Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

Imprese della CERAMICA ESCLUSE dai RISTORI

Nel decreto emanato a fine marzo dal Governo le imprese della ceramica sono state escluse dai ristori per far fronte al caro bollette dell’energia e del gas. 

Il decreto in questione  disciplina il Fondo costituito a questo scopo per sostenere sia le imprese che operano nel settore della ceramica artistica che in quello del vetro artistico di Murano, limitandone però l’accesso solo alle imprese del territorio di Murano!

Ma se è vero che Murano è un grande centro di produzione del vetro artistico, non lo è sicuramente per la ceramica artistica e tradizionale.

Di fatto, circoscrivere l’accesso ai ristori solo al territorio di Murano significa escludere completamente le imprese della ceramica, che sono tantissime, distribuite su tutto il territorio nazionale e con consumi di energia e gas pari a quelli dei produttori di vetro.

Per questo CNA Ceramisti, insieme alle altre sigle del settore, ha inviato una lettera di protesta al ministro dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, chiedendo una revisione urgente della norma.

 

Sticky
Maggio 27, 2022
Commenti disabilitati su Imprese della CERAMICA ESCLUSE dai RISTORI

“CARO BOLLETTE”, arriva l’ACCORDO tra UNICO e UNICREDIT

Contro il caro bollette delle piccole e medie imprese arriva, su input della CNA, l’accordo sottoscritto da UniCredit e Uni.Co, il confidi interregionale del centro Italia espressione della stessa CNA e di altre associazioni di categoria.

Nell’incontro tenutosi nei giorni scorsi a Perugia, tra il direttore regionale della CNA, Roberto Giannangeli, il direttore generale di Uni.Co., Paolo Mariani, e Luigi Giganti, Area Manager Small Business Umbria UniCredit, è stata confermata la volontà di supportare le piccole e medie imprese in questa fase così difficile.

In base all’accordo sottoscritto, infatti, UniCredit metterà a disposizione delle imprese associate a Uni.Co. e CNA la possibilità di accedere a finanziamenti con tassi agevolati e rimborsabili nell’arco di tredici mesi. In questo modo, le aziende potranno distribuire i maggiori costi dovuti ai rincari dell’energia e delle materie prime su un orizzonte temporale più vasto.

Per accedere al finanziamento ciascuna impresa dovrà rivolgersi ai servizi finanziari di Uni.Co., disponibili in Umbria presso tutte le sedi territoriali della CNA, dove gli esperti del confidi effettueranno una valutazione dell’effettivo fabbisogno aziendale basandosi sulle bollette e sulle spese fin qui sostenute.

“Ringraziamo Unicredit per l’iniziativa riservata alle PMI colpite dal rincaro dell’energia in un contesto economico già duramente afflitto dalla crisi pandemica – ha affermato Paolo Mariani di Uni.Co.”, sottolineandone l’importanza e l’opportunità al fine di soddisfare le esigenze delle imprese del territorio.

“L’intesa raggiunta a livello nazionale tra CNA e UniCredit – ha aggiunto Roberto Giannangeli – ci ha portati a sottoscrivere un ulteriore accordo territoriale per cercare di porre un argine a quello che è diventato il problema maggiore delle imprese: la sostenibilità dei costi energetici che, oggi, rischia di fermare le attività produttive.”

Per Andrea Burchi, regional manager Centro Nord UniCredit, “con questo accordo intendiamo rispondere alle necessità delle PMI rispetto a un problema non differibile, in una logica di attenzione e presenza attiva rivolta al territorio. Le imprese associate a Uni.Co. e alla CNA potranno infatti beneficiare di linee di credito dedicate per limitare l’effetto negativo del caro-energia. Ciò si inserisce nel quadro delle misure eccezionali che UniCredit mette a disposizione per le Pmi italiane, come il plafond da 3miliardi e attività di consulenza specifica, per aiutarle a fronteggiare i rincari energetici e delle materie prime; e per supportare le aziende più esposte alle criticità emerse sul fronte degli scambi commerciali internazionali.”

Scarica qui la rassegna stampa dei quotidiani e qui quella dei siti online.


Per maggiori informazioni contatta i nostri uffici territoriali (qui trovi l’elenco delle sedi).

Sticky
Maggio 10, 2022
Commenti disabilitati su “CARO BOLLETTE”, arriva l’ACCORDO tra UNICO e UNICREDIT

FORMAZIONE FINANZIARIA GRATUITA per gli ASSOCIATI CNA

Sei un imprenditore e vuoi sapere come applicare una corretta gestione finanziaria alla tua azienda? Oppure vuoi poter valutare meglio i tuoi investimenti finanziari, capirne di più di contratti bancari, sapere come funziona la centrale rischi e molto altro ancora?

Se sei associato a CNA puoi partecipare gratuitamente ai corsi di formazione finanziaria offerti dalla nostra associazione in collaborazione con la Banca d’Italia, che ha messo a punto quattro pacchetti che affrontano temi specifici:

  • La finanza della piccola impresa
  • Il rapporto con la banca
  • La gestione delle difficoltà finanziarie
  • Centrale dei rischi, pagamenti e strumenti di tutela

La formazione può essere svolta online in totale autonomia, mentre in un secondo tempo è previsto un incontro online o in presenza con un nostro esperto.

Vuoi saperne di più? Contatta:

Clicca qui per iscriverti ai corsi.

Sticky
Maggio 04, 2022
Commenti disabilitati su FORMAZIONE FINANZIARIA GRATUITA per gli ASSOCIATI CNA

SONDAGGIO sugli EFFETTI della GUERRA in UCRAINA

Il conflitto tra Russia e Ucraina sta producendo effetti significativi sulla crescita dell’economia italiana. 
Lo stiamo vedendo con gli aumenti dei prezzi dei prodotti energetici, che si sommano a quelli già registrati prima della guerra e che contribuiscono a far aumentare il tasso di inflazione e a rallentare la domanda interna, nonostante i tentativi del Governo di mitigarne gli effetti.

Anche le imprese manifatturiere risentono della guerra con le crescenti difficoltà a reperire le materie prime e la componentistica.

Sul fronte del commercio con l’estero, assistiamo alla diminuzione delle vendite verso i paesi in guerra, ma si potrebbe registrare anche un accorciamento delle filiere produttive.

Abbiamo preparato un sondaggio per analizzare meglio gli effetti della guerra sull’attività degli artigiani e delle piccole imprese italiane e le loro strategie di risposta. Partecipa rispondendo alle domande: ci aiuterai ad aiutarti!

Vai al sondaggio.

Sticky
Aprile 20, 2022
Commenti disabilitati su SONDAGGIO sugli EFFETTI della GUERRA in UCRAINA

REVISIONE dei MEZZI PESANTI ai PRIVATI, rischio FLOP

L’ estensione ai centri privati della possibilità di svolgere la revisione dei mezzi pesanti rischia di tradursi in un flop.

Questa estensione, arrivata per decreto nel novembre scorso, era stata la diretta conseguenza delle numerose sollecitazioni della CNA,  che da anni invitava il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile a muoversi in questa direzione, anche per cercare di ovviare alle lunghissime liste di attesa della Motorizzazione civile.

Ma alcuni dei requisiti richiesti ai centri di revisione per poter svolgere questa attività, a cominciare da quelli relativi agli spazi minimi, rischiano di ridurre molto la quantità dei soggetti abilitati.

In particolare il decreto richiede ai centri privati:

  1. una superfice non inferiore ai 250 metri quadri per ogni linea di revisione;
  2. uno spazio esterno di manovra e/o parcheggio non inferiore ai 1.000 metri quadri;
  3. una superfice totale dei locali dove è situata la linea di revisione non inferiore ai 600 metri quadri.

I requisiti riguardanti gli spazi impattano moltissimo sulla struttura dei centri di revisione e rischiano di mettere fuori mercato le imprese che non avranno la possibilità di adeguare gli spazi.

Sul tema abbiamo svolto un’indagine su 400 centri di revisione associati a CNA. Dai dati raccolti emerge che il decreto, anziché ampliare il mercato della revisione dei mezzi pesanti, potrebbe:

  • creare difficoltà operative significative a chi già svolgeva l’attività di revisione dei mezzi pesanti
  • mettere barriere all’ingresso per i nuovi soggetti interessati a operare in questo settore.

Secondo la maggior delle imprese intervistate risulterà infatti difficile, se non impossibile, adeguare le superfici aziendali ai requisiti stabiliti dalla nuova disciplina.

Se vuoi puoi scaricare qui la nostra indagine.

Sticky
Aprile 15, 2022
Commenti disabilitati su REVISIONE dei MEZZI PESANTI ai PRIVATI, rischio FLOP

TRASPORTO MERCI, le RISORSE accordate

Il settore del trasporto merci vive un momento di grande difficoltà, legato soprattutto ai super rincari del carburante.

CNA FITA ha chiesto più volte al Governo un intervento deciso. Sebbene le risposte ottenute non siano ancora sufficienti a sostenere il settore in questa emergenza, è utile fare una sintesi di quanto ottenuto finora e e trasformato in atti legislativi:

  1. INCREMENTO DELLE DEDUZIONI FORFETTARIE: lo stanziamento annuale passa da 70 a 80 milioni di euro. Da una nostra stima aumentano da 48 a 56 euro al giorno le deduzioni a rimborso delle spese non documentate per i viaggi fuori comune del titolare.
  2. INCREMENTO DEI RIMBORSI DEI PEDAGGI AUTOSTRADALI: lo stanziamento annuale per i rimborsi dei pedaggi autostradali passa da 140 a 175 milioni di euro
  3. TAGLIO ACCISE DI 0,25 CENTESIMI/LITRO: il decreto “Energia” per 30 giorni taglia di 25 centesimi al litro le accise dal costo del carburante alla pompa e negli acquisti “extra-rete”. Il provvedimento vale per chiunque e quindi si trasforma in un vantaggio effettivo solo per coloro che già non recuperano le accise, vale a dire tutti i mezzi sotto le 7,5 t e le imprese con mezzi di classi ambientali inferiori a Euro 5. Per coloro che invece recuperano le accise, il beneficio per questi 30 giorni si limita effettivamente a 4 centesimi. Stiamo parlando di imprese con mezzi Euro 5 e Euro 6 sopra le 7,5 tonnellate, paradossalmente quelle che più hanno investito nella transizione ecologica.
  4. FONDO DI 500 MILIONI A SOSTEGNO DELL’AUTOTRASPORTO: su richiesta di CNA FITA, come correttivo al mancato beneficio dal taglio delle accise, il fondo verrà destinato alle imprese con mezzi euro 5/6 sopra le 7,5 t. Entro la fine di aprile verranno definite le modalità di erogazione del fondo: CNA FITA ha chiesto che le risorse arrivino nel più breve tempo possibile nelle casse delle imprese e che il contributo sia commisurato al danno subito dall’aumento dei costi del carburante.
  5. ANNULLATO PAGAMENTO CONTRIBUTO ART: tutte le imprese dell’autotrasporto c/terzi iscritte all’Albo sono esentate dal pagamento all’ART – Autorità di Regolazione dei Trasporti per l’anno 2022.
  6. CREDITO D’IMPOSTA ADBlue: stanziamento di 29,6 milioni di euro per il riconoscimento di un credito d’imposta del 15% sull’acquisito dell’ADBlue per i mezzi Euro 6/D.
  7. CREDITO D’IMPOSTA: stanziamento di 25 milioni di euro per il riconoscimento di un credito d’imposta del 20% sull’acquisito di NLG (gas naturale liquefatto).
  8. FERROBONUS E MAREBONUS: i fondi già previsti sono stati incrementati rispettivamente di 19 milioni e di 19,5 milioni.
  9. CLAUSOLA DI ADEGUAMENTO DEL CORRISPETTIVO: previsto l’inserimento obbligatorio nei contratti scritti (pena la non validità) della clausola di adeguamento del corrispettivo al costo del carburante quando questo supera il 2% del valore rispetto al momento della stipula del contratto o all’ultimo adeguamento effettuato. È stato inoltre previsto che, in presenza di contratti conclusi in forma non scritta il corrispettivo si determina in base ai valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio dell’impresa pubblicati e aggiornati trimestralmente dal MIMS

Infine, con il protocollo sottoscritto dalla vice ministra Bellanova il 17 marzo 2022, sono stati presi impegni formali su:

  • Rafforzamento della disciplina sul rispetto dei tempi di pagamento da parte dei committenti
  • Garanzia di tempi certi per il carico/scarico merci con relativo riconoscimento economico
  • Previsione di un fondo per le imprese monoveicolari che escono dal mercato con contributi proporzionati alla massa complessiva dei veicoli con cui si esercita l’attività (da 5.000 a 10.000 euro)
  • altre misure in fase di definizione (per es. rafforzamento del requisito di “stabilimento”, dispensa dall’esame o esame semplificato per la licenza internazionale per i mezzi tra le 2,5 e le 3,5 t. etc…)

CNA FITA continuerà a chiedere ogni ulteriore provvedimento che si dovesse rendere necessario e che le risorse già stanziate siano messe a disposizione delle imprese nel più breve tempo possibile e con procedure semplificate.


Per maggiori informazioni sulle risorse disponibili per il trasporto merci contatta:

Sticky
Marzo 31, 2022
Commenti disabilitati su TRASPORTO MERCI, le RISORSE accordate

WEBINAR GRATUITO sulle CALDAIE a CONDENSAZIONE

Un webinar gratuito sulla sostituzione del generatore nelle caldaie a condensazione domestiche riservato agli impiantisti associati a CNA.

È quello organizzato da CNA Installazione Impianti con la collaborazione dell’Accademia impiantisti di CNA e GT, il Giornale del Termoidraulico, e si svolgerà

Mercoledì 6 aprile 2022, ore 16:30

Previsti approfondimenti tecnici su

  • come si fa la prova di tenuta dell’impianto
  • modulistica e adempimenti burocratici 
  • scarico fumi irregolare e messa fuori servizio

a cura di Livio Colombo, Giovanni Raimondini e Giorgio Bighelli, autori del libro libro “Le caldaie a condensazione – la sostituzione del generatore negli impianti domestici”

Vuoi partecipare? Clicca qui per registrarti.


Per maggiori informazioni relative al webinar sulle caldaie a condensazione contatta:

Sticky
Marzo 29, 2022
Commenti disabilitati su WEBINAR GRATUITO sulle CALDAIE a CONDENSAZIONE

SEMINARIO per ODONTOTECNICI

Sei un odontotecnico? Partecipa al nostro seminario di gnatologia sui Dispositivi ortodontici e occlusali per il paziente disfunzionale.

L’appuntamento è per SABATO 2 APRILE 2022, dalle ORE 9.00 alle ore 17.00 e si svolgerà sia in presenza a Roma (iscrizioni inderogabilmente entro il 25 marzo!) che on line, registrandoti a qui

La registrazione consente di ricevere in automatico il promemoria con le modalità di accesso al seminario per odontotecnici tenuto da esperti di livello nazionale.

La PARTECIPAZIONE è GRATUITA PER GLI ASSOCIATI CNA SNO.


Per maggiori informazioni sul seminario per odontotecnici e sulle modalità di associazione in forma promozionale legate alla partecipazione a questo evento formativo, contatta:

Marina Gasparri –  marina.gasparri@cnaumbria.it

Sticky
Marzo 24, 2022
Commenti disabilitati su SEMINARIO per ODONTOTECNICI

Un WEBINAR per le IMPRESE GIOVANI ASSOCIATE a CNA

Prosegue il percorso formativo online “Tutto cambia. Comprendi il futuro per anticiparlo”, con i webinar dedicati alle imprese giovani.

Il secondo appuntamento di questo ciclo organizzato da CNA Giovani Imprenditori insieme alla Fondazione Ecipa, è previsto per lunedì 21 marzo, alle h 15, quando si parlerà di Innovazione per la sostenibilità: scenari futuri e strategie long term (scopri qui maggiori dettagli) insieme a Andrea Geremiccadirettore generale dell’Istituto europeo per l’Innovazione e la Sostenibilità.

La partecipazione al webinar è riservata agli associati CNA: contatta la  sede più vicina (qui trovi l’elenco dei nostri uffici in Umbria) per sottoscrivere la tessera annuale, dopodiché registrati entro il 19 marzo 2022 alla piattaforma Formerete.

Le credenziali generate alla prima registrazione potranno essere utilizzate per l’iscrizione ai successivi webinar. A iscrizione avvenuta si riceve una mail con le indicazioni per partecipare. Tutti gli aggiornamenti anche sulla pagina Facebook di CNA Giovani Imprenditori.


Per maggiori info:

Sticky
Marzo 11, 2022
Commenti disabilitati su Un WEBINAR per le IMPRESE GIOVANI ASSOCIATE a CNA

DISTRETTO della CERAMICA a rischio CHIUSURA

“Il caro energia si sta abbattendo anche sulle imprese del distretto della ceramica di Deruta, molte delle quali, a breve, saranno costrette a spegnere i forni e chiudere. Servono interventi urgenti sugli oneri di sistema in bolletta e l’adozione di un nuovo piano energetico.”

Dopo la pubblicazione dell’indagine sui costi energetici realizzata dal centro studi della Cna (qui), l’impegno dell’associazione a sostegno delle imprese continua con la visita del neo presidente nazionale, Dario Costantini, presso Le Terrecotte di Chiodi Fausto e C. Sas di Deruta, un’azienda sul mercato da oltre trenta anni con una produzione in sub fornitura di semilavorati in terracotta destinati sia ad altre imprese locali che internazionali. Per l’azienda, che conta 11 addetti, di cui l’80% costituito da donne, il saper fare e la cura delle risorse umane sono stati sempre l’arma vincente. Con l’aumento dei costi energetici l’attività dell’impresa si è fatta sempre più difficile. Infatti, con un consumo medio annuale di circa 1 milione di metri cubi di gas per l’accensione dei forni di cottura, la previsione è di passare dai 200mila euro spesi nel 2021 a circa 1,2 milioni di euro stimati per il 2022, pari a un +600%.

“Impossibile – afferma Costantini – proseguire l’attività con costi energetici di questa portata, che stanno mettendo a durissima prova l’attività di tutte le imprese, a cominciare da quelle che operano in subfornitura e che quindi non possono spalmare i maggiori costi di produzione sul prezzo finale al consumatore. Abbiamo già chiesto al governo azioni urgenti affinché intervenga almeno sugli oneri di sistema relativi ai costi di trasporto, alle accise e all’Iva, che incidono molto sugli importi delle bollette. Non solo. Crediamo che occorra un nuovo piano energetico nazionale che possa contribuire in modo determinante a rafforzare la competitività delle imprese italiane, che rischiano di essere spazzate via dall’aumento vertiginoso dei costi di luce e gas.”

“Anche in Umbria – aggiunge il presidente di Cna Umbria, Michele Carloni – va messo a punto un piano energetico regionale che preveda un aumento sostanziale della produzione di energia da fonti rinnovabili. Il rischio concreto è che in pochi mesi potremmo perdere un patrimonio importante come quello rappresentato dalle imprese del settore della ceramica e dell’artigianato artistico, da sempre elementi distintivi e fattori attrattivi di flussi turistici, che dovrebbero essere attenzionate anche all’interno della programmazione dei fondi strutturali europei 2021/2027. Contiamo sul fatto che la Regione, che sta dimostrando sensibilità verso le micro imprese come prova anche l’ultima misura sul credito adottata in giunta, si faccia carico di questo problema e assuma le decisioni e i provvedimenti necessari a far fronte all’emergenza energetica.”

Sticky
Gennaio 26, 2022
Commenti disabilitati su DISTRETTO della CERAMICA a rischio CHIUSURA
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social