di investimento di imprese fino a 500 dipendenti

Per maggiori informazioni contatta i nostri uffici territoriali

Sticky
Maggio 28, 2021
Commenti disabilitati su FONDO GARANZIA PMI, prolungati STRUMENTI

SOSTEGNI BIS, nuovi AIUTI a IMPRESE e PROFESSIONISTI

Pubblicato il Decreto “Sostegni-bis”, con ulteriori aiuti a imprese e professionisti e alcune modifiche rispetto al testo approvato dal Consiglio dei Ministri.

Ecco le principali novità (seguirà una specifica sulla proroga della moratoria garanzie):

  • è stato introdotto un contributo a fondo perduto automatico a favore di tutti i soggetti:
    • con partita Iva attiva alla data del 26 maggio 2021;
    • che presentano istanza e ottengono il riconoscimento del contributo a fondo perduto ai sensi del Decreto “Sostegni”
    • non abbiano restituito il precedente contributo e che quest’ultimo non risulti indebitamente percepito
  • in alternativa: contributo a fondo perduto, subordinato alla presentazione di una nuova istanza a favore dei titolari di partita Iva che:
    • nel 2019 non abbiano registrato ricavi superiori ai 10 milioni di euro;
    • abbiano subìto una perdita del fatturato medio mensile di almeno il 30% nel periodo compreso dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 rispetto al periodo dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020.
  • contributo a fondo perduto a favore di tutti i soggetti che svolgono attività d’impresa e professionisti titolari di partita IVA.
    • in particolare ai soggetti con ricavi fino a 10 milioni di euro nel 2019.

In questo caso il contributo spetta a condizione che vi sia un peggioramento del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020, rispetto al 2019, in misura pari o superiore alla percentuale che sarà definita con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze.

  • Previsti inoltre contributi a favore delle attività economiche per le quali sia stata disposta la chiusura per almeno 4 mesi tra il 1° gennaio 2021 e la data di conversione del decreto “Sostegni-bis”. Seguirà un decreto ministeriale attuativo.

Il decreto dispone inoltre:

  • la proroga fino al 31 luglio 2021 del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo a favore delle imprese turistico-ricettive, delle agenzie di viaggio e dei tour operator
  • che i soggetti beneficiari del contributo a fondo perduto con ricavi fino a 15 milioni di euro, abbiano diritto al credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo  in relazione ai canoni versati in ciascuno dei mesi da gennaio 2021 a maggio 2021 a patto che ci sia una certa percentuale riduzione del fatturato.
  • Prorogata al 31 luglio 2021 la riduzione degli oneri delle bollette elettriche
  • Prevista la possibilità di ridurre la Tari a favore delle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività
  • Estesi al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2021 gli incentivi previsti per i settori tessile, moda ed accessori
  • È stata prorogata fino al 30 giugno 2021 la sospensione dei termini di versamento derivanti da cartelle di pagamento, accertamenti esecutivi e avvisi di addebito. I versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione 31 luglio 2021.
  • Il versamento dei contributi previdenziali, dovuti dai soggetti iscritti alle gestioni autonome speciali degli artigiani e commercianti, con scadenza il 17 maggio 2021 può essere effettuato entro il 20 agosto 2021
  • Rinviata al 1° gennaio 2022 la data a decorrere dalla quale sarà operativa la plastic tax
  • Per gli investimenti in beni strumentali materiali diversi da quelli indicati nell’allegato A annesso alla Legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di Stabilità 2017), effettuati a decorrere dal 16 novembre 2020 al 31 dicembre 2021, il credito d’imposta “beni strumentali” è utilizzabile in compensazione in un’unica quota annuale. La regola si applica ai soggetti con un volume di ricavi o compensi non inferiori a 5 milioni di euro
  • Il tax credit vacanze è esteso alle spese relative ad agenzie di viaggi e tour operator
  • Introdotto un credito d’imposta del 30 per cento per le spese sostenute nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per Covid-19
  • È stato esteso al 2021 il credito d’imposta del 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati a decorrere dal 1° gennaio 202 1 e fino al 31 dicembre 2021 da imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali a favore di leghe e società sportive professionistiche, nonché di società ed associazioni sportive dilettantistiche.

Per maggiori informazioni contatta i nostri Uffici territoriali.

Sticky
Maggio 28, 2021
Commenti disabilitati su SOSTEGNI BIS, nuovi AIUTI a IMPRESE e PROFESSIONISTI

NUOVA DEFINIZIONE di RIFIUTI URBANI e IMPATTI sulla TARI

Il DLgs 116_2020 ha introdotto una nuova definizione di rifiuti urbani, modificando l’art.lo 183 comma 1, lettera b-ter del D.Lgs 152/06, modifica in vigore dal 01 gennaio 2021.

La nuova disposizione consente alle utenze non domestiche la possibilità di scegliere gestori diversi da quello pubblico per la raccolta e il recupero dei propri rifiuti urbani.

Questa scelta deve essere comunicata al Comune, o al gestore del servizio rifiuti in caso di tariffa corrispettiva, entro il 30 giugno di ciascun anno, con effetto dal 1° gennaio dell’anno successivo.

Solo per l’anno 2021 la scelta deve essere comunicata entro il 31 maggio con effetto dal 1° gennaio 2022.

Le utenze non domestiche che non si avvalgono del gestore pubblico, nella comunicazione devono indicare la tipologia  e la quantità di questi rifiuti. Le stesse dovranno dimostrare di aver avviato i propri rifiuti solidi urbani al recupero attraverso un’attestazione del gestore scelto.

La durata della scelta del gestore è di 5 anni, nel corso dei quali l’impresa potrà cambiare gestore privato. Invece, qualora volesse tornare al gestore pubblico, il passaggio sarà subordinato alla possibilità di tale gestore di riprendere l’erogazione del servizio.

Questa modifica è stato oggetto di numerosi tavoli e confronti a livello nazionale.

Ad oggi i Comuni non hanno ancora deliberato le nuove tariffe TARI – termine prorogato dal DL sostegni al 30 giugno 2021 -: in questa situazione diventa difficile per noi avere gli elementi concreti per accompagnare le imprese verso una scelta consapevole.

Per questo abbiamo chiesto alla Regione un tavolo di confronto sul tema, a cui chiamare tutti i soggetti coinvolti.

Per qualunque informazione contatta le nostre sedi territoriali.

SCARICA L’ALLEGATO ( L-quater |L -quinquies )

Sticky
Maggio 25, 2021
Commenti disabilitati su NUOVA DEFINIZIONE di RIFIUTI URBANI e IMPATTI sulla TARI

TRASFORMAZIONE DIGITALE DEI PROCESSI PRODUTTIVI COME PREVENIRE I NUOVI RISCHI LAVORATORI: il bando

In collaborazione con la direzione regionale Inail Umbria, parte il progetto rivolto alle aziende umbre al fine di prevenire il disagio psicologico ed organizzativo nei contesti lavorativi legati alla trasformazione digitale dell’imprese nell’era 4.0.

 Il progetto, la cui partecipazione è totalmente gratuita, è rivolto alle imprese del settore manufatturiero e dell’edilizia.

L’obiettivo del progetto è dunque quello di studiare e soprattutto ridurre il disagio psicologico, soprattutto di alcune categorie di lavoro, legato all’introduzione di nuove tecnologie in azienda, favorendo un approccio Human-Centered manufacturing, costruito su percorsi mirati di sostegno in grado di ridurre l’impatto dei nuovi strumenti tecnologici nel processo produttivo aziendale.

Al contempo, si punterà anche ad un miglioramento del benessere degli operatori rispetto alle postazioni di lavoro, attraverso un’analisi ergonomica fisica e cognitiva e suggerendo eventualmente di migliorare la progettazione delle postazioni stesse. Il messaggio che vuole passare è quello della possibilità di condivisione dello spazio di lavoro uomo-macchina attraverso un approccio di tipo collaborativo e che sfrutti al meglio le potenzialità delle applicazioni tecnologiche.

Come aderire
Le imprese interessate a partecipare al progetto dovranno compilare la scheda di adesione e inviarla tramite mail pec all’indirizzo regionale@pec.cnaperugia.it a partire dal 24 Maggio 2021 fino alle ore 24.00 del 31 luglio 2021.

 

Scarica il Bando e la MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Sticky
Maggio 24, 2021
Commenti disabilitati su TRASFORMAZIONE DIGITALE DEI PROCESSI PRODUTTIVI COME PREVENIRE I NUOVI RISCHI LAVORATORI: il bando

RIPARTE “IN AGE”, il progetto con INAIL

Dopo lo stop causato dalla pandemia riparte il progetto IN-AGE, ovvero: come migliorare la sostenibilità delle condizioni di lavoro all’interno delle imprese per garantire anche un maggiore livello di sicurezza, valorizzare i lavoratori over 50, avere attenzione alle loro esigenze, facilitare il trasferimento delle competenze acquisite ai lavoratori più giovani.

Questi gli obiettivi di “In-Age: ogni età ha la sua forza!”, il progetto per affrontare il tema del progressivo aumento dell’età media dei lavoratori delle imprese, promuovendone l’invecchiamento attivo e valorizzandone l’apporto.

Il progetto sottoscritto dalla Cna e l’Inail regionali si rivolge alle piccole e medie imprese con lavoratori over 50 e lo fa con un approccio multidisciplinare all’invecchiamento, andando a valutare gli stili di vita, l’attività lavorativa con i rischi connessi e gli aspetti sociali.

Verranno prese in considerazione le abitudini alimentari, l’attività fisica, l’uso di tabacco e alcol, ed anche la gestione dei rischi aziendali, l’efficienza organizzativa del lavoro, l’attenzione alle diverse esigenze dei vari lavoratori, la sorveglianza sanitaria.

Come aderire?
Le imprese interessate a partecipare al progetto dovranno compilare la scheda di adesione e inviarla tramite mail pec all’indirizzo regionale@pec.cnaperugia.it a partire dal 24 Maggio 2021 fino alle  ore 24.00 del 31 Luglio 2021.

 

Scarica il Bando  e la Manifestazione di interesse Bando IN-AGE_2021.

Sticky
Maggio 24, 2021
Commenti disabilitati su RIPARTE “IN AGE”, il progetto con INAIL

Riaperture: ecco il calendario con le date per ogni attività

In vigore da oggi il Decreto del Governo che prevede le riaperture di molte attività in zona gialla, purché nel rispetto dei protocolli di sicurezza e linee guida specifiche. Vediamolo in sintesi.

Orari spostamenti
dal 19 maggio il coprifuoco è dalle ore 23.00 alle ore 5, dal 07 giugno dalle ore 24.00 alle ore 5.00, dal 21 giugno cessano di applicarsi i limiti orari per gli spostamenti.

Ristorazione
Dal 1° giugno 2021 le attività dei servizi di ristorazione sono consentite anche al chiuso purché nel rispetto di eventuali altri limiti esistenti (orari, spostamenti etc..)

Centri commerciali
Dal 22 maggio le attività commerciali all’interno di mercati e centri commerciali sono aperte anche nei giorni festivi e prefestivi

Palestre, piscine, centri benessere etc
– Dal 24 maggio 2021 le attività di palestre sono consentite nel rispetto della distanza interpersonale di almeno due metri e in presenza di adeguati sistemi di ricambio dell’aria
– Dal 1° luglio 2021 sono riaperte le piscine e i centri natatori anche al coperto e le attività dei centri benessere

Eventi sportivi
Dal 1° giugno 2021 all’aperto e dal 1° luglio 2021 anche al chiuso, è ammesso il pubblico agli eventi sportivi, esclusivamente con posti a sedere pre-assegnati e nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. La capienza non può superare il 25%di quella massima consentita, in ogni caso, non può essere superiore a 1.000 persone

Impianti sciistici
Dal 22 maggio 2021 è consentita la riapertura degli impianti nei comprensori sciistici

Sale giochi e similari
Dal 1° luglio 2021 sono riaperte sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente.

Parchi di divertimento
Sono riaperti dal 15 giugno 2021.

Centri culturali, centri sociali e ricreativi, feste e cerimonie
– Dal 1° luglio 2021 possono svolgere le loro attività i centri culturali, sociali e ricreativi
– Dal 15 giugno 2021 le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, anche al chiuso.

Corsi di formazione
Dal 1° luglio 2021 i corsi di formazione pubblici e privati possono svolgersi anche in presenza.

Musei, istituti e luoghi della cultura, mostre
L’apertura dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura è ammessa con un pubblico contingentato in base alle dimensioni dei locali.
Nei weekend l’ingresso nei musei a maggior afflusso di pubblico (superiore a un milione di visitatori) è ammesso solo con prenotazione online. Rimane sospeso l’ingresso gratis nei musei statali la prima domenica di ogni mese

GREENPASS (certificazioni verdi COVID)
La certificazione verde COVID-19 è valida nove mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale.
Le certificazione rilasciate dopo la prima dose di vaccino sono valide dopo 15 giorni dalla somministrazione e fino alla data della seconda dose.

Sticky
Maggio 19, 2021
Commenti disabilitati su Riaperture: ecco il calendario con le date per ogni attività

CONTRIBUTI PER LE MICRO E PICCOLE IMPRESE

INVESTIMENTI, usciti i BANDI REGIONALI

Pubblicati i primi 2 bandi regionali a sostegno degli investimenti innovativi delle imprese contenuti nel pacchetto SMART ATTACK.

I bandi sono caratterizzati da formule a scaglioni, sia per quanto riguarda le dimensioni d’impresa che per l’entità dell’investimento previsto. Eccoli in sintesi:

 

BANDO SMALL (4 milioni di euro)

  • Beneficiari: Micro e Piccole Imprese dei settori Produzione, Commercio e Artigianato.
  • Prestito per investimenti in Digital Transformation
    • da 25mila a 50mila euro
    • al tasso d’interesse dello 0,5%
    • con ammortamento di 60 mesi e preammortamento di 12 mesi;
  • CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO del 40% come remissione del debito per investimenti in tecnologie digitali
  • agevolabili le spese per consulenza e formazione mirate a supportare l’impresa nel percorso di trasformazione digitale
  • previste premialità per imprese femminili e giovanili.

SCARICA LA SINTESI

 

BANDO MEDIUM (4 milioni di euro)

  • Beneficiari: Micro e Piccole Imprese dei settori Produzione, Commercio e Artigianato.
  • Prestito per investimenti in Digital Transformation e Impresa 4.0
    • da 50mila a 150mila euro
    • al tasso d’interesse dello 0,5%
    • con ammortamento di 60 mesi e preammortamento di 12 mesi;
  • CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO del 35% come remissione del debito per investimenti in tecnologie digitali digitali e Impresa 4.0. con una maggiorazione del 5% per aumento occupazionale;
  • agevolabili le spese per consulenza e formazione mirate a supportare l’impresa nel percorso di trasformazione digitale
  • premialità per imprese femminili e giovanili.
  • premialità per i progetti più innovativi con valutazione effettuata insieme a centri di competenza Impresa 4.0.

SCARICA LA SINTESI

 

Per accedere ai bandi è propedeutica la valutazione della maturità digitale dell’impresa, il cosiddetto digital assessment.

Hai bisogno di conoscere la situazione della tua azienda? Contatta la referente digitale a questi recapiti:

 


Per maggiori informazioni e assistenza per l’accesso ai bandi contatta:

  • Paola Sorbi – 075 5059188 – paola.sorbi@cnaumbria.it
  • Silvia Vignaroli – 075 5059126 – silvia.vignaroli@cnaumbria.it

 

Sticky
Maggio 14, 2021
Commenti disabilitati su CONTRIBUTI PER LE MICRO E PICCOLE IMPRESE

BANDO per l’AREA di CRISI COMPLESSA TERNI-NARNI

bando area crisi terni narni

Pubblicato dalla Regione Umbria un bando che assegna contributi a fondo perduto per gli investimenti effettuati dalle micro, piccole e medie imprese in contabilità ordinaria ubicate nell’area di crisi complessa Terni – Narni.

Gli investimenti finanziabili, da un minimo di 50mila a un massimo di 1,5 milioni di euro, devono riguardare la costruzione di nuove unità produttive, la riqualificazione di quelle esistenti o essere utilizzati per consulenze.

Tra le spese ammissibili ci sono:

  • a) opere murarie e assimilate e infrastrutture specifiche (purché compatibili con gli obiettivi del progetto presentato) fino a un massimo del 30% dei costi totali ammissibili;
  • b.1) macchinari impianti ed attrezzature funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese ma NON rientranti nel modello “Impresa 4.0”;
  • b.2) macchinari impianti ed attrezzature funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello Impresa 4.0;
  • c.1) programmi informatici funzionali all’automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo;
  • c.2) programmi informatici connessi ad investimenti in beni materiali «Impresa 4.0» esclusivamente correlati alle esigenze di automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo;
  • d) investimenti per la digital transformation ; CRM; software di business intelligence; smart place;
  • e. 1) spese di consulenza per le tecnologie di cui al comma b.1 e c.1);
    e. 2) spese di consulenza per le tecnologie di cui al comma b.2, c.2, d e spese di consulenza per la digital assessment e l’integrazione di sistemi produttivi tra aziende.

Le spese relative alle voci e.1 ed e.2 possono raggiungere un massimo del 10% della spesa totale ammissibile.

L’investimento complessivo non potrà essere relativo soltanto alle voci di spesa di cui alle lettere a)  e/o e).

L’intensità del contributo sarà distribuita nel modo seguente:

  • Agevolazioni per beni materiali/immateriali
    • • 25% per le imprese in regime de minimis;
    • • 20% per le micro /piccole imprese in regime ordinario / 10% per le medie imprese in regime ordinario;
    • • 30% per le micro e piccole imprese /20% per le medie imprese di Narni e Terni, ubicate in determinate particelle NUTS3 (aree 107 3.c.)
  • Agevolazioni per servizi di consulenza
    • 50% regime ordinario

Sono escluse le spese diverse dall’acquisto diretto o effettuate prima dell’invio della domanda.

La graduatoria terrà conto dei seguenti criteri ai quali vengono assegnati diversi punteggi:

  • Incremento occupazionale
  • Rilevanza investimento 4.0, Digital transformation e consulenza sugli investimenti totali
  • Investimento 4.0 appartenente a sezione “Assicurazione della qualità e della sostenibilità” All. 12 – voci A14-A22
  • Valutazione indici soggetto proponente: indici finanziari, di redditività, capitale sociale
  • Settori primari: premialità per le imprese manifatturiere dell’agroalimentare, della chimica verde, della meccanica e della metallurgia (C10-11-13-20-22-23-24-25) e della fornitura acqua E-38 (solo rifiuti origine industriale e commerciale (Punteggio 10);

Il progetto dovrà essere portato a termine entro 12 messi dalla data di ammissione al contributo e rendicontato entro il 30/09/2023

Le domande potranno essere inoltrate esclusivamente tramite la piattaforma informatica a partire dalle ore 10.00 del 5 maggio e fino alle ore 12.00 del 15 giugno 2021.


Se vuoi maggiori informazioni e assistenza alla predisposizione del progetto di investimento consulta il nostro servizio Bandi e Incentivi ai seguenti recapiti:

Clicca qui per vedere tutti i bandi attivi

Sticky
Aprile 14, 2021
Commenti disabilitati su BANDO per l’AREA di CRISI COMPLESSA TERNI-NARNI
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
  • Seguici sui nostri canali social