Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

Credito d’imposta per energia elettrica

L’Agenzia dell’Entrate ha pubblicato una circolare che delinea i primi chiarimenti in merito al credito d’imposta per l’acquisto di energia elettrica.

Ecco alcune specifiche:

  • Imprese “non Energivore” e dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW:

Credito di imposta pari al 15% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica acquistata ed utilizzata nel secondo trimestre dell’anno 2022, qualora il prezzo della stessa componente, calcolato sulla base della media riferita al primo trimestre 2022, al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019 (D.L. 21/2022, art. 3)

Le aziende clienti assistite dal servizio fiscale potranno rivolgersi direttamente all’ufficio di riferimento al fine di procedere al nuovo servizio di valutazione del diritto all’agevolazione.

Rimaniamo invece a disposizione per supportare tutte le imprese associate nella valutazione del diritto al credito di imposta e al successivo calcolo dello stesso acquistando il servizio nella sezione online del sito: https://www.formazione-cnaumbria.it/prodotto/5209/.

 


 

Se sei cliente rivolgiti alla sede CNA a te più vicina (qui), altrimenti puoi contattare servizioenergia@cnaumbria.it

Sticky
Luglio 01, 2022
Commenti disabilitati su Credito d’imposta per energia elettrica

Opportunità per l’export con le Camere di Commercio all’estero

A ottobre si terrà a Perugia la Convention delle CCIE, le Camere di Commercio Italiane all’Estero.

Sarà un’occasione per:

  • capire le potenzialità dei paesi esteri;
  • costruire fin da ora dei progetti di export finalizzati a espandere la propria attività all’estero tramite fiere / eventi / incontri con clienti e operatori;
  • cercare partner tecnologici / investitori.

Le attività concordate con le Camere di Commercio Italiane all’Estero faranno parte delle spese ammissibili nel Voucher Internazionalizzazione della Camera di Commercio dell’Umbria.

In pratica:

  • l’azienda segnala le proprie esigenze, compilando il modulo di manifestazione di interesse (link sotto) entro il 30 giugno;
  • le richieste vengono trasmesse dalla Camera di Commercio dell’Umbria alle Camere di Commercio estere;
  • le Camere di Commercio estere inviano delle proposte di collaborazione che vengono sottoposte alle imprese interessate;
  • qualora le proposte vengano giudicate valide, le aziende possono fare domanda per il voucher;
  • il 10 ottobre imprese e CCIE si incontrano di persona (meeting B2B) in occasione dell’evento di Perugia.

Saranno incentivati anche i raggruppamenti di imprese (es. interessati alla stessa nazione) per ottimizzare costi e risultati.

Non perdere l’occasione, manda subito la tua manifestazione di interesse, qui

Non è vincolante ma c’è tempo solo fino al 30 giugno!


Per informazioni
Barbara Ferrier – barbara.ferrier@cnaumbria.it – 075 5059103

Sticky
Giugno 27, 2022
Commenti disabilitati su Opportunità per l’export con le Camere di Commercio all’estero

Bonus Export Digitale

Il Bonus Export Digitale è un contributo a fondo perduto che punta a sostenere le microimprese manifatturiere nelle attività di internazionalizzazione attraverso soluzioni digitali. Il contributo è concesso in regime de minimis per i seguenti importi:

  • 4.000 euro alle microimprese a fronte di spese ammissibili non inferiori a 5.000 euro
  • 22.500 euro alle reti e consorzi a fronte di spese ammissibili non inferiori a 25.000 euro

Soggetti beneficiari

Il contributo è rivolto alle microimprese manifatturiere (con codice ATECO primario compreso tra i codici 10 e 33) con sede in Italia, anche costituite in forma di reti o consorzi (tra micro-imprese) che abbiano avviato da almeno un anno la fatturazione di prodotti commerciali, che siano in regola con il DURC e con gli adempimenti fiscali.

Investimenti ammessi

Il bonus finanzia le spese per l’acquisizione di soluzioni digitali per l’export, fornite da imprese iscritte nell’elenco delle società abilitate.
Le prestazioni puntano a sostenere i processi di internazionalizzazione attraverso:

  • realizzazione di sistemi di e-commerce verso l’estero, siti e/o app mobile
  • realizzazione di sistemi di e-commerce che prevedono l’automatizzazione delle operazioni di trasferimento, aggiornamento e gestione degli articoli da e verso il web
  • realizzazione di servizi accessori all’e-commerce
  • realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale dell’export digitale
  • digital marketing finalizzato a sviluppare attività di internazionalizzazione
  • servizi di CMS (Content Management System)
  • iscrizione e/o abbonamento a piattaforme SaaS (Software as a Service) per la gestione della visibilità e spese di content marketing
  • servizi di consulenza per lo sviluppo di processi organizzativi e di capitale umano
  • upgrade delle dotazioni di hardware necessarie alla realizzazione dei servizi sopra elencati

Presenta la domanda

Le domande devono essere presentate dal rappresentante legale dei soggetti richiedenti esclusivamente online, tramite il sito https://padigitale.invitalia.it

La presentazione è divisa in due fasi:

  • compilazione della domanda dal 10 maggio al 15 luglio 2022
  • presentazione della domanda dal 16 maggio al 15 luglio 2022

Per richiedere le agevolazioni è necessario essere in possesso di:

  • SPID
  • Casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva
  • Firma digitale

Per maggiori informazioni e/o assistenza contatta la nostra Area Bandi e Incentivi:

 

Sticky
Giugno 19, 2022
Commenti disabilitati su Bonus Export Digitale

SPURGHISTI: WEBINAR SUL NUOVO MODELLO DI FORMULARIO OBBLIGATORIO DAL 1° LUGLIO

In vista dell’entrata in vigore il 1° luglio del nuovo modello di formulario (FIR) per gli spurghisti, CNA organizza per martedì 21 giugno dalle ore 11.00 alle ore 12.30 il webinar

Il nuovo modello di formulario (FIR) per i rifiuti derivanti dalle attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie

Intervengono:

  • Daniele Gizzi, Presidente Albo Nazionale Gestori Ambientali
  • Maria Carmina Glorioso, Segreteria Tecnica del Comitato Nazionale Gestori Ambientali

Il webinar è gratuito!
Per partecipare clicca qui

Per maggiori informazioni e assistenza sul nuovo formulario per gli spurghisti contatta le nostre sedi territoriali (qui trovi l’elenco degli uffici).

 

Sticky
Giugno 17, 2022
Commenti disabilitati su SPURGHISTI: WEBINAR SUL NUOVO MODELLO DI FORMULARIO OBBLIGATORIO DAL 1° LUGLIO

PEC OBBLIGATORIA per le IMPRESE

Avere un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC)  è obbligatorio per ogni impresa, anche se individuale, ormai da qualche anno.

La PEC, che rappresenta un domicilio digitale ufficiale attraverso la quale possono transitare le comunicazioni tra l’impresa e la Pubblica Amministrazione, va attivata presso un qualunque ente certificatore, anche tramite un’associazione di categoria, e comunicata al Registro Imprese.

Le imprese inadempienti vanno incontro a:

  • sanzioni amministrative e pecuniarie che, a seconda del tipo di impresa, variano da 30 a oltre 2mila euro
  • l’assegnazione di una PEC d’ufficio

Non sei sicuro di aver comunicato la tua PEC al Registro Imprese? Scarica gratuitamente la visura della tua impresa dal cassetto digitale e fai una verifica.

Ricorda, inoltre, che le PEC hanno una scadenza indicata nel contratto di attivazione!


Per maggiori informazioni  o per attivare un indirizzo PEC contatta i nostri uffici (qui trovi l’elenco delle sedi CNA)

Sticky
Giugno 16, 2022
Commenti disabilitati su PEC OBBLIGATORIA per le IMPRESE

ERASMUS + UMBRIA, altre 10 BORSE

Stavolta sono 10 le borse disponibili nell’ambito del progetto Erasmus +   “ACCREDITAMENTO ANCI UMBRIA”, di cui ANCI Umbria è capofila.

Le destinazioni riguardano:

  • ALBANIA – 2 borse
  • FRANCIA – 4 borse
  • BELGIO – 1 borsa
  • SPAGNA – 3 borse

Il progetto è destinato a giovani residenti in Umbria tra i 19 e 25 anni di età, neo-diplomati presso Istituti Tecnici formati negli ambiti:

  • Amministrazione, Finanza e Marketing
  • Turismo
  • Grafica e Comunicazione
  • Servizi commerciali

Le domande di accesso al bando potranno essere presentate inviando dal 6 al 28/06/2022,  all’indirizzo anciumbria@erasmusaccreditation.com la seguente documentazione:

La selezione delle domande è fissata per il 30 giugno, mentre la partenza il 31 luglio 2022.


Per maggiori informazioni sul bando Erasmus + Umbria contatta l’Anci regionale 

Sticky
Giugno 16, 2022
Commenti disabilitati su ERASMUS + UMBRIA, altre 10 BORSE

CESSIONE del CREDITO, serve un INTERVENTO STRAORDINARIO

“Oggi serve un intervento straordinario del governo volto a sanare il pregresso e a garantire la chiusura dei cantieri già avviati e la messa in sicurezza delle imprese delle costruzioni in bilico. Solo dopo si potrà ragionare su modifiche al sistema dei bonus e degli incentivi fiscali sulla riqualificazione energetica e sismica degli immobili.”

Un’indagine nazionale CNA stima che con il blocco del sistema di cessione dei crediti maturati con il Superbonus e con gli altri incentivi sui lavori edili, in Umbria siano a rischio circa 500 imprese delle costruzioni e 2.500 posti di lavoro.

Sono mesi che denunciamo questo rischio e in questi giorni le imprese stanno concretamente ricevendo lettere dalle banche – afferma Pasquale Trottolini, responsabile di CNA Costruzioni Umbria -. Non c’è più tempo da perdere.”

Dopo l’approvazione della legge di Bilancio 2022 che confermava la possibilità di effettuare lo sconto in fattura e di cedere i crediti fiscali agli intermediari finanziari, le domande presentate all’Enea sono aumentate dell’80%.

“Basti pensare – aggiunge Trottolini – che in Umbria sono passate dalle 1.586 di fine 2021 alle 2.872 risultanti al 31 maggio scorso. Parliamo di un valore economico di 535 milioni di euro, di cui solo il 70% concluso, mentre altri 200milioni restano tuttora appesi.”

Le domande presentate a livello regionale sono relative a 1.431 abitazioni unifamiliari e 849 cosiddette unità immobiliari funzionalmente indipendenti, con investimenti rispettivamente di 161milioni e 85milioni di euro, mentre 592 sono riferite a condomini, un numero pari a poco più del 20% delle pratiche ma con investimenti previsti che cubano per oltre la metà del totale.

La stretta sulla cessione del credito obbligherà tante imprese a portare i libri contabili in tribunale perché, dopo aver concesso lo sconto in fattura, oggi si trovano con crediti che, a lavori ormai conclusi, non sono più in grado di cedere. Ma ci sono anche imprese che, pur non avendo applicato lo sconto in fattura, stentano a farsi pagare da privati che, a loro volta, avevano messo mano alla riqualificazione energetica e sismica dei propri immobili facendo conto sulla possibilità di cedere il credito agli intermediari finanziari, soprattutto banche, e oggi non possono più farlo.”

Le imprese umbre del settore Costruzioni (edili e impiantisti) sono circa 11mila, di cui quasi il 70% composto da ditte individuali poco patrimonializzate e a rischio di forte indebitamento per la mancanza di pagamenti di commesse già concluse.

“Questo non potrà non avere effetti sul rating d’impresa e quindi sulla possibilità di accedere al credito bancario, i cui costi, peraltro, stanno salendo velocemente spinti dall’inflazione e dal rialzo dello spread. E questo è un autentico paradosso per imprese che, sulla carta, sono piene di commesse. Il Governo e il Parlamento non possono permettere che si verifichi un corto circuito di questo tipo. I dati dimostrano che il sistema dei bonus e la possibilità di cessione dei crediti rappresentano misure anticicliche che hanno permesso di aumentare il Pil, facendo fronte alla crisi pandemica e, ora, anche a quella provocata dal conflitto in corso. Ma sono anche misure utili e necessarie a riqualificare il patrimonio immobiliare. Li si vuole rimettere in discussione? Va bene, ma solo dopo aver sanato le situazioni pregresse, garantendo la chiusura dei cantieri già conclusi o avviati e la messa in sicurezza delle imprese delle Costruzioni. Sempre che la tenuta del sistema, la sostenibilità e il New Green Deal continuino ad essere una priorità per il Paese” – conclude Trottolini.

Scarica qui la rassegna stampa.

Sticky
Giugno 14, 2022
Commenti disabilitati su CESSIONE del CREDITO, serve un INTERVENTO STRAORDINARIO

BONUS EDILI e certificazione SOA

Per le imprese che effettuano lavori edili che beneficiano dei bonus fiscali legati a Superbonus, Ecobonus, Sismabonus, bonus Ristrutturazioni, bonus Facciate etc…, introdotto l’obbligo dell’attestazione SOA per le imprese che eseguono lavori di importo superiore ai 516mila euro.

In particolare:

    • dal 1 Gennaio al 30 Giugno 2023 (periodo transitorio) dovranno dimostrare di aver fatto almeno la richiesta, attraverso la stipula di contratto, agli Enti certificatori SOA;
    • dal 1 Luglio 2023 i lavori potranno essere affidati esclusivamente a imprese in possesso della qualificazione SOA.
    • nessuna attestazione SOA per i lavori in corso di esecuzione o stipulati prima del 21 Maggio 2022 (data di entrata in vigore del Decreto)

L’introduzione di questo obbligo è fortemente contrastata dalla CNA perché aumenta gli adempimenti a carico delle imprese e perché taglia fuori dal mercato delle riqualificazioni edilizie oltre il 90 % delle imprese, già fortemente provate dalle difficoltà per la cessione del credito e quindi rischia di bloccare definitivamente il mercato delle riqualificazioni degli edifici e la ripresa del settore costruzioni.

Per contrastare efficacemente il fenomeno delle imprese “fantasma” occorre una legge di regolamentazione del settore edile che preveda un  sistema di qualificazione delle imprese  basato su serie verifiche dei requisiti di accesso alla professione e al mercato, come già avviene per altre categorie.

Se vuoi saperne di più sulla certificazione SOA obbligatoria contatta:

Sticky
Giugno 14, 2022
Commenti disabilitati su BONUS EDILI e certificazione SOA

BONUS, CONTRATTO dell’EDILIZIA OBBLIGATORIO

La Legge di Bilancio ha previsto che per usufruire dei benefici fiscali sui lavori edili superiori a 70.000 Euro avviati dopo il 27 Maggio le imprese che effettuano i lavori edili devono applicare un contratto collettivo dell’edilizia, nazionale e territoriale, stipulato dalle associazioni datoriali e sindacali più rappresentative. Tale contratto dovrà essere indicato sia nell’atto di affidamento dei lavori che nelle fatture emesse dall’impresa.

Si tratta di benefici fiscali rilevanti, tra i quali rientrano il Superbonus, l’Ecobonus, il Sismabonus, il bonus ristrutturazioni e il bonus facciate.

Una recente circolare dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito che tale obbligo è riferito esclusivamente ai lavori edili previsti nell’allegato X del D.Lgs n. 81/2008, mentre sono esclusi i lavori eseguiti dalle imprese di installazione impianti o del settore legno, che continueranno ad applicare i rispettivi contratti di lavoro. Viene inoltre chiarito che sono escluse da tale obbligo le imprese che eseguono i lavori agevolabili senza l’impiego di dipendenti, anche avvalendosi di collaboratori familiari o di soci di società che non sono inquadrati come lavoratori dipendenti. Ti ricordiamo che il contratto collettivo dell’edilizia stipulato da CNA rientra appieno tra quelli indicati dall’Agenzia delle Entrate.

Se vuoi saperne di più sul contratto dell’edilizia obbligatorio per usufruire dei bonus fiscali, contatta gli esperti consulenti del lavoro presso i nostri Uffici Territoriali. (clicca qui per visualizzare l’elenco delle sedi).

Sticky
Giugno 13, 2022
Commenti disabilitati su BONUS, CONTRATTO dell’EDILIZIA OBBLIGATORIO

TRASPARENZA dei CONTRIBUTI PUBBLICI entro il 30/06

La Legge per il mercato e la concorrenza obbliga le imprese a rendere trasparenti i contributi, le sovvenzioni e qualunque vantaggio economico di importo annuale complessivo maggiore di 10mila euro ricevuto dalla Pubblica Amministrazione.

Si tratta di un obbligo da assolvere entro il 30 giugno di ogni anno che riguarda:

  • le società di capitali che redigono la nota integrativa per esteso
  •  le società di capitali che redigono la nota integrativa in forma abbreviata o il bilancio delle microimprese
  • le società di persone
  • le ditte individuali

A seconda del tipo di impresa la pubblicazione dei dati può avvenire attraverso:

  • la nota integrativa estesa;
  • l’inserimento nel proprio sito internet;
  • nel sito delle Associazione di Categoria di appartenenza.

La tua impresa ha ricevuto nel 2021 un contributo superiore a 10mila euro da parte della Pubblica amministrazione? Se non redigi una nota integrativa estesa o non hai un sito aziendale, puoi renderlo trasparente pubblicandolo sul sito CNA Umbria: per gli associati il servizio è GRATUITO!


Per maggiori informazioni sull’obbligo di trasparenza dei contributi pubblici contatta i nostri uffici territoriali (trovi l’elenco qui).

Sticky
Giugno 08, 2022
Commenti disabilitati su TRASPARENZA dei CONTRIBUTI PUBBLICI entro il 30/06
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SosCNA
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social