Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

CREDITI di IMPOSTA su ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE

Confermati, anche per il primo trimestre 2023, i crediti d’imposta a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale. Alcune aliquote sono state riviste al rialzo.

Vediamo quali sono i requisiti per l’accesso alle varie misure:

 

ENERGIA ELETTRICA

IMPRESA NON ENERGIVORA

Agevolazione
III

trimestre 2022

IV

trimestre 2022

I

trimestre 2023

Dotata di contatore di potenza pari o superiore a 16,5 kWh Credito applicato Credito di imposta del 15% sulla spesa materia prima energia elettrica Credito di imposta del 30% sulla spesa materia prima energia elettrica Credito di imposta del 35% sulla spesa materia prima energia elettrica
Requisito di accesso Variazione del costo medio del kWh superiore al 30% tra il II trimestre 2022 e il II trimestre 2019 Variazione del costo medio del kWh superiore al 30% tra il III trimestre 2022 e il III trimestre 2019 Variazione del costo medio del kWh superiore al 30% tra il IV trimestre 2022 e il IV trimestre 2019
Dotata di contatore di potenza pari o superiore a 4,5 kWh Credito applicato n.a. Credito di imposta del 30% sulla spesa materia prima energia elettrica Credito di imposta del 35% sulla spesa materia prima energia elettrica
Requisito di accesso n.a. Variazione del costo medio del kWh superiore al 30% tra il III trimestre 2022 e il III trimestre 2019 Variazione del costo medio del kWh superiore al 30% tra il IV trimestre 2022 e il IV trimestre 2019
SCADENZA COMPENSAZIONE 30/06/2023 30/06/2023 31/12/2023

 

GAS NATURALE (METANO) Agevolazione
III

trimestre 2022

IV

trimestre 2022

I

trimestre 2023

Tutte le aziende che consumano gas naturale per usi non termoelettrici Credito applicato Credito di imposta del 25% sulla spesa materia prima gas naturale Credito di imposta del 40% sulla spesa materia prima gas naturale Credito di imposta del 45% sulla spesa materia prima gas naturale
Requisito di accesso Variazione del prezzo di riferimento del Mercato Infragiornaliero gas superiore al 30% tra il II trimestre 2022 e il II trimestre 2019 Variazione del prezzo di riferimento del Mercato Infragiornaliero gas superiore al 30% tra il III trimestre 2022 e il III trimestre 2019 Variazione del prezzo di riferimento del Mercato Infragiornaliero gas superiore al 30% tra il IV trimestre 2022 e il IV trimestre 2019
SCADENZA COMPENSAZIONE 30/06/2023 30/06/2023 31/12/2023

 

Entro il 16 marzo 2023, i beneficiari dei crediti d’imposta dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate l’importo del credito maturato nel 2022, con modalità che l’Agenzia renderà note a breve. Le imprese che non adempiono a questa comunicazione perdono il diritto alla fruizione del beneficio.

Le imprese che si sono avvalse dello stesso fornitore nel periodo di riferimento 2019 e 2022 possono richiedere il calcolo direttamente allo stesso. Infatti, le aziende fornitrici di gas ed energia elettrica hanno l’obbligo, se ricevono una richiesta via Pec da parte del cliente, di fornire entro 60 giorni dalla data di scadenza del trimestre di riferimento, i conteggi del credito d’imposta spettante.

Non hai i requisiti per richiedere il calcolo al tuo fornitore? Rimaniamo a tua disposizione con un servizio dedicato per supportarti nella valutazione del diritto al credito di imposta e al suo successivo calcolo. 

Contatta l’ufficio CNA più vicino a te (qui trovi il link alle nostre sedi)

Sticky
Gennaio 17, 2023
Commenti disabilitati su CREDITI di IMPOSTA su ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE

BREXIT ed EXPORT: il BANDO

Hai un’impresa che esporta nel Regno Unito e hai avuto maggiori costi dopo la Brexit? I primi giorni di febbraio l’Agenzia per la Coesione Territoriale pubblicherà un bando riservato proprio alle aziende come la tua finalizzato a rimborsare i maggiori costi derivati dall’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Quali sono i requisiti richiesti e le caratteristiche del bando Brexit (BAR – Riserva Adeguamento Brexit)?

  1. essere un’azienda che ha esportato nel Regno Unito negli ultimi 3 anni
  2. avere spese già sostenute dal 01.01.2020 fino alla data di invio della domanda .
  3. rimborso delle spese al 100% a fondo perduto, che per essere ammissibili devono essere correlabili (con autodichiarazione) a investimenti sostenuti a causa della Brexit, come gli adeguamenti alle nuove normative (ad esempio: elaborazione e stampa etichette, ma anche acquisto macchinari per etichettatura), formazione, nuove assunzioni di personale, viaggi e soggiorni in UK, software gestionali con moduli dedicati alle nuove procedure, campagne di comunicazione etc….
  4. non è richiesto di dimostrare una perdita di fatturato
  5. spese minime per accedere al bando: 10mila euro (imponibile).
  6. il bando è a sportello con apertura a febbraio

Hai bisogno di maggiori informazioni o di assistenza nella predisposizione della domanda per il bando Brexit?

Rivolgiti a:

 

 

Sticky
Gennaio 17, 2023
Commenti disabilitati su BREXIT ed EXPORT: il BANDO

WEBINAR di approfondimento sul BANDO SOLAR ATTACK

Per far fronte ai continui rincari del costo dell’energia e sostenere gli investimenti in energie rinnovabili, a partire dal fotovoltaico, la Regione Umbria, anche su nostra sollecitazione, ha pubblicato il bando Solar Attack, che prevede la possibilità di:

1. chiedere un contributo fino al 40% dell’investimento interamente a fondo perduto

2. chiedere un finanziamento fino al 50% della spesa complessiva, che successivamente si trasformerà in parte in contributo a fondo perduto (ma con una percentuale inferiore rispetto all’ipotesi n.1)

L’intensità del contributo varia al variare della potenza dell’impianto che si intende installare.

Approfondiremo tutto gli argomenti dedicati durante il webinar del 20 dicembre alle 17.30 al quale ti invitiamo a partecipare

Iscriviti al webinar

Sticky
Dicembre 13, 2022
Commenti disabilitati su WEBINAR di approfondimento sul BANDO SOLAR ATTACK

ARTIGIANO IN FIERA, un SUCCESSO per l’UMBRIA

Numeri da record. Anche se mancano ancora i dati definitivi, non si era mai vista tanta gente affollare gli ampi corridoi di AF, la kermesse internazionale sui prodotti dell’artigianato che va in scena ogni anno nel capoluogo lombardo all’interno degli spazi della fiera di Milano – Rho. L’edizione 2022 si sviluppa su 7 padiglioni, con 2.350 espositori (dei quali 510 nuovi, 700 under 35) e 84 Paesi del mondo presenti e rappresentati. Inaugurata il 3 dicembre, chiuderà domenica 11. Lo spazio dedicato all’Umbria è tra quelli più visitati in assoluto, a dimostrazione del potere attrattivo rappresentato dal brand Umbria. E ieri (05/12, ndr) la presidente della Regione, Donatella Tesei, e l’assessore allo sviluppo economico, Michele Fioroni, sono arrivati a Milano e hanno fatto visita agli espositori umbri presenti alla fiera.

Una visitaafferma Francesco Vestrelli, responsabile di CNA Manifattura Umbria – che certifica in modo istituzionale l’importanza assunta da questa manifestazione, non solo per le nostre imprese ma anche per il territorio”.

Le imprese umbre quest’anno sono una quarantina, anche grazie all’impegno di Assogal, l’associazione dei gruppi di azione locali, che insieme a CNA Promexport Umbria ne coordina la partecipazione, puntando a promuovere non solo i prodotti dell’Umbria ma la regione nella sua interezza. Appartenenti a tutti i settori merceologici, le imprese espongono il meglio dei prodotti artigianali umbri al padiglione 3 della fiera: dal tartufo alla ceramica, dalle birre ai complementi d’arredo, dai prodotti della norcineria a quelli fashion, dai dolci all’olio, alla birra, alla crescia, al cioccolato, ai cosmetici, ai gioielli e molto altro ancora.

Ma accanto alle eccellenze dell’artigianato – prosegue Vestrelli – si fa anche promozione attiva delle eccellenze del territorio, in uno sforzo di sistema che perseguiamo da molti anni e che oggi è realtà. Intanto con la presenza di stand che offrono informazioni e vendono veri e propri pacchetti turistici, o con lo spazio dedicato al lago Trasimeno e a tutto quello che quest’area può offrire ai turisti. Ma anche con un calendario fitto di eventi collaterali per presentare le manifestazioni storiche umbre di maggior spicco – anche con l’ausilio di tecnologie digitali -, le celebrazioni in programma per il 500° anniversario della morte del Perugino e del Signorelli, le degustazioni dei vari prodotti agroalimentari. Quest’anno la grafica degli stand riporta anche il nuovo logo promozionale delle bellezze della regione che la giunta di palazzo Donini ha presentato il mese scorso alla stampa e che riprende il fortunato slogan Umbria, cuore verde d’Italia. Perché l’obiettivo comune è lo stesso – conclude Vestrelli –: esaltare le eccellenze delle produzioni artigiane accanto alle tante eccellenze che il nostro territorio è in grado di offrire”.


Hai un’impresa e non hai mai partecipato ad Artigiano in fiera nello stand Umbria? Contatta i nostri servizi innovativi e scopri come partecipare in futuro

Sticky
Dicembre 06, 2022
Commenti disabilitati su ARTIGIANO IN FIERA, un SUCCESSO per l’UMBRIA

SOLAR ATTACK, i BANDI per il FOTOVOLTAICO

Sono centinaia le imprese che in questi giorni stanno già chiedendo informazioni sul pacchetto di bandi regionali di prossima uscita a sostegno della realizzazione di impianti fotovoltaici per l’autoproduzione di energia. Qui trovi in anteprima la scheda tecnica sintetica!

“Con questo pacchetto di bandi – osserva Michele Carloni, presidente regionale della CNA – l’assessore regionale allo sviluppo economico, Michele Fioroni, continua sull’ottima strada intrapresa lo scorso anno, in occasione dell’uscita dei bandi a sostegno degli investimenti delle imprese. Il pacchetto denominato Solar Attack, infatti, che cuberà oltre 26 milioni di euro, offrirà un sostegno a tutti i settori produttivi, a partire dal Manifatturiero, che sarà destinatario di almeno 15 milioni di euro, mentre il resto delle risorse andrà alle imprese artigianali e commerciali (5 milioni) e alle grandi imprese (6 milioni). La cosa più interessante – continua Carloni – è che, anche in questo caso, com’era già avvenuto con il pacchetto Smart Attack, usciranno bandi differenziati sia per entità dell’investimento che per dimensione di impresa, consentendo in tal modo l’accesso agli incentivi anche alle imprese più piccole, oltre che a quelle di maggiori dimensioni. Inoltre, le imprese avranno la possibilità di optare per due diversi tipi di soluzione: un finanziamento pari al 50% del totale del progetto di investimento, che successivamente si trasformerà in parte in contributo a fondo perduto; oppure direttamente un contributo a fondo perduto che, in tal caso, sarà maggiorato rispetto alla prima opzione.”

Come ricordato da Fioroni in conferenza stampa, il bando rappresenta il frutto di una concertazione con le associazioni di categoria.

Si tratta di un metodo e di un percorso che ci auguriamo possa essere confermato anche in futuro, quando si tratterà di affrontare temi differenti. Ad esempio sulla ricerca, un tema sul quale stiamo chiedendo che si vada verso il sostegno all’acquisto di consulenze in outsourcing, particolarmente indicato per imprese di piccole o piccolissime dimensioni che non possiedono una struttura interna in grado di sostenere un’attività di ricerca volta alla realizzazione di nuovi prodotti. Infine – prosegue Carloni –, considerato che stanno prendendo sempre più piede gli strumenti resi disponibili dal Pnrr, confidiamo in un confronto costruttivo per la promozione e lo sviluppo di progetti industriali complessi a sostegno della sostenibilità e della digitalizzazione delle imprese.

In attesa dell’uscita ufficiale dei bandi Solar Attack, il presidente regionale della Cna non ha dubbi: “Non ci illudiamo che le risorse che verranno messe a disposizione delle imprese umbre per l’autoproduzione di energia possano risolvere tutte le loro difficoltà attuali. Ma è indubbio – conclude Carloni – che la strada seguita vada nella giusta direzione.”

Scarica qui la rassegna stampa


Per maggiori informazioni, contatta:

Sticky
Novembre 17, 2022
Commenti disabilitati su SOLAR ATTACK, i BANDI per il FOTOVOLTAICO

Tornano i VOUCHER DIGITALI della CCIAA dell’Umbria

Confermati anche per il 2022 i voucher digitali (sotto forma di contributi a fondo perduto) della CCIAA dell’Umbria per sostenere le micro e piccole imprese che realizzano interventi di digitalizzazione e innovazione.

A disposizione ci sono risorse pari a 210mila euro.

Quali sono gli interventi finanziabili?

Sono quelli che, per almeno il 60% del costo totale del progetto, riguardino una o più tecnologie dell’Elenco 1 ed eventualmente una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste all’Elenco 1.

Elenco 1

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain (con esclusione del settore dei servizi finanziari);
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc)

 

Elenco 2

  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • sistemi e-commerce, con sistemi di pagamento mobile e/o via internet (esclusivamente di nuova realizzazione);
  • soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica.

 

Le spese ammissibili (su investimenti di almeno 5mila euro) sono quelle relative a:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste (per almeno il 50% dei costi ammissibili);
  • acquisto di beni e servizi strumentali nuovi, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti di cui all’elenco 1(per un massimo del 50% dei costi ammissibili);

 

Il contributo, in regime de minimis, non può superare il 50% delle spese ammissibili e un valore massimo di 7mila euro.

 

Quali sono le imprese che possono richiedere il contributo?

Possono accedere ai contributi le micro e piccole imprese:

  • con sede legale (o unità locali) in Umbria
  • in regola sotto tutti i punti di vista (iscrizioni, diritti annuali, Durc, no procedure liquidazione e similari)
  • non abbiano forniture di servizi in corso di erogazione con la Camera di commercio dell’Umbria;
  • che abbiano aderito al servizio “Cassetto Digitale dell’Imprenditore”, tramite la piattaforma www.impresa.italia.it .

 

Le domande, firmate digitalmente, potranno essere presentate solo in modalità telematica sulla piattaforma WebTelemaco di Infocamere (link) dalle ore 9:00 del 12.10.2022 alle ore 17:00 del 10.11.2022.

ISCRIVITI A TELEMACO (VEDI TUTORIAL)

 

Le valutazioni saranno effettuate a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.


Se vuoi maggiori informazioni o assistenza nella preparazione della domanda contattaci a questi recapiti:

Sticky
Settembre 28, 2022
Commenti disabilitati su Tornano i VOUCHER DIGITALI della CCIAA dell’Umbria

Un BANDO per favorire l’AGRISOLARE

Pubblicate finalmente le modalità di presentazione delle domande per accedere agli incentivi del PNRR (Parco Agrisolare) per realizzare impianti fotovoltaici su edifici produttivi nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale.

L’obiettivo della misura contenuta nel PNRR è quello di sostenere gli investimenti nelle strutture produttive del settore agricolo, zootecnico e agroindustriale finalizzati a:

  • rimozione e  smaltimento dei tetti esistenti
  • realizzazione di nuove coperture isolate e dotate di sistemi automatizzati di ventilazione e/o di raffreddamento
  • installazione di pannelli solari e sistemi di gestione intelligente dei flussi e degli accumulatori.

Le risorse sono suddivise per settore:

  • 1,2 miliardi di euro per interventi nel settore della produzione agricola primaria
  • 150 milioni di euro per interventi nel settore della trasformazione di prodotti agricoli in agricoli
  • 15o milioni di euro per interventi nel settore della trasformazione di prodotti agricoli in non agricoli
    • massimo il 30% delle spese ammissibili, maggiorato di:
      • 20 punti percentuali, per gli aiuti concessi alle piccole imprese
      • 10 punti percentuali, per gli aiuti concessi alle medie imprese
      • 15 punti percentuali, per investimenti effettuati nelle zone assistite

Clicca qui per verificare i codici ATECO ammissibili.

Almeno il 40% delle risorse complessive è riservato al finanziamento di progetti da realizzare nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

La spesa massima ammissibile per singolo progetto è di 750.000,00 euro (con limite massimo di 1 milione di euro per singolo soggetto beneficiario).

Per la realizzazione di impianti fotovoltaici sono considerate ammissibili le spese:

  • fino a un limite massimo di euro 1.500,00/Kwp per l’installazione di pannelli fotovoltaici
  • ulteriori euro 1.000,00 Kwp ove siano installati anche sistemi di accumulo

Nel caso siano installati dispositivi di ricarica per la mobilità sostenibile, potrà essere riconosciuta, in aggiunta ai massimali già indicati, una spesa complessiva fino ad un limite massimo ammissibile pari a:

  • € 1.500,00 per installazione di dispositivi di ricarica wallbox di potenza complessiva non superiore ai 22 kW;
  • € 4.000,00 per installazione di colonnine di ricarica di potenza complessiva non superiore ai 22 kW;
  • € 250,00/kW, e fino a un massimo di € 15.000,00 per l’installazione di dispositivi di ricarica di potenza complessiva superiore ai 22 kW

Le domande, che andranno presentate attraverso il portale del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A., accessibile dall’Area clienti, potranno essere caricate dalle ore 12:00 del 27 settembre fino alle ore 12.00 del 27 ottobre 2022.

Le agevolazioni verranno concesse mediante una procedura a sportello sino ad esaurimento delle risorse disponibili.


Per maggiori informazioni sul bando per l’ agrisolare contattaci a questo indirizzo:

Sticky
Settembre 05, 2022
Commenti disabilitati su Un BANDO per favorire l’AGRISOLARE

DIGITALIZZAZIONE delle IMPRESE, in arrivo INGENTI RISORSE

In arrivo dal Mise 45 milioni di euro per le imprese che vogliano attuare progetti di Intelligenza artificiale, blockchain e IoT.

L’obiettivo del ministero per lo Sviluppo Economico è quello di favorire la digitalizzazione delle imprese per renderle maggiormente innovative e competitive, attraverso la presentazione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione (dell’organizzazione e di processo) finalizzate al sostegno e allo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di:

  • intelligenza artificiale (25 milioni di euro)
  • blockchain (10 milioni di euro)
  • internet of things (10 milioni di euro). 

I  settori interessati sono:

  • industria e manifatturiero;
  • sistema educativo;
  • agroalimentare;
  • salute;
  • ambiente ed infrastrutture;
  • cultura e turismo;
  • logistica e mobilità;
  • sicurezza e tecnologie dell’informazione;
  • aerospazio.

L’incentivo è concesso sotto forma di contributo a fondo perduto variabile con aliquota tra il 25% e il 70% delle spese ammissibili.

I progetti devono prevedere spese e costi ammissibili compresi tra 500.000 e 2.000.000 euro.

A partire dal 21 settembre 2022 le imprese e i centri di ricerca pubblici o privati, anche in forma congiunta tra loro, potranno richiedere agevolazioni per realizzare progetti di ricerca e innovazione tecnologica legati al programma Transizione 4.0.

Per facilitare la predisposizione della domanda è stata inoltre prevista, dal 14 settembre, una fase di precompilazione che consentirà di avviare l’inserimento della documentazione sulla piattaforma online.


Vuoi maggiori informazioni? Contatta il nostro ufficio Bandi e Incentivi!

  • 075 505911
Sticky
Luglio 07, 2022
Commenti disabilitati su DIGITALIZZAZIONE delle IMPRESE, in arrivo INGENTI RISORSE

Opportunità per l’export con le Camere di Commercio all’estero

A ottobre si terrà a Perugia la Convention delle CCIE, le Camere di Commercio Italiane all’Estero.

Sarà un’occasione per:

  • capire le potenzialità dei paesi esteri;
  • costruire fin da ora dei progetti di export finalizzati a espandere la propria attività all’estero tramite fiere / eventi / incontri con clienti e operatori;
  • cercare partner tecnologici / investitori.

Le attività concordate con le Camere di Commercio Italiane all’Estero faranno parte delle spese ammissibili nel Voucher Internazionalizzazione della Camera di Commercio dell’Umbria.

In pratica:

  • l’azienda segnala le proprie esigenze, compilando il modulo di manifestazione di interesse (link sotto) entro il 30 giugno;
  • le richieste vengono trasmesse dalla Camera di Commercio dell’Umbria alle Camere di Commercio estere;
  • le Camere di Commercio estere inviano delle proposte di collaborazione che vengono sottoposte alle imprese interessate;
  • qualora le proposte vengano giudicate valide, le aziende possono fare domanda per il voucher;
  • il 10 ottobre imprese e CCIE si incontrano di persona (meeting B2B) in occasione dell’evento di Perugia.

Saranno incentivati anche i raggruppamenti di imprese (es. interessati alla stessa nazione) per ottimizzare costi e risultati.

Non perdere l’occasione, manda subito la tua manifestazione di interesse, qui

Non è vincolante ma c’è tempo solo fino al 30 giugno!


Per informazioni
Barbara Ferrier – barbara.ferrier@cnaumbria.it – 075 5059103

Sticky
Giugno 27, 2022
Commenti disabilitati su Opportunità per l’export con le Camere di Commercio all’estero

BONUS EDILI e certificazione SOA

Per le imprese che effettuano lavori edili che beneficiano dei bonus fiscali legati a Superbonus, Ecobonus, Sismabonus, bonus Ristrutturazioni, bonus Facciate etc…, introdotto l’obbligo dell’attestazione SOA per le imprese che eseguono lavori di importo superiore ai 516mila euro.

In particolare:

    • dal 1 Gennaio al 30 Giugno 2023 (periodo transitorio) dovranno dimostrare di aver fatto almeno la richiesta, attraverso la stipula di contratto, agli Enti certificatori SOA;
    • dal 1 Luglio 2023 i lavori potranno essere affidati esclusivamente a imprese in possesso della qualificazione SOA.
    • nessuna attestazione SOA per i lavori in corso di esecuzione o stipulati prima del 21 Maggio 2022 (data di entrata in vigore del Decreto)

L’introduzione di questo obbligo è fortemente contrastata dalla CNA perché aumenta gli adempimenti a carico delle imprese e perché taglia fuori dal mercato delle riqualificazioni edilizie oltre il 90 % delle imprese, già fortemente provate dalle difficoltà per la cessione del credito e quindi rischia di bloccare definitivamente il mercato delle riqualificazioni degli edifici e la ripresa del settore costruzioni.

Per contrastare efficacemente il fenomeno delle imprese “fantasma” occorre una legge di regolamentazione del settore edile che preveda un  sistema di qualificazione delle imprese  basato su serie verifiche dei requisiti di accesso alla professione e al mercato, come già avviene per altre categorie.

Se vuoi saperne di più sulla certificazione SOA obbligatoria contatta:

Sticky
Giugno 14, 2022
Commenti disabilitati su BONUS EDILI e certificazione SOA
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SosCNA
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social