Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

Tornano i VOUCHER DIGITALI della CCIAA dell’Umbria

Confermati anche per il 2022 i voucher digitali (sotto forma di contributi a fondo perduto) della CCIAA dell’Umbria per sostenere le micro e piccole imprese che realizzano interventi di digitalizzazione e innovazione.

A disposizione ci sono risorse pari a 210mila euro.

Quali sono gli interventi finanziabili?

Sono quelli che, per almeno il 60% del costo totale del progetto, riguardino una o più tecnologie dell’Elenco 1 ed eventualmente una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste all’Elenco 1.

Elenco 1

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain (con esclusione del settore dei servizi finanziari);
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc)

 

Elenco 2

  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • sistemi e-commerce, con sistemi di pagamento mobile e/o via internet (esclusivamente di nuova realizzazione);
  • soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica.

 

Le spese ammissibili (su investimenti di almeno 5mila euro) sono quelle relative a:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste (per almeno il 50% dei costi ammissibili);
  • acquisto di beni e servizi strumentali nuovi, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti di cui all’elenco 1(per un massimo del 50% dei costi ammissibili);

 

Il contributo, in regime de minimis, non può superare il 50% delle spese ammissibili e un valore massimo di 7mila euro.

 

Quali sono le imprese che possono richiedere il contributo?

Possono accedere ai contributi le micro e piccole imprese:

  • con sede legale (o unità locali) in Umbria
  • in regola sotto tutti i punti di vista (iscrizioni, diritti annuali, Durc, no procedure liquidazione e similari)
  • non abbiano forniture di servizi in corso di erogazione con la Camera di commercio dell’Umbria;
  • che abbiano aderito al servizio “Cassetto Digitale dell’Imprenditore”, tramite la piattaforma www.impresa.italia.it .

 

Le domande, firmate digitalmente, potranno essere presentate solo in modalità telematica sulla piattaforma WebTelemaco di Infocamere (link) dalle ore 9:00 del 12.10.2022 alle ore 17:00 del 10.11.2022.

Le valutazioni saranno effettuate a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.


Se vuoi maggiori informazioni o assistenza nella preparazione della domanda contattaci a questi recapiti:

Sticky
Settembre 28, 2022
Commenti disabilitati su Tornano i VOUCHER DIGITALI della CCIAA dell’Umbria

AUTOTRASPORTO, CONTRIBUTI per ACQUISTO MEZZI

Dal 3 ottobre le imprese di autotrasporto merci per conto di terzi, iscritte al REN e all’Albo degli Autotrasportatori potranno richiedere nuovamente al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile i contributi per l’acquisto di veicoli e attrezzature, anche già effettuati (purché dopo il 16 dicembre 2021).

I contributi riguardano:

  • veicoli diesel Euro 6 solo a fronte di una contestuale rottamazione di automezzi commerciali vecchi pari o superiore a 7 tonnellate (da un minimo di 7.000 euro a un massimo di 15.000 euro);
  • veicoli commerciali leggeri Euro 6-D Final ed Euro 6 di massa complessiva a pieno carico pari o superiore alle 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate, con contestuale rottamazione dei veicoli della medesima tipologia (3.000 euro);
  • veicoli a trazione alternativa ibridi, elettrici, CNG e LNG (da un minimo di 4.000 a un massimo di 24.000 euro, a cui si aggiungono 1.000 euro in caso di rottamazione contestuale di un mezzo obsoleto);
  • rimorchi e semirimorchi adibiti al trasporto combinato ferroviario o marittimo;
  • rimorchi, semirimorchi e equipaggiamento per autoveicoli speciali superiori alle 7 tonnellate allestiti per trasporti ATP e sostituzione delle unità frigorifere/calorifere.

ATTENZIONE! Le risorse verranno assegnate sulla base dell’ordine cronologico delle domande presentate.


Per informazioni sul bando per ottenere contributi per l’acquisto di mezzi per l’ autotrasporto e per assistenza alla presentazione della domanda, contatta:

Sticky
Settembre 22, 2022
Commenti disabilitati su AUTOTRASPORTO, CONTRIBUTI per ACQUISTO MEZZI

Un BANDO per favorire l’AGRISOLARE

Pubblicate finalmente le modalità di presentazione delle domande per accedere agli incentivi del PNRR (Parco Agrisolare) per realizzare impianti fotovoltaici su edifici produttivi nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale.

L’obiettivo della misura contenuta nel PNRR è quello di sostenere gli investimenti nelle strutture produttive del settore agricolo, zootecnico e agroindustriale finalizzati a:

  • rimozione e  smaltimento dei tetti esistenti
  • realizzazione di nuove coperture isolate e dotate di sistemi automatizzati di ventilazione e/o di raffreddamento
  • installazione di pannelli solari e sistemi di gestione intelligente dei flussi e degli accumulatori.

Le risorse sono suddivise per settore:

  • 1,2 miliardi di euro per interventi nel settore della produzione agricola primaria
  • 150 milioni di euro per interventi nel settore della trasformazione di prodotti agricoli in agricoli
  • 15o milioni di euro per interventi nel settore della trasformazione di prodotti agricoli in non agricoli
    • massimo il 30% delle spese ammissibili, maggiorato di:
      • 20 punti percentuali, per gli aiuti concessi alle piccole imprese
      • 10 punti percentuali, per gli aiuti concessi alle medie imprese
      • 15 punti percentuali, per investimenti effettuati nelle zone assistite

Clicca qui per verificare i codici ATECO ammissibili.

Almeno il 40% delle risorse complessive è riservato al finanziamento di progetti da realizzare nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

La spesa massima ammissibile per singolo progetto è di 750.000,00 euro (con limite massimo di 1 milione di euro per singolo soggetto beneficiario).

Per la realizzazione di impianti fotovoltaici sono considerate ammissibili le spese:

  • fino a un limite massimo di euro 1.500,00/Kwp per l’installazione di pannelli fotovoltaici
  • ulteriori euro 1.000,00 Kwp ove siano installati anche sistemi di accumulo

Nel caso siano installati dispositivi di ricarica per la mobilità sostenibile, potrà essere riconosciuta, in aggiunta ai massimali già indicati, una spesa complessiva fino ad un limite massimo ammissibile pari a:

  • € 1.500,00 per installazione di dispositivi di ricarica wallbox di potenza complessiva non superiore ai 22 kW;
  • € 4.000,00 per installazione di colonnine di ricarica di potenza complessiva non superiore ai 22 kW;
  • € 250,00/kW, e fino a un massimo di € 15.000,00 per l’installazione di dispositivi di ricarica di potenza complessiva superiore ai 22 kW

Le domande, che andranno presentate attraverso il portale del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A., accessibile dall’Area clienti, potranno essere caricate dalle ore 12:00 del 27 settembre fino alle ore 12.00 del 27 ottobre 2022.

Le agevolazioni verranno concesse mediante una procedura a sportello sino ad esaurimento delle risorse disponibili.


Per maggiori informazioni sul bando per l’ agrisolare contattaci a questo indirizzo:

Sticky
Settembre 05, 2022
Commenti disabilitati su Un BANDO per favorire l’AGRISOLARE

BREVETTI+, DISEGNI+ e MARCHI+: i BANDI

Diventano operativi i nuovi bandi per l’annualità 2022 per la concessione delle misure agevolative denominate Brevetti+, Disegni+ e Marchi+, sostanzialmente sovrapponibili ai bandi degli anni precedenti.

Vediamo la sintesi dei tre bandi.

 

BREVETTI +: dotazione di 30 milioni di euro

Il bando mira a favorire lo sviluppo di una strategia brevettuale e l’accrescimento della capacità competitiva delle PMI, incentivando l’acquisto di servizi specialistici finalizzati alla valorizzazione economica di un brevetto in termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato.

Le PMI devono già essere titolari di un brevetto per invenzione industriale o di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale.

Il contributo a fondo perduto è pari a all’80% delle spese, fino ad un importo massimo di 140.000 euro.

L’apertura del bando è prevista dal 27 settembre 2022.

 

DISEGNI +: dotazione di 14 milioni di euro

L’obiettivo è supportare le PMI nella valorizzazione di disegni e modelli già di sua proprietà e già registrati.

Il contributo a fondo perduto è pari all’80% delle spese entro l’importo massimo di 60.000 euro.

L’apertura del bando è prevista dall’11 ottobre 2022.

 

MARCHI +: dotazione di 2 milioni di euro

L’incentivo sostiene le PMI nella tutela dei marchi dell’Unione europea registrati presso EUIPO o di marchi internazionali presso OMPI. I marchi devono essere già registrati e depositati.

Il contributo a fondo perduto è pari a all’80% delle spese, fino ad un importo massimo di 6.000 euro, per i marchi europei, e del 90% e fino a 9.000 euro per i marchi internazionali.

L’apertura del bando è prevista dal 25 ottobre 2022.


Vuoi conoscere tutti i dettagli dei singoli bandi? Contatta l’ufficio Bandi e Incentivi:

Sticky
Agosto 30, 2022
Commenti disabilitati su BREVETTI+, DISEGNI+ e MARCHI+: i BANDI

USCITI 11 BANDI per l’area SISMA

Usciti 11 bandi a valere sul Fondo Complementare sisma inserito nel PNRR.
Il valore complessivo è di circa 700 milioni di euro, con i quali si vuole favorire il rilancio economico e sociale delle regioni colpite dai terremoti del 2009 e 2016: Umbria, Marche, Abruzzo e Lazio.
 
Il pacchetto di interventi mira a favorire:
·        lo sviluppo
·        la crescita occupazionale
·        l’inclusione sociale
 
delle imprese ubicate nei due crateri post-sisma 2009 e 2016.
 
Le opportunità si rivolgono sia al manifatturiero che agli ambiti relativi al turismo e cultura, economia circolare e  riuso delle macerie,  filiera del legno ed agroalimentare, terzo settore, con priorità per le imprese danneggiate dal sisma.
Gli avvisi per i singoli bandi sono stati pubblicati dai soggetti gestori Invitalia Unioncamere , con l’indicazione dei relativi tempi di apertura e chiusura degli sportelli.

Clicca qui per andare sul sito dedicato.


Per maggiori informazioni sui bandi per l’ Area Sisma contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi

Sticky
Agosto 05, 2022
Commenti disabilitati su USCITI 11 BANDI per l’area SISMA

DIGITALIZZAZIONE delle IMPRESE, in arrivo INGENTI RISORSE

In arrivo dal Mise 45 milioni di euro per le imprese che vogliano attuare progetti di Intelligenza artificiale, blockchain e IoT.

L’obiettivo del ministero per lo Sviluppo Economico è quello di favorire la digitalizzazione delle imprese per renderle maggiormente innovative e competitive, attraverso la presentazione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione (dell’organizzazione e di processo) finalizzate al sostegno e allo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di:

  • intelligenza artificiale (25 milioni di euro)
  • blockchain (10 milioni di euro)
  • internet of things (10 milioni di euro). 

I  settori interessati sono:

  • industria e manifatturiero;
  • sistema educativo;
  • agroalimentare;
  • salute;
  • ambiente ed infrastrutture;
  • cultura e turismo;
  • logistica e mobilità;
  • sicurezza e tecnologie dell’informazione;
  • aerospazio.

L’incentivo è concesso sotto forma di contributo a fondo perduto variabile con aliquota tra il 25% e il 70% delle spese ammissibili.

I progetti devono prevedere spese e costi ammissibili compresi tra 500.000 e 2.000.000 euro.

A partire dal 21 settembre 2022 le imprese e i centri di ricerca pubblici o privati, anche in forma congiunta tra loro, potranno richiedere agevolazioni per realizzare progetti di ricerca e innovazione tecnologica legati al programma Transizione 4.0.

Per facilitare la predisposizione della domanda è stata inoltre prevista, dal 14 settembre, una fase di precompilazione che consentirà di avviare l’inserimento della documentazione sulla piattaforma online.


Vuoi maggiori informazioni? Contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi!

  • 075 505911
Sticky
Luglio 07, 2022
Commenti disabilitati su DIGITALIZZAZIONE delle IMPRESE, in arrivo INGENTI RISORSE

Bonus Export Digitale

Il Bonus Export Digitale è un contributo a fondo perduto che punta a sostenere le microimprese manifatturiere nelle attività di internazionalizzazione attraverso soluzioni digitali. Il contributo è concesso in regime de minimis per i seguenti importi:

  • 4.000 euro alle microimprese a fronte di spese ammissibili non inferiori a 5.000 euro
  • 22.500 euro alle reti e consorzi a fronte di spese ammissibili non inferiori a 25.000 euro

Soggetti beneficiari

Il contributo è rivolto alle microimprese manifatturiere (con codice ATECO primario compreso tra i codici 10 e 33) con sede in Italia, anche costituite in forma di reti o consorzi (tra micro-imprese) che abbiano avviato da almeno un anno la fatturazione di prodotti commerciali, che siano in regola con il DURC e con gli adempimenti fiscali.

Investimenti ammessi

Il bonus finanzia le spese per l’acquisizione di soluzioni digitali per l’export, fornite da imprese iscritte nell’elenco delle società abilitate.
Le prestazioni puntano a sostenere i processi di internazionalizzazione attraverso:

  • realizzazione di sistemi di e-commerce verso l’estero, siti e/o app mobile
  • realizzazione di sistemi di e-commerce che prevedono l’automatizzazione delle operazioni di trasferimento, aggiornamento e gestione degli articoli da e verso il web
  • realizzazione di servizi accessori all’e-commerce
  • realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale dell’export digitale
  • digital marketing finalizzato a sviluppare attività di internazionalizzazione
  • servizi di CMS (Content Management System)
  • iscrizione e/o abbonamento a piattaforme SaaS (Software as a Service) per la gestione della visibilità e spese di content marketing
  • servizi di consulenza per lo sviluppo di processi organizzativi e di capitale umano
  • upgrade delle dotazioni di hardware necessarie alla realizzazione dei servizi sopra elencati

Presenta la domanda

Le domande devono essere presentate dal rappresentante legale dei soggetti richiedenti esclusivamente online, tramite il sito https://padigitale.invitalia.it

La presentazione è divisa in due fasi:

  • compilazione della domanda dal 10 maggio al 15 luglio 2022
  • presentazione della domanda dal 16 maggio al 15 luglio 2022

Per richiedere le agevolazioni è necessario essere in possesso di:

  • SPID
  • Casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva
  • Firma digitale

Per maggiori informazioni e/o assistenza contatta la nostra Area Bandi e Incentivi:

 

Sticky
Giugno 19, 2022
Commenti disabilitati su Bonus Export Digitale

BANDI REGIONALI, bene lo SCORRIMENTO delle GRADUATORIE

Accogliamo con favore la decisione della giunta di portare a scorrimento le graduatorie dei bandi regionali a sostegno degli investimenti delle imprese manifatturiere che, nonostante le difficoltà legate alla congiuntura economica, continuano a scommettere sulla crescita.

È positiva la reazione che la CNA dell’Umbria riserva al rifinanziamento di tre bandi regionali deciso ieri dalla giunta di palazzo Donini su proposta dell’assessore allo sviluppo economico, Michele Fioroni.

“La scelta di destinare ulteriori 6 milioni di euro al bando Large, 8 milioni all’avviso Ricerca e Innovazione e 2,5 milioni al bando Energia, va nella direzione da noi auspicata – dichiara Giampaolo Cicioni, presidente regionale di CNA Produzione -, stimolando la realizzazione di investimenti da parte delle tante imprese che, nei mesi scorsi, hanno presentato progetti a valere sulle tre misure. Si tratta di un provvedimento anticiclico a supporto di un settore che sta facendo fronte a difficoltà enormi legate soprattutto ai rincari straordinari del prezzo di energia e gas, a cui le misure di contrasto adottate dal governo non riescono a fare fronte. Difficoltà acuitesi, in particolare, con il rimbalzo che ha caratterizzato la crescita economica dopo il colpo assestato dalla crisi pandemica, a cui si aggiungono quelle legate alla ricerca di personale con competenze adeguate alle esigenze delle imprese.”

“D’altra parte – aggiunge Francesco Vestrelli, responsabile di CNA produzione Umbria – la proroga europea del regime del temporary framework potrà garantire, anche nei prossimi mesi, una elasticità nella gestione dei fondi europei in grado di riavvicinare le capacità di programmazione delle Regioni alle effettive esigenze delle imprese. Infine, ci auguriamo una velocizzazione dei percorsi per arrivare all’approvazione definitiva della programmazione dei fondi comunitari, che rappresentano uno strumento fondamentale di sostegno allo sviluppo economico, soprattutto – conclude Vestrelli – per quanto riguarda gli incentivi per l’innovazione e la formazione professionale dei giovani disoccupati.”

Scarica qui la rassegna stampa.

Sticky
Maggio 26, 2022
Commenti disabilitati su BANDI REGIONALI, bene lo SCORRIMENTO delle GRADUATORIE

EXPORT e INTERNAZIONALIZZAZIONE, un CORSO per IMPRESE

Se sei un’impresa che ha la sede operativa in Umbria puoi partecipare al corso “EX” di specializzazione su export e internazionalizzazione riservato a un numero massimo di 50 imprenditori e manager di imprese.

A metterlo gratuitamente a disposizione è ARPAL, l’agenzia regionale per le politiche attive del lavoro. Il corso è erogato da LUISS specificamente per ARPAL.

Per rientrare nel progetto le imprese devono:

  • essere regolarmente costituite come società di capitali, essere iscritte alla CCIAA da almeno 12 mesi ed esercitare un’attività compresa in specifici codici Ateco (scopri qui quali sono);
  • avere almeno un bilancio approvato riferito ad un esercizio completo;
  • avere una sede operativa in Umbria dove lavora il personale che deve partecipare al Corso;
  • essere in regola:
    • con il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali per i lavoratori e con gli obblighi dei contratti di lavoro;
    • con le norme su salute e sicurezza/inserimento disabili/pari opportunità/tutela dell’ambiente/antimafia
  • non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione coatta o volontaria, concordato preventivo (ad eccezione del concordato con continuità aziendale) etc;
  • non presentare le caratteristiche di “impresa in difficoltà”;
  • non essere state soggette ad atti di revoca per:
    • indebita percezione di risorse pubbliche
    • carenza dei requisiti essenziali
    • irregolarità della documentazione prodotta per cause imputabili all’impresa e non sanabili.

Ogni impresa può candidare un solo soggetto (non sostituibile) che deve avere i seguenti requisiti:

  • essere titolare dell’impresa o ricoprire il ruolo di:
    • amministratore con deleghe operative/amministratore delegato;
    • direttore generale;
    • responsabile ufficio estero/società-filiale estera
    • responsabile commerciale e/o marketing/finanziario/amministrativo;
  • avere un contratto di lavoro dipendente o essere lavoratore autonomo con rapporto di collaborazione in regime di esclusività.
  • non avere riportato condanne penali che impediscano di poter costituire rapporti con la Pubblica Amministrazione o assumere ruoli di amministratore o rapporti di lavoro in società private che adottano codici etici ai sensi della normativa vigente in materia di diritto societario.
  • non essere contestualmente iscritto alle liste dei Digital manager o Export manager di Invitalia ;
  • avere una comprovata e adeguata padronanza della lingua inglese.

I posti disponibili per la partecipazione al Corso saranno distribuiti in due cluster:

  • Cluster A: 70% (max 35 post) alle imprese “Export Players” con fatturato estero nell’ultimo esercizio pari almeno al 15 % del fatturato totale, che dovranno presentare un progetto di sviluppo e potenziamento dell’export e internazionalizzazione;
  • Cluster B: 30 % (max 15 posti) alle imprese “Export Beginners” con fatturato estero nell’ultimo esercizio inferiore al 15% del fatturato totale o fatturato estero assente, che dovranno presentare un progetto strategico di export e internazionalizzazione.

Le sessioni formative saranno alternate in presenza e a distanza (modalità sincrona) presso:

  • la sede di Villa Blanc a Roma della LBS (le sessioni inaugurale e di chiusura)
  • la Scuola di Formazione Regionale di Villa Umbra (località Pila – Perugia).

Ai partecipanti sarà fornito materiale didattico dedicato consultabile in modalità e-learning.

Il corso  si svolgerà il venerdì intera giornata e il sabato mattina.

Al momento dell’approvazione delle domande verrà definito anche il valore del beneficio (max € 6.250,00/impresa)  per poter partecipare gratuitamente al corso.

Le domande di partecipazione potranno essere inviate


Per maggiori informazioni contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi al n° 075 505911

Sticky
Maggio 26, 2022
Commenti disabilitati su EXPORT e INTERNAZIONALIZZAZIONE, un CORSO per IMPRESE

BANDO per imprese della CERAMICA ARTISTICA

Pubblicato un bando riservato alle imprese della ceramica artistica di qualità e tradizionale (codice Ateco primario 23.41)

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale in de Minimis che può arrivare fino all’80% delle spese totali ammissibili e fino a un contributo massimo di 50mila euro per impresa.

I progetti ammissibili a contributo (con importo minimo di 10mila euro) devono avere una delle seguenti finalità:

  • lo sviluppo di piattaforme informatiche per il settore
  • lo sviluppo tecnologico dell’impresa
  • l’acquisto di uno o più macchinari nuovi di fabbrica per lo sviluppo industriale dell’impresa

Le spese ammissibili sono quelle:

  • sostenute dal 17 maggio al 30 giugno 2022;
  • finalizzate direttamente all’attività dell’impresa;
  • relative a beni e servizi acquistati da terzi che non hanno relazioni con l’impresa acquirente e alle normali condizioni di mercato;
  • effettuate attraverso modalità che consentano la loro piena tracciabilità e la loro riconducibilità ai titoli di spesa a cui si riferiscono

Sono escluse le spese per acquistare/pagare:

  • pezzi di ricambio o altre attrezzature che non soddisfano il requisito dell’autonomia funzionale
  • terreni, fabbricati, opere murarie
  • scorte di materie prime o semilavorati – materiali di consumo – attrezzature e arredi – beni non nuovi di fabbrica
  • mezzi dotati di targa
  • utenze varie
  • tasse, contributi, oneri sociali, spese legali o notarili
  • beni non funzionali all’attività di impresa o per i quali si siano già ottenuti incentivi
  • commesse interne

La domanda, la relazione tecnica e i titoli giustificativi e di pagamento delle spese sostenute vanno inviate 1 giugno 2022 e fino alle 23,59 del 12 agosto 2022 a Invitalia 

Le domande dovranno riferirsi, quindi, a spese sostenute dal 17 maggio 2022 al 5 agosto 2022.

Per maggiori informazioni contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi:

 

Sticky
Maggio 18, 2022
Commenti disabilitati su BANDO per imprese della CERAMICA ARTISTICA
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SosCNA
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social