Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

Bonus IRPEF e NUOVI INDICI a DIFESA delle PENSIONI

Per far fronte all’aumento dell’inflazione e alla conseguente perdita del potere di acquisto delle pensioni bisogna introdurre correttivi fiscali e nuovi sistemi di indicizzazione. La proposta viene dal Cupla, il coordinamento nazionale delle sigle delle associazioni dei pensionati di cui fa parte anche Cna, che sul tema ha organizzato un convegno svoltosi nei giorni scorsi a Roma.

“I risultati contenuti nel rapporto CER (Centro Europa Ricerche) parlano di una perdita drammatica del potere di acquisto delle pensioni – afferma il presidente di Cna Pensionati Umbria, Fabiano Coletti -. Ma il rapporto delinea anche possibili correttivi: vale a dire un sistema di adeguamento delle pensioni basato su un indice più sensibile alla variazione dei prezzi e un nuovo bonus Irpef, che rappresentano i due principali meccanismi che, negli ultimi 10 anni, hanno maggiormente contribuito a ridurre tale potere. Come abbiamo già denunciato in molte occasioni, tra il 2009 e il 2021 la perdita è stata del 4%, circa 800 euro all’anno, per le pensioni fino a 1.500 euro; mentre per quelle di 2000 euro lordi la perdita ha raggiunto il 7%, cioè circa 1.500 euro. Percentuale di perdita che sale ancora per le pensioni di importo superiore.”

“Un impoverimento pesante – aggiunge Marina Gasparri, responsabile regionale di Cna Pensionati – che il rapporto CER riconduce correttamente innanzitutto al meccanismo di adeguamento automatico del valore delle pensioni alle variazioni dei prezzi, che a partire dal 2012 è stato parziale e sottodimensionato, in particolare per le pensioni di più alto importo. E poi all’aumento del prelievo fiscale che, invece, ha gravato soprattutto sulle pensioni di minore importo, perché è un aumento dovuto perlopiù all’espansione delle addizionali locali sui redditi, che sono poco differenziate per livello di reddito e quindi finiscono per incidere percentualmente di più sulle pensioni più basse. Da notare, inoltre, come il sistema delle detrazioni d’imposta abbia creato negli anni una disparità crescente tra redditi da lavoro dipendente e redditi pensionistici, soprattutto dopo l’introduzione dei bonus Irpef, con una penalizzazione ai danni dei pensionati.”

“Le soluzioni prospettate dagli esperti del CER – prosegue Fabiano Coletti – potrebbero quindi contribuire a ridare valore alle pensioni attraverso un sistema di adeguamento delle pensioni all’inflazione basato sull’indice dei prezzi al consumo armonizzato per i paesi europei (IPCA), molto più sensibile alle variazioni dei prezzi di categorie come alimentari ed energetici. Infine – conclude Coletti – l’introduzione di un nuovo bonus Irpef correggerebbe almeno in parte gli effetti negativi del prelievo fiscale sulle pensioni.”

Sticky
Giugno 10, 2022
Commenti disabilitati su Bonus IRPEF e NUOVI INDICI a DIFESA delle PENSIONI

L’evoluzione del WELFARE a CNA INFORMA TV

Nella nuova puntata di CNA INFORMA TV, in onda martedì 24 maggio 2022 alle ore 20:30 su UMBRIA TV (canale 10 del digitale terrestre), si parlerà di welfare e politiche sociali per gli imprenditori, le famiglie, i pensionati.

Coordinati dalla giornalista Noemi Campanella saranno ospiti in studio:

  • MARINA GASPARRI – Responsabile regionale CNA Welfare
  • VALTER MARANI – Direttore generale patronato EPASA-CNA
  • MASSIMO BRAGANTI – Direttore “Salute e Welfare” Regione Umbria
  • EDI CICCHI – Assessore alle politiche sociali, alla famiglia, alle pari opportunità – Comune di Perugia
  • FABIANO COLETTI – Presidente CNA Pensionati Umbria
  • MONIA BURANI – Responsabile regionale Patronato CNA Umbria 

Non perderti la puntata, sintonizzati alle 20.30 per guardare CNA INFORMA TV!

Sticky
Maggio 23, 2022
Commenti disabilitati su L’evoluzione del WELFARE a CNA INFORMA TV

CORCIANO, la cura del PARCO ai PENSIONATI CNA

La manutenzione del verde? La fanno gli artigiani in pensione.

È quanto avviene da oltre due anni a Corciano, dove il Comune si avvale della preziosa collaborazione dei volontari di CNA Pensionati per la cura del parco di Ellera. Un’esperienza positiva che ha spinto il Comune a sottoscrivere con l’associazione una proroga triennale.

“CNA Pensionati è l’unica associazione in Umbria ad aver proposto nel 2019 al Comune di Corciano di occuparsi della cura ordinaria del verde, degli arredi e delle attrezzature ludiche del parco di via Gramsci, a Ellera, per dare un contributo importante alla gestione di questo spazio pubblico – afferma Fabiano Coletti, presidente di CNA Pensionati -. Proposta che il sindaco Betti, l’assessore Mangano e tutta la giunta hanno accolto favorevolmente affidandoci questo prezioso servizio per la comunità del quartiere.”

“Il rinnovo del protocollo – dichiara Gianfranco Alunni, coordinatore del gruppo di volontari – si è reso necessario per risolvere alcuni problemi burocratici, tra i quali il baratto amministrativo, e per riorganizzare il servizio a seguito dei problemi causati dal Covid.”

“CNA Pensionati – sostiene Giuliano Sorcio, tra i promotori del progetto – si fa carico dell’assicurazione contro gli infortuni dei propri volontari e la responsabilità civile verso terzi, oltre che dell’acquisto dei prodotti di consumo necessari a mantenere fruibile un parco che si estende per quasi 4mila metri quadrati”.

”Si tratta di un bel progetto, insomma, che funziona bene e viene portato avanti con serietà e professionalità dai volontari del verde in collaborazione con il Comune. Un’esperienza positiva che – conclude Coletti – ci auguriamo possa essere replicata con altre amministrazioni locali.”

Sticky
Marzo 09, 2022
Commenti disabilitati su CORCIANO, la cura del PARCO ai PENSIONATI CNA

INFLAZIONE, grande PREOCCUPAZIONE tra i PENSIONATI

È allarme tra i quasi 8mila pensionati aderenti a CNA Umbria per la fiammata dell’inflazione che, secondo le ultime rilevazioni di autorevoli centri studi, per l’anno in corso è prevista molto vicina al 5%.

“Con questa progressione inflattiva che, nel giro di pochi mesi, ha triplicato il suo valore, si prospetta una grave perdita del potere di acquisto delle pensioni– afferma Fabiano Coletti, presidente di Cna Pensionati Umbria -. Basti ricordare che per un lungo periodo l’inflazione è stata ferma, anzi addirittura in negativo, a causa della recessione cui il Paese ha fatto fronte dal 2008. Ancora a marzo 2021 l’indice del costo della vita era pari a zero. Purtroppo i rincari dei prodotti petroliferi, gas in primis, hanno contagiato anche gran parte dei prodotti di largo consumo, con aumenti a due cifre su molti prodotti alimentari. Insomma, per i pensionati un vero e proprio salasso, che si traduce in un maggiore esborso di almeno 1.200 euro l’anno.”

“Siamo di fronte a uno scenario che non conoscevamo più da almeno 20 anni – dichiara Marina Gasparri, responsabile regionale dei Pensionati CNA – e appaiono sinceramente troppo ottimistiche le previsioni della Banca d’Italia, che reputa temporanea questa tendenza, prevedendone l’esaurimento entro la fine dell’anno corrente. Siamo anche molto preoccupati per la situazione tra Russia e Ucraina, due paesi strategici per l’economia italiana: il primo in quanto maggior fornitore di gas al nostro Paese, il secondo, da sempre granaio d’Europa, perché primario esportatore verso l’Italia di grano e mais. Un conflitto avrebbe gravi conseguenze, sia umanitarie per popolazioni già provate da anni di povertà, sia economiche per l’instabilità prodotta sui mercati e il conseguente rallentamento della ripresa in atto.”

La situazione di molte famiglie di pensionati e di cittadini a basso reddito, già pesante per il permanere di tutte le criticità collegate alla pandemia, rischia di esserlo ancora di più di fronte alla crescita generalizzata dei prezzi, che potrebbe aumentare la marginalizzazione e precarizzazione delle fasce più deboli e dei pensionati al minimo.

“CNA Pensionati Umbria – conclude Coletti – richiama il Governo ad attuare rapidamente provvedimenti mirati a mitigare il caro bollette e a garantire una maggiore vigilanza contro le speculazioni sui prezzi dei prodotti a largo consumo.”

Scarica qui la rassegna Stampa

Sticky
Febbraio 24, 2022
Commenti disabilitati su INFLAZIONE, grande PREOCCUPAZIONE tra i PENSIONATI

Nasce CNA INDUSTRIA Umbria

La tornata assembleare che nelle scorse settimane ha coinvolto la Cna dell’Umbria nelle sue varie articolazioni ha portato al rinnovo di tutti gli organismi dirigenti dell’associazione, eleggendo non solo il nuovo presidente regionale, Michele Carloni, ma anche i rappresentanti delle macro unioni di categoria in cui sono organizzate le imprese iscritte e, al loro interno, dei mestieri più rappresentativi.

Novità assoluta nella storia dell’associazione è la nascita del raggruppamento di CNA Industria Umbria, per dare una rappresentanza alle imprese strutturate che ormai guardano alla CNA con crescente interesse.

Priorità dell’associazione: la crescita dimensionale delle imprese.

Per la macro unione del Manifatturiero  eletto Giampaolo Cicioni, chiamato a rappresentare anche il mestiere della meccanica; gli altri mestieri organizzati e i relativi presidenti sono quelli della moda (Emanuele Furia), l’artigianato artistico (Roberto Fugnanesi), l’agroalimentare (Giuliano Martinelli), la grafica e comunicazione (Federico Sabbioni) e l’arredo casa (Giovan Battista Simonetti).

La macro unione delle Costruzioni ha scelto come proprio rappresentante Emanuele Bertini, che ricopre anche il ruolo di presidente del mestiere edilizia; gli altri presidenti sono Giuliano Montanucci per gli impiantisti termoidraulici e Silvano Scoscia per gli impiantisti elettrici-elettronici.

La macro unione dei Servizi, che raggruppa imprese molto eterogenee, sarà rappresentata da Simone Cecchetti. Tra i mestieri figurano l’acconciatura (di nuovo Simone Cecchetti), l’estetica (Piera Santicchia), il trasporto merci (Marcello Volpi), il trasporto persone (Paolo Calistroni) e l’autoriparazione (Mauro Mescolini).

Infine sono stati costituiti o confermati i cosiddetti raggruppamenti di interesse. Come detto la novità assoluta è la costituzione di CNA Industria, che ha eletto come suo presidente l’imprenditore Luca Malincarne. Di nuova costituzione anche il raggruppamento di CNA Digitale, che raccoglie le imprese a maggior contenuto tecnologico e sarà rappresentato da Alessandro Ricci. I giovani imprenditori e le donne imprenditrici sono stati uniti nel raggruppamento CNA Giovani e Donne e saranno coordinati da Tommaso Vicarelli e Camilla Andreani. Una fusione anche per turismo e cinema, con la nascita di CNA Turismo, Cultura e Cinema (presidente Michele Benemio, coordinatori Paolo Ercolani e Alberto Fabi). Confermato, infine, il raggruppamento di CNA Pensionati, presieduto da Fabiano Coletti.

Scarica qui la Rassegna Stampa

Sticky
Luglio 29, 2021
Commenti disabilitati su Nasce CNA INDUSTRIA Umbria

FIDARSI è BENE….in CNA è MEGLIO!

 

Ansia da detrazioni???

Se vuoi essere certo che il tuo 730 non contenga errori, avere la sicurezza di non dimenticare nulla, recuperare fino all’ultimo centesimo di detrazioni e usufruire di tutte le opportunità disponibili nel 2022, rivolgiti alle professioniste del CAF CNA: riceverai in cambio competenza, professionalità, cortesia e soprattutto affidabilità!

E se vuoi possiamo aiutarti per: 730, modelli ISEE, verifiche contributive, domande di pensione, RED, successioni, IMU, permessi di soggiorno, denunce di infortuni, malattie professionali e altro ancora.

Cosa aspetti? Fidarsi è bene….in CNA è meglio!

Fissa un appuntamento presso uno dei nostri uffici ai recapiti che trovi qui sotto:

Sticky
Aprile 09, 2021
Commenti disabilitati su FIDARSI è BENE….in CNA è MEGLIO!

PACE CONTRIBUTIVA e PENSIONI

pace contributiva

Hai un’occupazione ma non è continuativa, con pause più o meno lunghe tra un periodo lavorativo e l’altro? Da quest’anno, per coprire ai fini pensionistici questi “vuoti”, è possibile ricorrere alla “pace contributiva”.

La riforma delle pensioni, infatti, oltre a “Quota 100” ha previsto che le persone che hanno iniziato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996, data in cui è entrato in vigore il regime contributivo, possono recuperare fino a 5 anni di versamenti utili al raggiungimento dell’anzianità pensionistica.

Sono esclusi dal calcolo i periodi in cui, pur avendo lavorato, il datore di lavoro non ha provveduto a versare i contributi previsti.

La pace contributiva, introdotta in via sperimentale, potrà essere utilizzata fino al 31 dicembre 2021.

_______________________________________________________________________

Per maggiori informazioni contatta il patronato Epasa – Itaco, presente in tutte le sedi di Cna Umbria.

Sticky
Maggio 09, 2019
Commenti disabilitati su PACE CONTRIBUTIVA e PENSIONI

Pensioni “Quota 100”: cosa c’è da sapere

Quota 100

Dopo tante incertezze è possibile accedere in via sperimentale per il triennio 19/21

Immagine presa da www.inps.it

Gli iscritti all’AGO (assicurazione generale obbligatoria), alle altre forme gestite dall’Inps o alla Gestione Separata, potranno andare in pensione anticipata, con la Quota 100, rispetto a quanto previsto dalla legge Fornero, purché abbiano almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi.

La norma prevede la possibilità di cumulo dei contributi versati in diverse gestioni INPS. Naturalmente non si deve essere già titolari di una pensione a carico delle stesse gestioni. Inoltre, una volta ottenuta la pensione anticipata e fino al compimento dell’età valevole per l’assegno di vecchiaia, non si potrà avere un reddito aggiuntivo da lavoro dipendente o autonomo, a meno che non si tratti di un’attività autonoma occasionale produttiva di un reddito massimo di 5mila euro l’anno.

Per chi ha maturato i requisiti il 31 dicembre scorso, il diritto alla pensione decorre dal 1° aprile 2019; per chi lo matura a partire dal 1° gennaio dell’anno corrente, il diritto decorre dal terzo mese successivo alla maturazione dei requisiti.

Pensione anticipata” – Per ottenere una pensione anticipata (che una volta si chiamava di “anzianità”) conta esclusivamente il requisito contributivo:

  • 42 anni e 10 mesi per gli uomini
  • 41 anni e 10 mesi per le donne

Trascorsi 3 mesi dalla maturazione di questi requisiti, si consegue il diritto al trattamento pensionistico. In sede di prima applicazione i soggetti che hanno maturato i requisiti dal 1° gennaio 2019, il diritto decorre dal 1° aprile 2019.

 

 

Opzione Donna” – Il diritto a questo trattamento pensionistico anticipato si basa su criteri anagrafici e contributivi ed è applicato alle lavoratrici che al 31/12/2018 abbiano compiuto 58 anni (59 se autonome) e raggiunto i 35 anni di contributi

La decorrenza dell’assegno resta vincolata all’applicazione di finestra mobile, che è di 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e 18 per quelle autonome.


Per informazioni più dettagliate e valutazioni della propria situazione contributiva, contatta gli operatori del patronato Epasa-Itaco presso le sedi territoriali della CNA.

Sticky
Febbraio 05, 2019
Commenti disabilitati su Pensioni “Quota 100”: cosa c’è da sapere

PENSIONI, tutte le NOVITÀ della RIFORMA prevista dalla legge di bilancio 2019

quota 100

 

Il disegno di legge di bilancio per il 2019 il cui testo è attualmente all’esame del Parlamento, prevede novità significative in tema di pensioni.

Innanzitutto l’introduzione della quota 100 a partire dalla primavera 2019, con la combinazione fissa di:

  • 62 anni di età
  • 38 anni di contributi

senza penalità per accedere alla pensione, in aggiunta ai canali della pensione anticipata e della pensione di vecchiaia.

A questa importante novità viene abbinata

  • la proroga per un biennio dell’opzione donna
  • l’estensione di un anno dell’ape sociale per le categorie disagiate

Dentro la manovra ci dovrebbe essere spazio anche per il blocco degli adeguamenti alla speranza di vita.

Il Governo punta a rendere effettive le modifiche il prossimo anno, ma durante il lungo iter parlamentare che precede l’approvazione definitiva, il testo potrebbe subire cambiamenti.

Per maggiori informazioni contatta il patronato Epasa – Itaco, presente in tutte le sedi di Cna Umbria.

Sticky
Novembre 12, 2018
Commenti disabilitati su PENSIONI, tutte le NOVITÀ della RIFORMA prevista dalla legge di bilancio 2019

PENSIONI, con il CUMULO si EVITA la RICONGIUNZIONE ONEROSA.

Coloro i quali sono iscritti a più forme di assicurazione obbligatoria pensionistica possono ricorre al sistema del cumulo pensionistico gratuito, anziché alla ricongiunzione onerosa, per avere un’unica pensione, anche se in nessuna delle gestioni sono stati maturati i requisiti contributivi richiesti.

Si tratta di un diritto esercitabile non solo dai lavoratori dipendenti, ma anche dagli autonomi, dagli iscritti alla gestione separata dell’Inps e alle altre forme sostitutive ed esclusive (per es. ex Inpdap, fondo Telefonico etc…), nonché alle casse professionali.

Il cumulo deve interessare tutti e per intero i periodi contributivi non coincidenti; inoltre è necessario non essere già titolari di un trattamento pensionistico diretto in una delle gestioni interessate dal cumulo stesso

Per attivare il cumulo l’interessato deve presentare una domanda, anche tramite Patronato, all’ente a cui è stata versata l’ultima contribuzione, che provvederà ad attivarsi presso gli altri enti gestori. Il pagamento della pensione sarà a carico dell’Inps, che richiederà i pro-quota alle gestioni interessate.

Per maggiori informazioni contatta il patronato Epasa – Itaco, presente in tutte le sedi di Cna Umbria.

 

Sticky
Agosto 31, 2018
Commenti disabilitati su PENSIONI, con il CUMULO si EVITA la RICONGIUNZIONE ONEROSA.
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SosCNA
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social