Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

SMALTIMENTO PNEUMATICI fuori uso, INDAGINE CNA

indagine pneumatici fuori uso
Tempi lunghissimi per il ritiro degli pneumatici fuori uso – o, addirittura, mancanza di raccolta -, anomalie nei formulari e, con i nuovi provvedimenti legislativi adottati, ulteriori complicazioni nella gestione delle classificazioni.

Sono alcuni dei principali problemi con cui  devono fare i conti i gommisti, i carrozzieri, gli autoriparatori, gli elettrauto e i meccatronici che hanno a che fare con gli pneumatici fuori uso (Pfu).

E dopo il danno arriva anche la beffa delle sanzioni.

Nonostante le nostre ripetute segnalazioni alle Istituzioni competenti, le aspettative sono state deluse.

Per cercare di fare un quadro più dettagliato dei problemi e dare maggiore incisività alla nostra attività di pressione, CNA Autoriparazione nazionale ha predisposto un breve questionario sulla produzione e gestione degli penumatici fuori uso che puoi trovare qui: compilalo per aiutarci a fare proposte più incisive alle Istituzioni, a cominciare dal ministero per l’Ambiente.


Per ulteriori informazioni sulla nostra indagine sugli pneumatici fuori uso contatta:

 

Sticky
Aprile 07, 2021
Commenti disabilitati su SMALTIMENTO PNEUMATICI fuori uso, INDAGINE CNA

AGROALIMENTARE DIGITALE a CNA INFORMA TV

 

In onda giovedì 1° aprile alle 20.30 su Umbria TV, canale 10 del digitale terrestre, una nuova puntata di CNA INFORMA TV  in cui si parlerà di “Agroalimentare digitale: la parola agli esperti”

Cos’è la blockchain? E il digital food? Il digital marketing come può essere applicato all’agroalimentare? A queste e a tante altre domande, poste dalla giornalista NOEMI CAMPANELLA, proveranno a rispondere gli ospiti della trasmissione:

  • in studio: BARBARA FERRIER, del Digital Innovation Hub di CNA Umbria, e l’imprenditore LEONARDO FACCENDINI dell’Antico Pastificio umbro, presidente Regionale CNA Agroalimentare.
  • in video-collegamento: ALESSANDRO ZACCARO, fotografo, blogger, content creator e founder di Fancylab,  e MASSIMILIANO FERRARIS, di Agorasoft.

Sintonizzatevi!

VEDI IL CALEDARIO DEI WEBINAR SULLA TRASFORMAZIONE DIGITALE ORGANIZZATI DA CNA 

 

 

Sticky
Aprile 01, 2021
Commenti disabilitati su AGROALIMENTARE DIGITALE a CNA INFORMA TV

Una PETIZIONE per le IMPRESE del BENESSERE

petizione imprese benessere

Una petizione da firmare online per chiedere al Governo che le imprese del settore del benessere – acconciatori e centri di estetica – possano riprendere subito il loro lavoro anche nelle zone rosse in modo da contrastare il fenomeno  dell’abusivismo.

A lanciarla sono state la Cna insieme a Confartigianato e Casartigiani, che fin dall’inizio hanno denunciato con forza questo fenomeno, ormai dilagante, portato avanti da parte di operatori che si improvvisano professionisti e svolgono il lavoro a domicilio al di fuori di ogni misura di sicurezza e dei protocolli approvati dalle autorità. Misure di igiene che, applicate già prima della pandemia, sono state rafforzate ulteriormente dalle imprese del settore. A dimostrazione dell’efficacia di queste misure di sicurezza c’è la mancanza  di qualsiasi contagio avvenuto all’interno di queste imprese.

Firma anche tu la petizione a favore dell’apertura delle imprese del benessere (clicca qui). Contribuisci a fermare il fenomeno dell’abusivismo e a tenere in vita migliaia di imprese stremate dalle chiusure dovute alla pandemia!


Per maggiori informazioni:

Marina Gasparri – 075 5059160 – marina.gasparri@cnaumbria.it 

Sticky
Marzo 31, 2021
Commenti disabilitati su Una PETIZIONE per le IMPRESE del BENESSERE

DIGITALE e SOSTENIBILITÀ a CNA INFORMA TV

A un anno dall’inizio della pandemia come si stanno muovendo le imprese , qual è la nuova normalità in tema di strategie digitali?

In arrivo una nuova puntata di CNA INFORMA TV  in cui si parlerà di strategia digitale per le piccole e medie imprese, ma anche di sostenibilità.

La trasmissione andrà in onda giovedì 25 marzo alle 20.30 su Umbria TV, canale 10 del digitale terrestre.

In studio, insieme alla giornalista NOEMI CAMPANELLA, ci saranno BARBARA FERRIER, del Digital Innovation Hub di CNA Umbria, e l’imprenditore CIRO SCHIAROLI, della TooItaly. In video-collegamento, invece, ci saranno GAIA SEGATTINI, Art director, founder e amministratrice di Gaia Segattini Knotwear,  e GIANLUCA DIEGOLI, Esperto di strategia digitale – Co-founder di Digital Updat.

Sintonizzatevi!

VEDI IL CALEDARIO DEI WEBINAR 

 

 

Sticky
Marzo 24, 2021
Commenti disabilitati su DIGITALE e SOSTENIBILITÀ a CNA INFORMA TV

La TRASFORMAZIONE DIGITALE a CNA INFORMA TV

 

In cosa consiste la trasformazione digitale dell’economia? Come si coniuga con il tema della sostenibilità? Quali sfide devono affrontare le imprese per essere al passo con questo processo di cambiamento?

Sono questi alcuni dei temi di cui si parlerà nella nuova puntata di CNA INFORMA TV, che andrà in onda giovedì 18 marzo alle 20.30 su Umbria TV, canale 10 del digitale terrestre.

In studio, insieme alla giornalista NOEMI CAMPANELLA, ci saranno RENATO CESCA  e ROBERTO GIANNANGELI, rispettivamente presidente e direttore di CNA Umbria.

In video-collegamento ci saranno invece STEFANO EPIFANI – Docente di Internet Studies all’Università “La Sapienza” di Roma e MICHELE FIORONI – Assessore allo Sviluppo economico della Regione Umbria.

Sintonizzatevi!

Sticky
Marzo 17, 2021
Commenti disabilitati su La TRASFORMAZIONE DIGITALE a CNA INFORMA TV

Le IMPRESE ARTIGIANE sono al COLLASSO

In attesa della copertura vaccinale

trovare regole per lavorare e convivere con il Covid

 

imprese artigiane collasso

Roberto Giannangeli – Direttore CNA Umbria

“A distanza di un anno dall’inizio dell’emergenza Covid-19, di fronte alla risalita dei contagi e a una campagna vaccinale a rilento, non c’è altra strada che trovare modalità di convivenza con il virus in grado di tenere insieme la continuità lavorativa e la sicurezza sanitaria. L’alternativa è il collasso di centinaia di artigiani e piccole imprese e la perdita di migliaia di posti di lavoro.”

Per Roberto Giannangeli, direttore di CNA Umbria, l’allarme è massimo.

“Il mondo dell’artigianato e della micro-piccola impresa nel 2020 ha cercato, come si suol dire, di tenere botta di fronte a una situazione senza precedenti. Fatta eccezione per il settore del trasporto persone, da subito colpito duramente e senza prospettive di ripresa a breve, tutte le altre imprese si sono rimboccate le maniche, hanno adottato severi protocolli anti contagio e hanno cercato di trovare nuovi segmenti di mercato, nuovi prodotti o servizi, nuovi modi di lavorare. Dopo un’estate tranquilla e, anzi, al di sopra delle migliori aspettative, con la ripresa dei contagi in autunno, le ulteriori restrizioni agli spostamenti e la chiusura delle filiere produttive legate alla ristorazione, all’intrattenimento, alla cultura e ad alcuni servizi alla persona, la domanda ha subìto un vero e proprio crollo. La ricerca che abbiamo presentato alcune settimane (puoi scaricarla qui) fa evidenziava cali di fatturato tra il 10% e il 50% per le imprese manifatturiere del made in Italy e riduzioni importanti in quelle dei servizi. Gli unici settori in cui si segnala una ripresa sono quelli del digitale, della logistica, del trasporto merci e delle costruzioni. I ristori previsti dai vari decreti governativi o dalla Regione per le imprese chiuse, ma non per quelle che sebbene aperte ma i cui incassi sono scesi costantemente, non sono altro che esigui palliativi. Diventa quindi fondamentale, – aggiunge Giannangeli – per salvaguardare le imprese e l’occupazione, andare verso la riapertura immediata delle attività e la ripresa della mobilità delle persone. Non ci sono alternative. Abbiamo iniziato il 2021 animati dalla speranza di una campagna di vaccinazioni che in pochissimi mesi ci avrebbe fatto raggiungere l’immunità di gregge. Ma è ormai chiaro che non sarà così, la disponibilità dei vaccini è minima e a questi ritmi passeranno anni prima che almeno il 70% della popolazione conquisti l’immunità. Possiamo ragionevolmente pensare che si possa aspettare questo traguardo prima di riprendere l’attività lavorativa? Riusciamo a immaginare le conseguenze di ciò sulle imprese e sul mantenimento dei posti di lavoro se non invertiremo la rotta? Spesso si fa caso unicamente alle situazioni di crisi delle grandi aziende, ma se dovessero collassare centinaia di piccole imprese l’impatto sull’occupazione sarebbe ben più visibile. Noi – conclude Giannangeli – crediamo che sia urgentissimo prendere atto una volta per tutte della gravità della situazione e studiare protocolli di sicurezza tali da permettere alle imprese di lavorare, alle persone di spostarsi liberamente e all’economia di riprendere a girare.”

Scarica la rassegna

Sticky
Febbraio 27, 2021
Commenti disabilitati su Le IMPRESE ARTIGIANE sono al COLLASSO

CENTRI ESTETICI, la SOLUZIONE passa per il GOVERNO

Servono urgenti ristori economici per un settore

fortemente colpito dagli effetti della pandemia

“Accogliamo con favore la sentenza del Tar del Lazio che ha stabilito la riapertura dei centri estetici nelle zone rosse. Ma si tratta di una soluzione effimera e, purtroppo, temporanea. La vera svolta arriverà solo da un decreto del Governo.”

Marina Gasparri, responsabile regionale della Cna per le imprese del settore benessere, commenta così la decisione del tribunale amministrativo laziale che, esprimendosi su un ricorso, ha riconosciuto come discriminatorio l’obbligo di chiusura per i centri estetici nelle zone rosse a fronte di altre attività, in particolare l’acconciatura, che invece rimangono aperte, e ne ha disposto la riapertura.

“Siamo assolutamente in linea con il principio della sentenza e con i risultati prodotti. Ma la nostra associazione non ha mai perseguito la strada del Tar, perché non crediamo che sia a colpi di ricorsi che si ottengono i risultati. Infatti, non passa da qui la soluzione ai veri problemi del settore. In primo luogo perché la sentenza potrebbe essere capovolta, nel giro di poche ore, dal Consiglio di Stato, come è già successo per le scuole in Umbria, costringendo i centri estetici a dover spegnere di nuovo le luci. In secondo luogo perché se anche ciò non avvenisse, gli effetti di questa sentenza sono legati, anche temporalmente, al solo Dpcm del 14 gennaio sul quale il Tar aveva autorità a pronunciarsi. Detto in altre parole, il 5 marzo la sentenza scadrà insieme agli effetti del Dpcm. Per questo la nostra battaglia, da novembre in poi, quando il primo Dpcm ha istituito le famigerate zone a colori, è stata impostata nel chiedere al governo di rivedere a monte la decisione di escludere i centri estetici dalle attività che devono stare chiuse in zona rossa. E lo abbiamo fatto nella certezza che i protocolli anti Covid applicati dal settore sono tra i più sicuri avendo partecipato come associazione di categoria alla loro definizione. Così come abbiamo chiesto che in zona arancione fosse legittimo spostarsi tra i Comuni per raggiungere il proprio centro di fiducia.”

Le perplessità di Gasparri sono anche altre. “Questa sentenza non sarà in grado, da sola, di porre rimedio a un calo di fatturato inesorabile. Mesi di restrizioni, la paura del contagio, i divieti di spostamento tra comuni, il ridursi della capacità di spesa e l’incertezza economica, tutto questo fa sì che gli incassi ridottissimi di questi ultimi mesi, in alcuni casi non siano nemmeno sufficienti a coprire i costi. Parliamo di un settore, tutto al femminile, che in Umbria conta oltre 800 centri. Quindi, da un lato serve un intervento definitivo del governo per correggere una norma discriminatoria, ma dall’altro – conclude Gasparri – vanno previste misure di sostegno a un comparto che soffre profondamente degli effetti della pandemia.

Sticky
Febbraio 18, 2021
Commenti disabilitati su CENTRI ESTETICI, la SOLUZIONE passa per il GOVERNO

ZONA ROSSA, il TAR riapre i CENTRI ESTETICI

 

La sentenza del TAR del Lazio del 16/02/2021 ha ritenuto discriminatoria la norma dei DPCM che obbliga alla chiusura i centri estetici ubicati nelle zone cosiddette rosse.

Gli effetti di questa sentenza, a seguito dei chiarimenti che abbiamo richiesto alle istituzioni locali, sono immediatamente applicabili.

Pertanto sin da oggi i centri estetici che si trovano nelle zone sulle quali valgono le limitazioni della zona rossa per effetto dell’ultima ordinanza regionale possono riaprire.


Per maggiori informazioni sulla sentenza del TAR relativa ai centri estetici contatta :

Sticky
Febbraio 17, 2021
Commenti disabilitati su ZONA ROSSA, il TAR riapre i CENTRI ESTETICI

Subito RISTORI REGIONALI alle IMPRESE in crisi

Far riaprire al più presto tutte le attività sospese

ristori imprese in crisi

“Condividiamo la richiesta al governo, avanzata in questi giorni dalla presidente della giunta regionale, di prevedere ristori più estesi alle imprese, soprattutto a quelle rimaste fuori dai decreti, ma il rischio è che l’ossigeno arrivi quando il paziente è ormai in coma irreversibile o addirittura morto. È assolutamente indispensabile, perciò, che la Regione anticipi questi ristori alle imprese dei settori più colpiti, stremate dopo un anno di inattività, o quasi.

È la richiesta avanzata da Cna Umbria e Confartigianato imprese Umbria, nel momento in cui la gravità della situazione epidemiologica nella regione ha dato origine a ulteriori inasprimenti nei confronti dell’operatività delle imprese. Misure di cui, al momento, è difficile ipotizzare la durata ma molto facile prevedere gli effetti.

“Le pesanti restrizioni dell’ultimo Dpcm e le conseguenze dell’ordinanza regionale del 6 febbraio, che ha instaurato la zona rossa in buona parte dell’Umbria, mettono in ginocchio interi settori economici già stremati da un anno terribile – dichiara Renato Cesca, presidente di Cna Umbria -. Non solo commercio e ristoranti, ma anche bar, estetiste, toelettatori, palestre che vengono aperti e chiusi da mesi come se fossero interruttori, e ora completamente fermi. E che si aggiungono alla schiera dei tanti operatori che non hanno mai di fatto ripreso l’attività, come il settore del trasporto persone. Oppure alle varie attività artigianali e dei servizi alla persona ubicati all’interno dei centri commerciali, obbligate da mesi a rimanere chiuse nei festivi e prefestivi, quindi nei giorni di maggior incasso.”

“Non è più possibile aspettare – aggiunge Mauro Franceschini, presidente di Confartigianato imprese Umbria -, il rischio concreto è di trasformare in deserto un patrimonio di imprese e mettere sul lastrico intere famiglie. Noi crediamo che occorra far entrare velocemente nelle casse delle imprese di questi settori i sussidi necessari a sostenerle e attuare un piano efficace che tuteli la salute di tutti noi e eviti nuove, drastiche chiusure. È indispensabile, quindi, che in attesa di ulteriori, auspicabili ristori da parte del nuovo governo nazionale, la Regione Umbria definisca subito un nuovo provvedimento con le misure necessarie a sostenere queste categorie maggiormente danneggiate dalle nuove chiusure e dal protrarsi della pandemia. Bene la previsione di una misura ad hoc per il commercio appena annunciata dall’assessore Fioroni, ma è urgente allargare il piano d’azione anche agli altri settori in sofferenza, tra cui l’artigianato.”

Per Cna e Confartigianato “vanno prese anche misure di sistema, a partire dai controlli. Sono gli stessi operatori a chiederlo. I ristoratori, ad esempio, sono disposti ad accettare misure ulteriori pur di poter tornare a fare il proprio lavoro. Chiedono però che quegli stessi controlli siano fatti anche fuori, nelle piazze e nelle strade. Così come i centri estetici, chiusi in zona rossa per una scelta che non si comprende visto che si tratta di un settore con protocolli anti-contagio tra i più sicuri e ben lontano dal generare assembramenti. Le imprenditrici dell’estetica chiedono almeno più controlli su un esercito di operatrici abusive che si muove in libertà. E, come chiediamo da tanto, più ispezioni anche nelle aree di attesa degli autobus per far ripartire la scuola, obiettivo che dobbiamo darci tutti come prioritario e, con essa, le imprese del trasporto persone. Le operazioni di screening e tracciamento, il funzionamento delle terapie intensive e il piano di vaccinazione – concludono Cesca e Franceschini -, speriamo faranno il resto nel più breve tempo possibile.”

Scarica la rassegna

Sticky
Febbraio 13, 2021
Commenti disabilitati su Subito RISTORI REGIONALI alle IMPRESE in crisi

IMPRESE, CALI di FATTURATO e MANCANZA di LIQUIDITÀ

Preoccupano anche le previsioni 2021

sui fatturati delle imprese umbrecalo fatturato imprese e mancanza liquidità

“Pesanti cali di fatturato, mancanza di liquidità e difficoltà ad accedere a nuove linee di credito. Per le imprese umbre è questo il triste bilancio al termine del primo anno di pandemia da Covid 19. Quel che è peggio è che le previsioni per i primi mesi del 2021 non lasciano troppe speranze su un’inversione di tendenza e molte imprese non sono in grado di elaborare nuove strategie per riposizionarsi. Perciò è necessario intervenire con urgenza, oltre che sul sostegno agli investimenti, anche nella facilitazione per l’accesso al credito per garantire la continuità lavorativa delle aziende in difficoltà.”

Roberto Giannangeli, direttore di CNA Umbria, è preoccupato dal consuntivo 2020 degli effetti economici della pandemia sanitaria, certificati anche dalla seconda parte dell’indagine (la puoi scaricare qui) condotta insieme al centro studi Sintesi che, nei giorni scorsi, aveva già fornito dati drammatici su Pil, investimenti, esportazioni e occupazione .

Oltre il 70% delle imprese umbre nel 2020 ha visto calare il proprio fatturato – puntualizza Giannangeli -, rispetto al 20% che non ha rilevato variazioni e a solo l’8% che ha registrato un aumento. Tra chi ha visto il fatturato scendere, oltre la metà ha registrato un calo oscillante tra il 10 e il 50%, imputabile per la maggior parte al crollo della domanda conseguente alle restrizioni adottate per contenere il contagio da Covid-19. Una contrazione che più del 65% delle imprese prevede sarà confermata anche per i primi mesi del 2021. Senza contare che l’introduzione della zona rossa per tutta la provincia di Perugia e per alcuni comuni del Ternano assesterà un ulteriore colpo alla già scarsa domanda. È comprensibile, quindi, che allo stato attuale la percentuale di imprese umbre intenzionate a investire nel 2021 arrivi appena al’8%.”

Il calo dei fatturati ha provocato nelle imprese una diffusa mancanza di liquidità, favorita anche dall’aumento del costo delle materie prime e dei semilavorati provocato dalla riduzione dei rapporti commerciali con l’estero.

Ben il 70% delle imprese ha denunciato una mancanza di liquidità nel 2020, a cui in molte hanno cercato di sopperire, laddove possibile, intervenendo sui tempi di pagamenti verso i fornitori, oppure con nuovi prestiti bancari o l’immissione di capitali accantonati. La moratoria sui mutui, tuttora in corso, ha rappresentato sicuramente una boccata di ossigeno. Ma, come era già successo con la crisi economica iniziata nel 2008 e proseguita per un decennio, anche in questa circostanza purtroppo è emersa una crescente difficoltà di accesso a nuove linee di credito che ha interessato trasversalmente le imprese di ogni settore e dimensione.”

Non va meglio sulle strategie di contrasto che le imprese intendono adottare per fronteggiare la situazione.

Oltre il 42% delle imprese non ha alcuna strategia su come contrastare gli effetti economici negativi provocati dalla pandemia, semplicemente perché legato a una domanda interna stagnante. Poi c’è un 12% che sta cercando di reagire attraverso un ampliamento dei canali di vendita e modificando i metodi di fornitura e consegna: sono quelle imprese per le quali la digitalizzazione e l’introduzione dell’e-commerce stanno facendo una grande differenza. Altre imprese (l’11%) stanno riorganizzando i processi produttivi o gli spazi commerciali, mentre un altro 10% di aziende sta studiando nuovi prodotti o servizi attraverso l’introduzione di nuovi processi produttivi.”

Purtroppo, arriva quasi al 10% la percentuale di imprese intenzionata a ridurre il numero di dipendenti.”

“In questa situazione la nostra associazione è pronta a lavorare insieme alle istituzioni regionali, alle altre associazioni di categoria e alle forze sociali, per trovare percorsi innovativi condivisi tesi a facilitare l’innovazione di tutte le imprese che hanno già individuato una propria strategia aziendale e per sostenere la concessione di nuova liquidità alle imprese in difficoltà. Il primo passo da fare resta comunque la definizione di un processo che ci porti ad uscire dalla pandemia sanitaria il più presto possibile o, in alternativa – conclude il direttore di Cna Umbria -, ad adottare un percorso che renda possibile alle imprese lo svolgimento dell’attività lavorativa, anche attraverso l’introduzione di misure di sicurezza sanitaria più stringenti e maggiori controlli.

Scarica la rassegna

Sticky
Febbraio 10, 2021
Commenti disabilitati su IMPRESE, CALI di FATTURATO e MANCANZA di LIQUIDITÀ
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SosCNA
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social