Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

Bando RICERCA e SVILUPPO


Con una dotazione di oltre 3,6 milioni di euro, è stato pubblicato il bando a sostegno di progetti di ricerca e sviluppo presentati da piccole, medie e grandi imprese umbre extra agricole costituite in società di capitali che, al momento della presentazione della domanda siano attive ed operative in Umbria.

Gli interventi finanziabili riguardano progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale diretti a definire nuovi prodotti e/o processi negli ambiti di specializzazione identificati dalla Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente (RIS 3).

I progetti dovranno comprendere spese relative a:

  • ricerca industriale (nella misura massima del 30% del totale dei costi ammessi del progetto, elevabili al 35% al sussistere di determinate condizioni): spese relative a ricerche pianificate o a indagini critiche funzionali allo sviluppo di nuovi prodotti, processi o servizi, o al miglioramento di quelli esistenti;
  • sviluppo sperimentale: acquisizione/combinazione/strutturazione/utilizzo di conoscenze e capacità esistenti per sviluppare o migliorare prodotti, processi o servizi.

Per essere ammessi al bando i progetti devono essere avviati solo dopo la presentazione della domanda e il costo totale ammissibile del progetto va da un minimo di 130mila euro a un massimo di 1,5 milioni di euro.

Le spese ammissibili riguardano almeno due delle voci seguenti:

  • personale di ricerca
  • costi di ammortamento di strumentazioni e macchinari
  • servizi di consulenza
  • materiali per le attività di ricerca
  • spese generali

 

La percentuale dei contributi varia a seconda della tipologia di impresa e del tipo di attività di ricerca e sviluppo:

 

Dimensione Ricerca industriale Sviluppo sperimentale Maggiorazione di contributo collaborazione start up/PMI

+2,5% % collaborazione con start up/PMI (spesa in RST>5% progetto)

e/o

+2,5% % incremento occupazionale (ameno 1 assunzione a tempo indeterminato laurea o diploma tecnico

micro-piccole imprese  

65%

 

40%

medie imprese 55% 30%
grandi imprese 45% 20%

 

I progetti dovranno essere completati entro 15 mesi dalla data indicata al momento di scrivere la domanda o da quando si accetta il contributo.

La valutazione, espressa in punti, si baserà sui seguenti criteri:

  1. solidità patrimoniale e finanziaria dell’impresa.
  2. occupazione di personale altamente qualificato al momento della domanda
  3. spese per ricerca e sviluppo: media aritmetica dei rapporti tra i costi per ricerca e sviluppo capitalizzati ed i valori del fatturato degli ultimi tre bilanci approvati e depositati al momento della domanda
  4.  collaborazione con organismo di ricerca
  5. brevetti
  6. progetti finalizzati all’emergenza Covid 19
  7. prevalente conduzione femminile dell’impresa

La compilazione delle domande potrà avvenire, esclusivamente online, a partire dalle ore 10.00 del 20 gennaio 2021 e fino alle ore 12:00 del 20 marzo 2021, mentre l’invio vero e proprio sarà ammesso solo dal 27 gennaio 2021 (ore 10.00).


Per maggiori informazioni e/o assistenza nella predisposizione dei progetti per il bando su Ricerca e Sviluppo e nell’invio delle domande, contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi:

Sticky
Gennaio 31, 2021
Commenti disabilitati su Bando RICERCA e SVILUPPO

RETI di IMPRESE, ecco il BANDO

bando reti imprese

Pubblicato dalla CCIAA di Perugia un bando destinato a reti o consorzi di almeno 5 micro, piccole e medie imprese della provincia di Perugia che abbiano progetti per rafforzare la competitività, favorire la digitalizzazione, l’internazionalizzazione e la promozione del turismo.

Le imprese devono essere attive e in condizioni generali di regolarità.

Ogni impresa deve essere indipendente dalle altre e può partecipare a una sola aggregazione (già costituita o da costituire entro 30 giorni dall’eventuale ammissione al contributo) .

Se in corso d’opera una o più imprese dovessero uscire dall’aggregazione, il progetto resta valido se:

  • le imprese rimanenti sono almeno cinque e si fanno carico anche degli obblighi e costi in capo alle imprese uscite
  • al posto delle imprese uscite ne subentrano altre in possesso dei requisiti richiesti dal bando

I progetti che possono accedere al finanziamento riguardano:

  • lo sviluppo di canali e strumenti digitali di promozione sui mercati nazionali e internazionali
  • l’avvio o il rafforzamento della presenza all’estero
  • la promozione del turismo locale

Le spese ammissibili (da un minimo di 15mila a un massimo di 70mila euro) sono quelle relative a

  • formazione
  • traduzioni
  • shooting fotografici e video per promuovere i prodotti su siti, canali social, e-commerce
  • canoni di piattaforme di prenotazione turistica e marketplace
  • acquisizione ed utilizzo di forme di smart payment
  • campagne di promozione attraverso attività di digital e social media marketing, couponing, inbound marketing
  • affitto e allestimento spazi espositivi
  • trasporto merci e prodotti per fiere e showroom all’estero
  • servizi per organizzazione educational e incoming
  • acquisto software e licenze
  • servizi di cloud computing
  • azioni di digital marketing su portali di promozione turistica
  • spese di consulenza in materia contrattuale, doganale, legale e fiscale riferita ai Paesi oggetto del progetto di internazionalizzazione della rete

Il contributo massimo è pari al 70% del progetto ammesso. Una volta ottenuto, il progetto va concluso entro 12 mesi.

L’incentivo (rientrante tra gli “Aiuti di importo limitato”) non è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili, con altri aiuti pubblici.

I progetti saranno valutati in base a una serie di parametri a punteggio e solo quelli che avranno ottenuto almeno 30 punti andranno a formare la graduatoria.

Le domande vanno trasmesse in modalità telematica (sistema Webtelemaco di Infocamere) a partire dalle ore 08:00 del 10 febbraio fino alle ore 17:00 del 31 marzo 2021.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate sul bando per reti e consorzi di micro-piccole e medie imprese contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi:

Sticky
Gennaio 21, 2021
Commenti disabilitati su RETI di IMPRESE, ecco il BANDO

ERASMUS + UMBRIA, si riparte

erasmus + umbria

Pubblicato il primo bando per il 2021 relativo al progetto Erasmus + “Travelling into the Heart of Europe” (scarica qui la documentazione) di cui ANCI Umbria è capofila e che ci vede come sottoscrittori,  per l’assegnazione di ulteriori 39 borse di studio di mobilità:

  • n. 18 borse per la Malta
  • n. 5 borse per la Spagna
  • n. 16 borse per la Francia

Le domande possono essere presentate fino al 31/01.

Le prossime partenze sono previste per il prossimo 02/03/2021 per le destinazioni Francia, Spagna e Malta e il 3/05/2021 per Spagna e Irlanda.

A causa della situazione pandemica in atto e delle direttive imposte dal governo nazionale e dei Paesi esteri di destinazione,  le date di mobilità potrebbero essere soggette a variazioni.

Ricordiamo che il progetto è destinato ai neo-diplomati dei settori economico, tecnologico e commerciale, ai quali sarà data la possibilità di partecipare a tirocini ed esperienze di lavoro all’estero, di durata trimestrale nei settori economico e tecnologico.


Per maggiori informazioni sul bando Erasmus + Umbria contatta l’Anci regionale 

Sticky
Gennaio 20, 2021
Commenti disabilitati su ERASMUS + UMBRIA, si riparte

Un BANDO per IMPRESE CULTURALI e CREATIVE

bando imprese culturali e creative

Pubblicato un bando regionale destinato a:

  • micro, piccole e medie imprese
  • soggetti che agiscono in regime di impresa
  • professionisti

già costituiti o da costituire, che abbiano sede in Umbria e la cui attività principale consista nella creazione e/o valorizzazione di prodotti e beni culturali (controlla qui i codici Ateco ammessi).

A disposizione ci sono risorse per 1 milione di euro.

I progetti dovranno migliorare i cosiddetti attrattori culturali e naturali (scopri quali sono qui) e prevedere, attraverso la stipula di un contratto, il coinvolgimento dei proprietari e/o gestori degli stessi.

L’investimento dovrà essere avviato dopo la presentazione della domanda e di importo complessivo compreso tra i 30mila e i 100mila euro.

Le spese ammissibili riguardano:

  • oneri di costituzione (per le imprese non ancora costituite);
  • personale impiegato nel progetto;
  • strumentazioni, attrezzature, macchinari, software, materiali;
  • servizi di consulenza (max 15% dei costi ammissibili del progetto);
  • prodotti per informazione e promozione;
  • spese generali (10% dei costi relativi al personale)
  • costi fidejussione per eventuale anticipo contributo.

Il progetto dovrà essere realizzato entro un anno dalla data indicata nella domanda o dall’accettazione del contributo.

Il contributo, a fondo perduto, verrà concesso in regime de minimis ed equivale al 70% delle spese ammissibili.

La compilazione delle domande si potrà fare dal 15 marzo al 15 aprile 2021 attraverso la piattaforma on line. L’invio, invece,  potrà essere effettuato dal 15 marzo fino alle ore 16:00 del 15 aprile 2021, sempre online.

La graduatoria delle domande terrà conto del punteggio ottenuto da ciascuna sulla base di otto diversi requisiti: punteggio minimo 60 punti su 100.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate sul bando per le imprese culturali e creative contatta;

 

Sticky
Gennaio 18, 2021
Commenti disabilitati su Un BANDO per IMPRESE CULTURALI e CREATIVE

Bando ISI INAIL 2020

bando isi inail 2020

Pubblicato il bando ISI Inail 202o che, come ogni anno, vuole incentivare le imprese a migliorare sempre di più le condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori.

L’iniziativa è rivolta a tutte le imprese, anche individuali, che hanno sede in Italia e sono iscritte alla CCIAA, ad eccezione di quelle che operano nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli (che hanno un bando dedicato).

Per l’Umbria gli assi di finanziamento individuati sono quattro, con altrettante graduatorie, per un totale di oltre 4 milioni di euro disponibili.

  • ASSE 1:
    • 1.1. Progetti di investimento per ridurre/eliminare/prevenire rischi o cause di infortuni riscontrabili nel DVR o, per chi non è tenuto a prepararlo, in un documento analogo
    • 1.2 Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • ASSE 2: Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
  • ASSE 3 : Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • ASSE 4Progetti per micro o piccole imprese operanti in specifici settori di attività. Quest’anno l’asse è dedicato ai settori Pesca (Ateco 2007 A03.1) e Fabbricazione di Mobili (Ateco 2007 C31).

Ne possono beneficiare tutte le imprese che:

  • sono attive in Umbria;
  • risultano regolarmente iscritte al registro delle Imprese o delle Imprese Artigiane;
  • sono in regola con il D.U.R.C. (sia per i dipendenti che per i soci lavoratori);
  • sono nel libero e pieno esercizio dei propri diritti;
  • non hanno già beneficiato di finanziamenti relativi ai bandi ISI INAIL 2016, 2017, 2018.

Il contributo previsto, in regime de minimis, è:

  • per gli assi 1,2,3:  in conto capitale pari al 65% delle spese ammissibili esclusa Iva (massimo  130mila euro, minimo 5mila euro);
  • per l’asse 4: in conto capitale pari al 65% delle spese ammissibili esclusa Iva (massimo 50mila euro, minimo 2mila euro);

Le imprese possono presentare una sola domanda di finanziamento relativa ad una sola tipologia di progetto e raggiungere almeno 120 punti.

I progetti finanziabili:

  • devono essere realizzati nei luoghi dove si svolge l’attività lavorativa al momento della presentazione della domanda;
  • non possono dare luogo a un ampliamento della sede produttiva;
  • non posso comportare l’acquisto dei beni usati;
  • devono riferirsi alle lavorazioni che l’impresa ha già attive alla data di pubblicazione del bando.

Le spese ammissibili devono riferirsi a progetti non realizzati o in fase di realizzazione al momento della compilazione della domanda. Pertanto le spese devono essere tutte successive a tale data e rendicontate entro un anno esatto dalla data di comunicazione di ammissione al finanziamento.

Le date di apertura e di chiusura della procedura informatica, in tutte le sue fasi, saranno pubblicate sul portale INAIL entro il 26 febbraio 2021.


Per informazioni e verifiche di ammissibilità del progetto a valere sul bando Isi Inail 2020 contatta gli uffici territoriali e/o l’Ufficio bandi e Incentivi di CNA Umbria:

 

Sticky
Dicembre 02, 2020
Commenti disabilitati su Bando ISI INAIL 2020

RISORSE per L’AUTOTRASPORTO conto terzi

autotrasporti conto terzi

Stanziate nuove risorse dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per sostenere gli investimenti delle imprese di autotrasporto per conto terzi per l’acquisto, anche tramite leasing, di:

  • veicoli commerciali nuovi di fabbrica di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 t a trazione alternativa a metano (CNG), gas naturale liquefatto (LNG), ibrida (diesel/elettrico) ed elettrica (full electric)
  • veicoli nuovi euro VI diesel e Euro 6 D Temp, con contestuale radiazione per rottamazione di veicoli fino a Euro IV e di massa pari o superiore a 3,5 t.

I contributi vanno da un minimo di 2mila a un massimo di 20mila Euro.

Ogni impresa può inoltrare una sola domanda, con i diversi investimenti che intende fare, e richiedere complessivamente fino a 550mila Euro.

Saranno ammessi investimenti avviati dal 26/12/2019 e fino al 30/09/2020.

Le prenotazioni dell’incentivo vanno fatte in via telematica dall’11 al 30 novembre 2020, e saranno accettate in base all’ordine cronologico e fino quando vi saranno risorse disponibili.

Il bando prevede poi una seconda finestra temporale nel 2021 (1° giugno – 30 giugno 2021) in cui si potranno nuovamente presentare le domande di contributo.


Vuoi maggiori informazioni? Contatta il nostro Ufficio Incentivi:

Sticky
Novembre 13, 2020
Commenti disabilitati su RISORSE per L’AUTOTRASPORTO conto terzi

BANDO per l’ECONOMIA CIRCOLARE

bando economia circolare

Disponibile un bando a sostegno dell’economia circolare che finanzia progetti per riconvertire la produzione delle imprese.

Possono partecipare imprese di qualunque dimensione e settore e centri di ricerca, sia in forma singola che associata. Nelle forme associate è consentita anche la presenza di centri di ricerca come co-proponenti.

In particolare i progetti devono riguardare:

  • l’utilizzo efficiente delle risorse e il trattamento/trasformazione dei rifiuti, che devono essere ridotti al minimo
  • la progettazione e sperimentazione di prototipi per rafforzare percorsi di simbiosi industriale
  • processi per l’uso razionale e la sanificazione dell’acqua
  • strumenti innovativi per aumentare la durata dei prodotti e rendere il ciclo produttivo più efficiente
  • nuovi modelli di packaging che prevedano l’utilizzo di materiali recuperati
  • sistemi di selezione di  materiali piccoli e leggeri per aumentarne il recupero e riciclo

I progetti devono:

  • avere un alto contenuto di sostenibilità e innovazione tecnologica
  • essere realizzati sul territorio nazionale
  • prevedere spese e costi ammissibili di almeno 500mila e massimo di 2milioni di euro
  • avere una durata tra i 12 e i 36 mesi

Sono ammesse spese relative a:

  1. personale
  2. strumenti e attrezzature
  3. servizi di consulenza e beni immateriali
  4. spese generali
  5. materiali

I progetti ammessi vengono sostenuti in parte con un finanziamento agevolato, in parte con un contributo alle spese (20% per micro-piccole imprese, 15% per le medie, 10% per le grandi).

La dotazione finanziaria complessiva è di 279 milioni di euro.

Le domande potranno essere inserite a partire dal 30 novembre 2020, mentre l’invio vero e proprio sarà possibile dal 10 dicembre 2020.


Hai bisogno di maggiori informazioni e di assistenza nella preparazione del progetto? Contatta l’ufficio dei Servizi Innovativi ai seguenti recapiti:

Sticky
Novembre 11, 2020
Commenti disabilitati su BANDO per l’ECONOMIA CIRCOLARE

FINANZIAMENTI agevolati e CONTRIBUTI a fondo perduto per INTERNAZIONALIZZAZIONE

IL MONDO A PORTATA DELLA TUA IMPRESA: LE 7 LINEE DI FINANZIAMENTO SIMEST

(ATTENZIONE: la ricezione delle domande è temporaneamente sospesa a causa del gran numero di richieste ricevute – 21/10/2020)

Settori di attività NON FINANZIABILI:
codici ateco 2007:
– sezione A
– sezione C esclusivamente per le classi di attività 10.11 e 10.12

Scadenza 31/12/2020

 

  1. PARTECIPAZIONE A FIERE E MOSTRE IN PAESI ESTERI E IN ITALIA (riconosciute dall’AEFI)

Beneficiari: Tutte le imprese che hanno depositato almeno 1 bilancio relativo ad un esercizio completo. Se il richiedente non ha l’obbligo di deposito del bilancio, modello UNICO dell’ultimo esercizio completo.

Spese ammissibili: le spese dovranno essere sostenute successivamente alla presentazione della richiesta di finanziamento e saranno relative alla partecipazione a fiera/mostra internazionale in Italia o all’estero, missione imprenditoriale/evento promozionale, missione di sistema, sia in forma di presenza fisica che virtuale: Costi di area espositiva, allestimento, servizi allo stand, assicurazione, viaggi, soggiorni e compensi riconosciuti al personale sia interno che esterno incaricato dall’impresa, traduzione ed interpretariato, trasporto merce, spese di pubblicità, cartellonistica su catalogo della fiera, quotidiani informativi della fiera, stampa specializzata, banner video, pulizie, ecc., consulenze esterne connesse alla partecipazione.

Importo di finanziamento per singola domanda: max 15%  dei ricavi  aziendali come risultanti dall’ultimo bilancio approvato/ultima dichiarazione dei redditi presentata, per un max di 150.000,00 euro a fiera/evento.

Durata del finanziamento: 4 anni di cui 1 di preammortamento al tasso dello 0,089 % (10% del tasso di riferimento UE su base mensile) per il mese di agosto.

Fondo perduto: pari al 50% del finanziamento attivato sotto forma di remissione del debito previa rendicontazione delle spese sostenute (in attesa di entrata in vigore del regime temporary framework).

Periodo di realizzazione: dalla data di presentazione della domanda  sino a 12 mesi dopo la data di perfezionamento del finanziamento.

Massimale attivabile: in caso di pluralità di domande a valere sul fondo 394/81, l’esposizione massima dell’impresa al momento della delibera non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati/dichiarazioni dei redditi presentate.

 

  1. E-COMMERCE IN PAESI ESTERI

Beneficiari: Società di capitali che hanno depositato presso il registro delle imprese almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi.

Spese ammissibili: creazione e sviluppo di una propria piattaforma informatica; gestione e funzionamento della propria piattaforma informatica/market place, spese di attività promozionali e formazione connesse allo sviluppo del programma  (ammessi domini, it, en, com, net), spese per certificazioni internazionali di prodotto, costi di affitto di un magazzino.

Importo di finanziamento: max 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati con min 25.000,00 euro e max 300.000,00 euro per utilizzo market place fornito da terzi, max euro 450.000,00 per realizzazione  piattaforma propria.

Durata del finanziamento: 4 anni di cui 1 di preammortamento al tasso dello 0,089 % (10% del tasso di riferimento UE su base mensile) per il mese di agosto.

Fondo perduto: pari al 50% del finanziamento attivato sotto forma di remissione del debito previa rendicontazione delle spese sostenute (in attesa di entrata in vigore del regime temporary framework).

Periodo di realizzazione: dalla data di presentazione della domanda e sino a 12 mesi dopo la data di perfezionamento del finanziamento.

Massimale attivabile: in caso di pluralità di domande a valere sul fondo 394/81, l’esposizione massima dell’impresa al momento della delibera non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati/dichiarazioni dei redditi presentate.

 

  1. PROGRAMMI DI INSERIMENTO NEI MERCATI ESTERI

Beneficiari: Tutte le imprese che hanno depositato almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi. Se il richiedente non ha l’obbligo di deposito del bilancio, modello UNICO degli ultimi 2 esercizi completi.

Spese ammissibili:

  • spese di funzionamento della struttura: spese per locali e allestimento (fino a 3 uffici, fino a 3 centri di assistenza, uno showroom, un magazzino, un negozio, un corner. Il magazzino e un centro di assistenza post vendita sono finanziabili anche se ubicati in Italia purchè strettamente funzionali al programma e non superiori al 30% del totale delle spese di funzionamento) gestione, personale in via esclusiva all’estero e relativi viaggi,…;
  • spese per attività promozionali, formazione, consulenze, certificazioni internazionali di prodotto,….
  • spese forfettarie nel limite max del 20% del totale delle 2 precedenti voci.

Importo di finanziamento: minimo 50.000,00 euro per singolo programma, al max 25% dei ricavi medi ultimi due anni con importo max 4.000.000,00 euro.

Durata del finanziamento: 6 anni di cui 2 di preammortamento al tasso dello 0,089 % (10% del tasso di riferimento UE su base mensile) per il mese di agosto.

Fondo perduto: pari al 50% del finanziamento attivato, sotto forma di remissione del debito previa rendicontazione delle spese sostenute (in attesa di entrata in vigore del regime temporary framework) e nel limite massimo previsto di euro 800.000,00.

Periodo di realizzazione: dalla data di presentazione della domanda  sino a 24 mesi dopo la data di perfezionamento del finanziamento.

Massimale attivabile: in caso di pluralità di domande a valere sul fondo 394/81, l’esposizione massima dell’impresa al momento della delibera non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati/dichiarazioni dei redditi presentate.

 

4.E 5. STUDI DI PREFATTIBILITÀ E PROGRAMMI DI ASSISTENZA TECNICA IN PAESI ESTERI

Beneficiari: Tutte le imprese che hanno depositato almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi. Se il richiedente non ha l’obbligo di deposito del bilancio, modello UNICO degli ultimi 2 esercizi completi.

Spese ammissibili: viaggi, soggiorni e indennità di trasferta del personale interno adibito all’iniziativa, retribuzioni del personale interno per il tempo dedicato allo studio di fattibilità/al programma di assistenza tecnica, compensi per il personale esterno documentati da specifico contratto.

Importo di finanziamento: max 15% dei ricavi medi ultimo biennio, max 200.000,00 euro per studi di fattibilità relativi ad investimenti di ordine commerciale, max 350.000,00 per studi di fattibilità relativi ad investimenti produttivi, max 300.000,00 euro per assistenza tecnica destinata alla formazione del personale in loco relativo alla realizzazione dell’investimento, max 100.000,00 euro per assistenza tecnica post-vendita collegata a contratto di fornitura.

Durata del finanziamento: 4 anni di cui 1 di preammortamento al tasso dello 0,089 % (10% del tasso di riferimento UE su base mensile) per il mese di agosto.

Periodo di realizzazione: dalla data di presentazione della domanda e sino a 12 mesi dopo la data di perfezionamento del finanziamento.

Fondo perduto: pari al 50% del finanziamento attivato sotto forma di remissione del debito previa rendicontazione delle spese sostenute (in attesa di entrata in vigore del regime temporary framework).

Massimale attivabile: in caso di pluralità di domande a valere sul fondo 394/81, l’esposizione massima dell’impresa al momento della delibera non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati/dichiarazioni dei redditi presentate.

 

  1. TEMPORARY EXPORT MANAGER FUNZIONALI A PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE IN PAESI ESTERI (MAX TRE PAESE ESTERI)

Beneficiari: Società di capitali che hanno depositato presso il registro delle imprese almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi.

Spese ammissibili: spese relative alle prestazioni di figure professionali specializzate (TEM) risultanti da contratto di servizio e che devono rappresentare almeno il 60% del finanziamento concesso, altre spese strettamente connesse alla realizzazione del progetto elaborato attraverso il TEM. Previste anche figure di TEM esteri e digital export manager.

Importo di finanziamento: max 15% dei ricavi medi ultimo biennio, min 25.000,00 euro max 150.000,00.

Durata del finanziamento: 4 anni di cui 2 di preammortamento al tasso dello 0,089 % (10% del tasso di riferimento UE su base mensile) per il mese di agosto.

Fondo perduto: pari al 50% del finanziamento attivato sotto forma di remissione del debito previa rendicontazione delle spese sostenute (in attesa di entrata in vigore del regime temporary framework).

Periodo di realizzazione: dalla data di presentazione della domanda  sino a 24 mesi dopo la data di perfezionamento del finanziamento.

Massimale attivabile: in caso di pluralità di domande a valere sul fondo 394/81, l’esposizione massima dell’impresa al momento della delibera non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati/dichiarazioni dei redditi presentate.

 

  1. MIGLIORAMENTO E SALVAGUARDIA DELLA SOLIDITÀ PATRIMONIALE DELLE IMPRESE ESPORTATRICI

Beneficiari: PMI o MIDCAP in forma di società di capitali che hanno depositato presso il registro delle imprese almeno 2 bilanci relativi a 2 esercizi completi e che devono:

  • aver realizzato un fatturato estero medio, negli ultimi due esercizi, pari almeno al 20% del fatturato aziendale complessivo;
  • aver realizzato un fatturato estero nell’ultimo esercizio pari almeno al 35% del fatturato aziendale complessivo;
  • presentare un livello di solidità patrimoniale di ingresso (rapporto tra patrimonio netto e immobilizzazioni nette) riferito all’ultimo bilancio depositato non superiore a 2 per società industriali/manifatturiere e non superiore a 4 se commerciali/di servizi;
  • aver rimborsato un eventuale precedente finanziamento dello stesso tipo.

Importo di finanziamento: max 40% del patrimonio netto dell’impresa come risultante dall’ultimo bilancio approvato e depositato nel limite amx di euro 800.000,00.

Finanziamento per capitale circolante.

Durata del finanziamento: 6 anni di cui 2 di preammortamento: tasso applicato nei primi due anni di preammortamento pari allo 0,89% (tasso di riferimento UE mese di agosto);  tasso applicato nei 4 anni di ammortamento il 10% del tasso di riferimento UE su base mensile pari allo 0,089% nel mese di agosto e previa verifica di miglioramento del livello di solidità patrimoniale.

Fondo perduto: pari al 50% del finanziamento attivato sotto forma di remissione del debito previa rendicontazione delle spese sostenute (in attesa di entrata in vigore del regime temporary framework).

Periodo di realizzazione: dalla data di presentazione della domanda  sino a 24 mesi dopo la data di perfezionamento del finanziamento l’azienda dovrà dimostrare il miglioramento del suo livello di solidità patrimoniale.

Massimale attivabile: in caso di pluralità di domande a valere sul fondo 394/81, l’esposizione massima dell’impresa al momento della delibera non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati/dichiarazioni dei redditi presentate.

Vuoi saperne di più?
Partecipa al webinar gratuito che abbiamo organizzato per

Lunedì 14 settembre 16.30 (iscriviti qui)

 


Per ulteriori informazioni contatta i Servizi Innovativi CNA Umbria 

 

Sticky
Ottobre 21, 2020
Commenti disabilitati su FINANZIAMENTI agevolati e CONTRIBUTI a fondo perduto per INTERNAZIONALIZZAZIONE

Bando FIERE, proroga al 31/12/2021

bando fiere

 

Uscito il nuovo bando destinato alle micro, piccole e medie imprese, ai consorzi, alle coop e alle reti con sede operativa in Umbria che vogliano partecipare a fiere internazionali, in Italia o all’estero.

Per beneficiarne le imprese devono:

  • essere in regola con il Durc
  • essere iscritte alla Cciaa da non meno di un anno
  • avere almeno 1 dipendente a tempo indeterminato
  • esercitare in maniera prevalente l’attività prevista rientrante nei codici Ateco 2007 individuati dal bando

Le fiere per le quali si può richiedere il contributo sono quelle internazionali, in Italia e all’estero, che si svolgano in presenza o in modalità digitale.

Il contributo è a fondo perduto (in regime “de minimis”) e può finanziare la partecipazione fino a 5 fiere che si svolgeranno dal mese corrente fino al 31 dicembre 2021.

Le spese ammissibili non possono superare:

  • 16.000 euro per le fiere in Italia
  • 20.000 euro per le fiere all’estero

Ogni impresa può presentare 1 sola domanda/progetto di internazionalizzazione con le manifestazioni che intende realizzare.

Per ogni fiera in presenza il contributo potrà essere, a scelta dell’azienda (da definire già al momento della domanda e non modificabile):

  • in base a un costo standard giornaliero (max 5 giorni)
    • 1.600 euro/ giorno per fiere in Italia (max 8.000 euro)
    • 2.000 euro/giorno per fiere all’estero (max 10.000 euro)
  • presentando una rendicontazione dei costi reali 
    • per fiere in Italia max 10.000 euro
    • per fiere all’estero max 20.000 euro

Per le fiere in modalità digitale è prevista la sola rendicontazione dei costi reali e un contributo massimo di 10.000 euro.

Per quanto riguarda i costi reali, l’entità del contributo varia percentualmente a seconda delle caratteristiche dell’impresa (imprese neo-esportatrici, start-up innovative, spin-off universitari, tutte le altre tipologie di imprese) e la rendicontazione degli stessi prevede regole precise, pena la revoca del contributo.

L’assegnazione del contributo sarà di tipo valutativo a sportello, in base a un punteggio basato su specifici criteri.

Le domande potranno essere presentate fino al 31/12/2021.


Hai bisogno di altre informazioni e del nostro supporto per la predisposizione del progetto di domanda?

Contatta i nostri Servizi Innovativi:

Sticky
Ottobre 16, 2020
Commenti disabilitati su Bando FIERE, proroga al 31/12/2021

TRASFORMAZIONE DIGITALE, ecco il BANDO MISE

bando mise digitale

Pubblicato il bando del Mise per sostenere la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese.  

In palio ci sono 100 milioni di euro per finanziare progetti che introducono innovazioni di processo o dell’organizzazione, oppure investimenti attraverso l’introduzione di:

  • tecnologie individuate nel Piano Nazionale Impresa 4.0 (advanced manufacturing solutions, additive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate a
    • ottimizzare la catena della distribuzione
    • software
    • gestione e coordinamento della logistica
    • e-commerce, geolocalizzazione, blockchain, intelligenza artificiale etc…

Per beneficiarne le imprese devono:

  • operare prevalentemente nei settori.
    • manifatturiero
    • servizi alle imprese
    • turistico (fruizione digitale beni culturali)
    • commercio
    • altro (clicca qui per maggiori dettagli)
  • avere ricavi di almeno 100mila euro nell’ultimo bilancio approvato e depositato
  • avere almeno due bilanci approvati e depositati al Registro per le Imprese

I progetti – che possono essere presentati anche tra più imprese fino ad un massino di 10 – devono prevedere un importo di spesa che vada da un minimo di 50mila a un massimo di a 500mila euro ed essere avviati dopo la presentazione della domanda.

Le agevolazioni sono concesse sul 50% delle spese ammissibili, di cui il 10% come contributo e il 40% come finanziamento agevolato.

Le domande, che saranno valutate a sportello secondo l’ordine cronologico di arrivo, potranno essere presentate, a partire dalle ore 12.00 del 15 dicembre 2020, esclusivamente online.

Ammessa una sola domanda per ciascun soggetto.


Per avere maggiori informazioni e assistenza nella preparazione dei progetti contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi:

Sticky
Ottobre 13, 2020
Commenti disabilitati su TRASFORMAZIONE DIGITALE, ecco il BANDO MISE
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SISTEMA CNA
    SMART WORKING
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
  • Seguici sui nostri canali social