Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

TRASPORTO RIFIUTI METALLICI, norme SEMPLIFICATE per ALCUNI SOGGETTI

Con una delibera emanata lo scorso mese di giugno, l’Albo nazionale dei Gestori Ambientali ha definito modalità semplificate d’iscrizione all’Albo stesso per le associazioni di volontariato e gli enti religiosi che effettuano la raccolta ed il trasporto di rifiuti metallici non pericolosi di provenienza urbana per non più di 4 giorni all’anno e per un massimo di 100 tonnellate

Ai fini dell’iscrizione nella sottocategoria 2-ter, questi soggetti devono attestare il possesso dei requisiti cui all’articolo 10, comma 2, lettere a), c), d), e), f), g) e i) del DM 120/ 2014 e presentare una comunicazione alla sezione regionale o provinciale territorialmente competente, redatta secondo il modello di cui all’allegato “A” alla delibera. Per rientrare nelle norme semplificate devono anche risultare proprietari di tali rifiuti in forza di acquisto o donazione degli stessi.

L’iscrizione, inoltre, è subordinata al pagamento di un diritto annuale di 50 euro ed è rinnovata ogni 5 anni.

Per maggiori informazioni e assistenza contatta gli uffici territoriali della CNA.

Sticky
Luglio 06, 2018
Commenti disabilitati su TRASPORTO RIFIUTI METALLICI, norme SEMPLIFICATE per ALCUNI SOGGETTI

ECIPA, al via la presentazione del CATALOGO CORSI “L’IMPRESA DEL FUTURO”

Con una serie di cinque incontri della durata di 2 giorni ciascuno, è in partenza la presentazione del nuovo catalogo corsi di Ecipa Umbria “L’impresa del futuro“. Gli incontri saranno fruibili sia singolarmente che cumulativamente.

I corsi inseriti nel catalogo partiranno ad ottobre e possono beneficiare del Credito d’Imposta del 40% previsto dal Piano Impresa 4.0.

Maggiori informazioni su date, costi e modalità di partecipazione verranno pubblicati al più presto.

Sticky
Luglio 06, 2018
Commenti disabilitati su ECIPA, al via la presentazione del CATALOGO CORSI “L’IMPRESA DEL FUTURO”

Contributo Ambientale CONAI

Con una circolare del 25 giugno scorso il Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI) ha introdotto modifiche nell’individuazione della cosiddetta fase di “prima cessione”.

Il CAC (Contributo Ambientale Conai) è sempre dovuto dal soggetto, produttore o commerciante, che effettua la prima cessione dell’imballaggio vuoto, rilevante ai fine dell’applicazione del CAC.

In particolare, si considera prima cessione quella:

– effettuata da commercianti di imballaggi vuoti, che sono ora equiparati all’ultimo produttore di imballaggi. Pertanto il prelievo del contributo passa a carico del primo soggetto che utilizza l’imballaggio per le proprie merci. Il commerciante di imballaggi vuoti applicherà (con riga separata in fattura) il CAC, in aggiunta la prezzo di vendita dell’imballaggio, come fa il produttore.

imballaggi ceduti dal produttore di materia prima/ semilavorati ad un autoproduttore.

Essi sono tenuti ai seguenti adempimenti:

  • Rilasciare attestazione di esenzione al CAC al fornitore cedente e al CONAI, al quale dichiarano anche di essere consorziati CONAI e di impegnarsi ad assolvere direttamente agli obblighi di versamento del CAC;
  • Di applicare il CAC con le modalità della prima cessione nelle fatture di vendita ai clienti/utilizzatori esplicitando il CAC in aggiunta al prezzo di vendita;
  • A dichiarare e versare il CAC al CONAI sulle prime cessioni effettuate.

Per i piccoli commercianti, che gestiscono flussi di imballaggi fino a 150 tonnellate, è prevista una procedura agevolata.

Onde evitare disagi amministrativi e gestionali in corso d’anno, queste modifiche si applicheranno a partire dal 1°gennaio 2019

Per maggiori informazioni e assistenza contatta gli uffici territoriali della CNA.

Sticky
Luglio 06, 2018
Commenti disabilitati su Contributo Ambientale CONAI

RIVALUTAZIONE delle SANZIONI per le VIOLAZIONI in materia di SALUTE E SICUREZZA.

Pubblicato il decreto contenente la rivalutazione quinquennale (+ 1,9%) delle sanzioni previste per le violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

La rivalutazione decorre dal 1 luglio 2018 e non si applica alle “somme aggiuntive” previste dall’art. 14 del D.Lgs. 81/2008, che occorre versare ai fini della revoca del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Per maggiori informazioni e assistenza contatta gli uffici territoriali della CNA.

 

Sticky
Luglio 06, 2018
Commenti disabilitati su RIVALUTAZIONE delle SANZIONI per le VIOLAZIONI in materia di SALUTE E SICUREZZA.

“NUOVE IMPRESE a TASSO ZERO”, OPPURTUNITÀ per NEO-IMPRENDITORI

Per tutti gli uomini under36 e le donne di ogni età che desiderano avviare un’attività imprenditoriale o l’hanno già fatto da meno di un anno sono ancora disponibili le agevolazioni dell’avviso Invitalia che prevede il finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro. Prevista la copertura fino al 75% delle spese totali ammissibili.

La dotazione finanziaria è di circa 150milioni di euro e le agevolazioni saranno concesse fino all’esaurimento dei fondi. Le domande saranno valutate in base all’ordine cronologico di arrivo e non ci sono graduatorie.

Le iniziative finanziabili riguardano:

  • Produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • Fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  • Commercio di beni e servizi;
  • Turismo.

Per maggiori informazioni contatta:

Marina Gasparri – 075/5059160 – marina.gasparri@cnaumbria.it

Sticky
Luglio 06, 2018
Commenti disabilitati su “NUOVE IMPRESE a TASSO ZERO”, OPPURTUNITÀ per NEO-IMPRENDITORI

BITUME, i nuovi criteri per NON trattarlo come RIFIUTO

Dal 3 luglio 2018 sono cambiati i criteri per determinare quando il conglomerato bituminoso cessa di essere qualificato come rifiuto. Le imprese interessate, pertanto, dovranno adeguare le proprie autorizzazioni o comunicazioni per il trattamento di rifiuti entro il 31 ottobre 2018.

Nel provvedimento è specificato che il conglomerato bituminoso cessa di essere qualificato come rifiuto ed è qualificato granulato di conglomerato bituminoso se soddisfa contemporaneamente i seguenti 3 criteri:

  • è utilizzabile per gli scopi specifici indicati nell’Allegato 1;
  • risponde agli standard previsti dalle norme UNI EN 13108-8 (serie da 1-7) o UNI EN 13242 in funzione dello scopo specifico previsto;
  • risulta conforme alle specifiche previste nell’Allegato 1.

Il rispetto delle precedenti condizioni deve essere attestato dal produttore tramite una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta al termine del processo produttivo di ciascun lotto e inviata all’autorità competente e all’agenzia di protezione ambientale competente tramite una delle modalità contemplate dalla norma.

Il produttore deve conservare, presso l’impianto di produzione o presso la propria sede legale, la dichiarazione di conformità e un campione di conglomerato bituminoso per ciascun lotto.

Il produttore, inoltre, deve presentare all’autorità competente un aggiornamento della comunicazione effettuata ai sensi dell’articolo 216 o un’istanza di aggiornamento dell’autorizzazione ai sensi del d.lgs. n. 152/2006 precisando che, nelle more dell’adeguamento, il granulato di conglomerato bituminoso prodotto può essere utilizzato se presenta caratteristiche conformi ai criteri indicati nel provvedimento.

Per maggiori informazioni e assistenza contatta gli uffici territoriali della CNA

Sticky
Luglio 06, 2018
Commenti disabilitati su BITUME, i nuovi criteri per NON trattarlo come RIFIUTO

Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE): ecco i TEMPI per l’ADEGUAMENTO DEL REGISTRO

Definiti i tempi per consentire le procedure di adeguamento del Registro AEE all’apertura del campo di applicazione del D. Lgs. 49/2014.

Per questo, in alcuni momenti, verrà momentaneamente bloccato l’accesso al portale del registro AEE.

Per i produttori di AEE e i sistemi collettivi iscritti al registro si procederà d’ufficio alla conversione delle apparecchiature iscritte, mediante una tabella di transcodifica definita dallo stesso Comitato di Vigilanza. A tale scopo verrà inviata a tutti i produttori di AEE una comunicazione PEC per invitarli a verificare la conversione effettuata d’ufficio (entro il 23 Luglio 2018).

Accedendo alla loro Area Riservata i produttori potranno verificare la conversione e, laddove la ritengano non corretta, potranno indicare una diversa tipologia, presentando una pratica di variazione al registro AEE, soggetta al versamento del diritto di segreteria pari a 30,00 euro e dell’imposta di bollo pari a 16,00 euro.

Per maggiori informazioni e assistenza contatta gli uffici territoriali della CNA.

Sticky
Luglio 06, 2018
Commenti disabilitati su Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE): ecco i TEMPI per l’ADEGUAMENTO DEL REGISTRO

TERNI, INCENTIVI per il MIGLIORAMENTO SISMICO dei CONDOMINI

«Usare i consistenti incentivi messi in campo dal “sisma bonus per il miglioramento sismico dei condomini e, più in generale, tutti gli altri strumenti che favoriscono il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici, cumulabili tra loro. Si tratta di un’opportunità enorme per la riqualificazione complessiva del patrimonio immobiliare esistente, che ne ha tanto bisogno».

Pasquale Trottolini, responsabile regionale di Cna Costruzioni, a margine di un seminario sul tema organizzato dall’associazione questo pomeriggio (04/07/2018, ndr) all’hotel Garden di Terni, non ha dubbi.

«Grazie alle misure già in vigore da qualche anno per riqualificare gli edifici dal punto di vista energetico, la vera novità introdotta nel 2017 è quella del sisma bonus, in particolare per quanto riguarda l’adeguamento sismico dei condomini. D’altronde in Italia oltre un milione di condomini è stato edificato prima dell’entrata in vigore delle norme antisismiche e, in più, spesso presenta caratteristiche fortemente energivore. Approfittare di queste possibilità non solo permetterebbe di aumentare la sicurezza e il valore delle abitazioni, ma contribuirebbe ad attivare un forte ritorno economico. Basti pensare – ha proseguito Trottolini – che il sistema degli incentivi (ristrutturazioni, ecobonus, sismabonus) ha svolto negli ultimi 20 anni un ruolo molto importante, con oltre 16 milioni di interventi da parte del 60% delle famiglie italiane, e ha attivato più 260milioni di euro di investimenti, trenta dei quali nel solo 2017. Va anche detto che proprio gli interventi di riqualificazione degli edifici hanno impedito il tracollo definitivo del settore delle costruzioni, sicuramente il più penalizzato dalla crisi economica degli ultimi anni e oggetto di una profonda trasformazione in cui la riqualificazione e l’efficientamento energetico degli edifici sono già da tempo protagonisti positivi, rappresentando oltre il 75% del mercato, a fronte di un crollo degli appalti, degli investimenti pubblici e dell’edilizia residenziale privata di nuova costruzione, caratterizzata da una caduta verticale dei permessi a costruire».

Per Cna, però, vanno introdotti dei correttivi sostanziosi su alcuni aspetti tecnici di questi incentivi.

«Secondo noi – ha aggiunto Trottolini – il meccanismo della cessione del credito, introdotto per ecobonus e sismabonus dei condomini già dal 2017 ma ad oggi ancora poco utilizzato rispetto alle sue forti potenzialità, dovrebbe poter essere esteso anche a banche e intermediari finanziari, oltre che a fornitori e imprese esecutrici dei lavori: ciò produrrebbe un effetto moltiplicatore importante sulla domanda interna e quindi sugli investimenti, con ovvi benefici per tutta l’economia e per il settore costruzioni».

Al centro dell’incontro odierno anche il cosiddetto conto termico, ad oggi purtroppo poco utilizzato nonostante le risorse stanziate siano molte e l’entità dell’incentivo molto interessante.

«Proprio per favorire la diffusione di queste possibilità – ha concluso Pasquale Trottolini – Cna porta avanti da tempo una campagna di informazione e sensibilizzazione sui temi della riqualificazione, anche per preparare le imprese a rispondere alle esigenze di un mercato in continua trasformazione”.

Sticky
Luglio 05, 2018
Commenti disabilitati su TERNI, INCENTIVI per il MIGLIORAMENTO SISMICO dei CONDOMINI

CNA: «IMPRESA del FUTURO, TECNOLOGIA e PERSONE faranno la DIFFERENZA»

«La grande scommessa passa dalla costruzione di una stretta sinergia tra manifattura e tecnologia digitale e dal ruolo fondamentale che le persone, con le loro competenze, saranno in grado di svolgere all’interno delle imprese. Ecco perché alla Regione diciamo che, dopo le politiche per gli investimenti, è ora di ripensare agli strumenti in tema di formazione professionale degli imprenditori, dei lavoratori e dei giovani, a cominciare dall’istituzione di poli tecnici professionali, per ridurre il gap tra piccola, media e grande impresa». Con queste parole Renato Cesca, presidente di Cna Umbria, ha chiuso i lavori dell’iniziativa “L’impresa del futuro”, organizzata dall’associazione ieri (03/07/2018, ndr) alla Posta dei Donini di San Martino in Campo.

A discuterne, insieme agli esperti della Cna, c’erano Mario Gibertoni, Lea Spanakis e Andrea Donato di Studio Base, oltre all’assessore regionale Antonio Bartolini che, tra le altre, ha la delega alla Formazione professionale,.

«Da tempo lavoriamo su temi che permettano alle imprese di innovarsi – aveva esordito Cesca -, aiutandole a intercettare strumenti e incentivi che favoriscano gli investimenti e ad aprirsi alle possibilità offerte da nuove forme di gestione delle risorse umane attraverso la contrattazione di secondo livello. Oggi siamo qua per parlare di innovazione evolutiva e riportare esperienze portate avanti con successo da altri Paesi, a cominciare dalla Germania».

«I tedeschi hanno capito da almeno sei anni che nell’economia digitale la velocità è essenziale – ha confermato Mario Gibertoni – e che la crescita a lungo termine è dominata dal progresso continuo e dall’integrazione tra l’automazione industriale con le nuove tecnologie produttive, in grado di aumentare la produttività sia degli impianti che del lavoro. Oggi, e sempre più in futuro, i software guideranno la manifattura permettendo, in sinergia con le risorse umane, di andare verso una “personalizzazione di massa” e una trasformazione radicale dei servizi, a cominciare dalla logistica».

Per Lea Spanakis «con Impresa 4.0 il tradizionale modello business-to-consumer si capovolge: i consumatori ideano il prodotto, le imprese lo realizzano e personalizzano, stupendo i clienti con servizi aggiuntivi. Per fare ciò bisogna passare dalla valorizzazione del lavoro in team e dalla preparazione delle risorse umane all’suo delle nuove tecnologie, attraverso una maggiore sinergia tra le imprese e il sistema di istruzione/formazione professionale».

«Anche il marketing in tutte le sue accezioni diventa uno strumento fondamentale per l’innovazione all’interno di un’impresa – ha affermato Andrea Donato -, perché la ricetta del successo nel 3° millennio è data dalla capacità di sviluppare le eccellenze e trattare i clienti in modo personalizzato, andando al di là delle loro aspettative».

A Giuliano Ceneri, responsabile dell’area Lavoro di Cna Umbria, è andato il compito di illustrare le opportunità offerte dalla contrattazione di 2° livello, oggetto peraltro di un recente accordo tra le associazioni datoriali dell’artigianato e i sindacati dei lavoratori umbri.

«Da ottobre – ha annunciato Fabio Matera, direttore di Ecipa Umbria, l’ente formativo della Cna – avvieremo percorsi formativi che riguarderanno la digitalizzazione dei processi produttivi, le nuove metodologie di gestione delle risorse umane, la costruzione di nuovi prodotti e i piani di marketing: tutti aspetti fondamentali per sostenere l’innovazione nelle piccole e medie imprese. Ma quello che ci aspettiamo dalla Regione è un’azione concreta per la costituzione di poli tecnici professionali come già esistono in altre Regioni che, sulla falsariga di quanto già avviene per la media-grande impresa con gli Its, individuino e sviluppino percorsi formativi a misura delle imprese più piccole ».

Una richiesta che ha visto l’assessore Antonio Bartolini, a chiusura dell’iniziativa, impegnarsi formalmente in questa direzione di fronte alla platea di artigiani e piccoli imprenditori che, attentissimi, hanno partecipato all’iniziativa.

Sticky
Luglio 04, 2018
Commenti disabilitati su CNA: «IMPRESA del FUTURO, TECNOLOGIA e PERSONE faranno la DIFFERENZA»

Accordi CNA-SIAE – ulteriore proroga fino al 30 novembre 2018

si comunica che gli accordi CNA/SIAE (il cui termine era già stato prorogato al 30 giugno 2018) sono ulteriormente prorogati fino al 30 novembre 2018.

Si precisa inoltre che la proroga riguarda esclusivamente la disciplina normativa e tariffaria contenuta negli accordi, riduzioni incluse. Non riguarda le scadenze dei pagamenti per le utilizzazioni (Musica d’ambiente ed altre tipologie di spettacoli/trattenimenti), che rimangono quelle indicate sul sito SIAE e sui permessi rilasciati agli utilizzatori e di cui nuovamente si riportano, di seguito, i livelli di sconto – che restano anch’essi invariati – da applicare:

  • Settore Esercizi commerciali e artigiani (es.: acconciatori, etc.), riduzione 25%
  • Settore Bar – Ristoranti, riduzione 15% (dall’1.1.2017)
  • Settore Alberghi e Villaggi Turistici, riduzione 15%
  • Settore Campeggi, riduzione 15%
  • Settore Pubblici Esercizi in Stabilimenti Balneari, riduzione 15%
  • Centri Fitness, riduzione 10%
  • Attività animazione sulle spiagge, riduzione 10%
  • Trattenimenti musicali senza ballo (già concertini), riduzione 10%
  • Settore trasporti, riduzione 40%
Sticky
Luglio 01, 2018
Commenti disabilitati su Accordi CNA-SIAE – ulteriore proroga fino al 30 novembre 2018
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
  • Seguici sui nostri canali social