Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

Ecco il BANDO SMART RETAIL

Uscita la seconda edizione del bando Smart Retail emanato dal Gal Alta Umbria.

Il bando vuole incentivare le attività commerciali nelle aree marginali e a rischio di spopolamento, sia urbane che rurali, favorendo:

  • politiche di sviluppo del commercio;
  • la diffusione del concetto di smart factory tra le microimprese commerciali;
  • l’introduzione nelle imprese di processi innovativi in linea con la transizione ecologica e digitale.

Possono partecipare soltanto le microimprese commerciali già costituite (verifica qui codici Ateco richiesti) che non abbiano già beneficiato degli incentivi concessi con la prima edizione del bando e abbiano la sede o l’unità operativa nell’area di competenza del Gal Alta Umbria ( più specificatamente i Comuni di: Citerna, Città di Castello, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino, Scheggia e Pascelupo, Sigillo, Umbertide e Valfabbrica, con una riserva per quelli ricadenti nell’AREA SNAI NORD EST, evidenziati in grassetto).

Le imprese devono anche essere:

  • proprietarie di beni immobili all’interno dei quali intendono realizzare gli investimenti previsti nel progetto

oppure

  • possessori/detentori dei beni immobili all’interno dei quali intendono realizzare gli investimenti sulla base di un contratto di locazione, comodato o usufrutto registrato (e relativa autorizzazione del proprietario alla realizzazione dell’investimento.)

Gli interventi ammissibili a contributo, che devono essere tutti strettamente necessari allo svolgimento dell’attività dell’impresa, riguardano esclusivamente:

  • la ristrutturazione e il miglioramento dei beni immobili ;
  • l’acquisto di nuovi macchinari, automezzi per trasporto merci (furgone/veicolo commerciale leggero/van), attrezzature e forniture;
  • l’acquisto di hardware e software;
  • la creazione e/o implementazione di siti internet;
  • le spese generali: per es. onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale.

Gli interventi, pagati esclusivamente con bonifico bancario, dovranno iniziare dopo l’invio della domanda e concludersi entro 12 mesi dalla concessione del beneficio.

Il contributo, a fondo perduto ed erogato in de minimis, viene concesso in conto capitale ed è pari al 60% della spesa ammissibile (percentuale che sale al 70% in zone svantaggiate o per imprenditori giovani e/o donne).

L’investimento minimo richiesto è di 10mila euro.

Il contributo massimo erogabile è di 25mila euro e viene concesso nel rispetto dei limiti di cumulabilità con altre forme di agevolazioni nazionali di carattere fiscale (secondo le procedure indicate dall’Organismo Pagatore AGEA).

Le domande dovranno essere presentate entro le ore 12:00 del 20 giugno 2022.


Per maggiori informazioni e/o assistenza contatta la nostra Area Bandi e Incentivi:

Sticky
Aprile 27, 2022
Commenti disabilitati su Ecco il BANDO SMART RETAIL

SMART FACTORY, il bando del Gal ALTA UMBRIA

Uscita la seconda edizione del bando Smart Factory emanato dal Gal Alta Umbria.

Il bando vuole incentivare le attività artigianali nelle aree marginali e a rischio di spopolamento, sia urbane che rurali, favorendo:

  • politiche di sviluppo dell’artigianato;
  • la diffusione del concetto di smart factory tra le microimprese artigiane;
  • l’introduzione nelle imprese di processi innovativi in linea con la transizione ecologica e digitale.

Possono partecipare soltanto le microimprese artigiane già costituite (verifica qui i codici Ateco richiesti) che non abbiano già beneficiato degli incentivi concessi con la prima edizione del bando e abbiano la sede o l’unità operativa nell’area di competenza del Gal Alta Umbria ( più specificatamente i Comuni di: Citerna, Città di Castello, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino, Scheggia e Pascelupo, Sigillo, Umbertide e Valfabbrica, con una riserva per quelli ricadenti nell’AREA SNAI NORD EST, evidenziati in grassetto).

Le imprese devono anche essere:

  • proprietarie di beni immobili all’interno dei quali intendono realizzare gli investimenti previsti nel progetto

oppure

  • possessori/detentori dei beni immobili all’interno dei quali intendono realizzare gli investimenti sulla base di un contratto di locazione, comodato o usufrutto registrato (e relativa autorizzazione del proprietario alla realizzazione dell’investimento.)

Gli interventi ammissibili a contributo, che devono essere tutti strettamente necessari allo svolgimento dell’attività dell’impresa, riguardano esclusivamente:

  • la ristrutturazione e il miglioramento dei beni immobili ;
  • l’acquisto di nuovi macchinari, automezzi per trasporto merci (furgone/veicolo commerciale leggero/van), attrezzature e forniture;
  • l’acquisto di hardware e software;
  • la creazione e/o implementazione di siti internet;
  • le spese generali: per es. onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale.

Gli interventi, pagati esclusivamente con bonifico bancario, dovranno iniziare dopo l’invio della domanda e concludersi entro 12 mesi dalla concessione del beneficio.

Il contributo, a fondo perduto ed erogato in de minimis, viene concesso in conto capitale ed è pari al 60% della spesa ammissibile (percentuale che sale al 70% in zone svantaggiate o per imprenditori giovani e/o donne).

L’investimento minimo richiesto è di 10mila euro.

Il contributo massimo erogabile è di 25mila euro e viene concesso nel rispetto dei limiti di cumulabilità con altre forme di agevolazioni nazionali di carattere fiscale (secondo le procedure indicate dall’Organismo Pagatore AGEA).

Le domande dovranno essere presentate entro le ore 12:00 del 20 giugno 2022.


Per maggiori informazioni e/o assistenza contatta la nostra Area Bandi e Incentivi:

Sticky
Aprile 27, 2022
Commenti disabilitati su SMART FACTORY, il bando del Gal ALTA UMBRIA

CNA INFORMA TV: RIQUALIFICAZIONE dei CAPANNONI ed ENERGIA

Una nuova puntata di CNA INFORMA TV in cui si parlerà di comunità energetiche e di riqualificazione degli immobili produttivi delle imprese umbre. L’appuntamento è per martedì 26 aprile alle ore 20:30 su UMBRIA TV (canale 10 del digitale terrestre).

Come sempre, a condurre la trasmissione sarà la giornalista Noemi Campanella, che ospiterà in studio:

  • FRANCESCO VESTRELLI – Responsabile regionale CNA Produzione
  • LEONARDO SANTARELLI – Imprenditore, membro della Presidenza regionale CNA
  • ELISA CINFRIGNINI – Servizio Energia CNA Umbria
  • FRANCO COTANA – Docente Università degli Studi di Perugia – Dipartimento di Ingegneria
  • GIORGIO MAURINI – Esperto gestione dell’energia
  • LORENZO MARIANI – Amministratore Power Energia

Non perderti la puntata, sintonizzati alle 20.30 per guardare CNA INFORMA TV!

Sticky
Aprile 26, 2022
Commenti disabilitati su CNA INFORMA TV: RIQUALIFICAZIONE dei CAPANNONI ed ENERGIA

SPURGHISTI, RINVIO del NUOVO FORMULARIO

Deliberato dall’Albo Nazionale gestori ambientali il rinvio dell’entrata in vigore del nuovo modello di formulario per gli spurghisti.

Il modello sarebbe dovuto entrare in vigore  il 30 aprile 2022.

Con la nuova delibera, il nuovo formulario farà il suo debutto il 1° luglio 2022, ma la sua pubblicazione on-line avverrà già il 1° giugno.

Per consentire l’utilizzo del nuovo modello anche attraverso interoperabilità con i software gestionali, la vidimazione del formulario avverrà tramite Vivifir.


Per maggiori informazioni e assistenza sul nuovo formulario per gli spurghisti contatta le nostre sedi territoriali (qui trovi l’elenco degli uffici).

Sticky
Aprile 22, 2022
Commenti disabilitati su SPURGHISTI, RINVIO del NUOVO FORMULARIO

SONDAGGIO sugli EFFETTI della GUERRA in UCRAINA

Il conflitto tra Russia e Ucraina sta producendo effetti significativi sulla crescita dell’economia italiana. 
Lo stiamo vedendo con gli aumenti dei prezzi dei prodotti energetici, che si sommano a quelli già registrati prima della guerra e che contribuiscono a far aumentare il tasso di inflazione e a rallentare la domanda interna, nonostante i tentativi del Governo di mitigarne gli effetti.

Anche le imprese manifatturiere risentono della guerra con le crescenti difficoltà a reperire le materie prime e la componentistica.

Sul fronte del commercio con l’estero, assistiamo alla diminuzione delle vendite verso i paesi in guerra, ma si potrebbe registrare anche un accorciamento delle filiere produttive.

Abbiamo preparato un sondaggio per analizzare meglio gli effetti della guerra sull’attività degli artigiani e delle piccole imprese italiane e le loro strategie di risposta. Partecipa rispondendo alle domande: ci aiuterai ad aiutarti!

Vai al sondaggio.

Sticky
Aprile 20, 2022
Commenti disabilitati su SONDAGGIO sugli EFFETTI della GUERRA in UCRAINA

REVISIONE dei MEZZI PESANTI ai PRIVATI, rischio FLOP

L’ estensione ai centri privati della possibilità di svolgere la revisione dei mezzi pesanti rischia di tradursi in un flop.

Questa estensione, arrivata per decreto nel novembre scorso, era stata la diretta conseguenza delle numerose sollecitazioni della CNA,  che da anni invitava il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile a muoversi in questa direzione, anche per cercare di ovviare alle lunghissime liste di attesa della Motorizzazione civile.

Ma alcuni dei requisiti richiesti ai centri di revisione per poter svolgere questa attività, a cominciare da quelli relativi agli spazi minimi, rischiano di ridurre molto la quantità dei soggetti abilitati.

In particolare il decreto richiede ai centri privati:

  1. una superfice non inferiore ai 250 metri quadri per ogni linea di revisione;
  2. uno spazio esterno di manovra e/o parcheggio non inferiore ai 1.000 metri quadri;
  3. una superfice totale dei locali dove è situata la linea di revisione non inferiore ai 600 metri quadri.

I requisiti riguardanti gli spazi impattano moltissimo sulla struttura dei centri di revisione e rischiano di mettere fuori mercato le imprese che non avranno la possibilità di adeguare gli spazi.

Sul tema abbiamo svolto un’indagine su 400 centri di revisione associati a CNA. Dai dati raccolti emerge che il decreto, anziché ampliare il mercato della revisione dei mezzi pesanti, potrebbe:

  • creare difficoltà operative significative a chi già svolgeva l’attività di revisione dei mezzi pesanti
  • mettere barriere all’ingresso per i nuovi soggetti interessati a operare in questo settore.

Secondo la maggior delle imprese intervistate risulterà infatti difficile, se non impossibile, adeguare le superfici aziendali ai requisiti stabiliti dalla nuova disciplina.

Se vuoi puoi scaricare qui la nostra indagine.

Sticky
Aprile 15, 2022
Commenti disabilitati su REVISIONE dei MEZZI PESANTI ai PRIVATI, rischio FLOP

Bando per INVESTIMENTI SOSTENIBILI 4.0

Il Mise ha pubblicato un bando sugli Investimenti sostenibili 4.0 che, per l’area del centronord Italia, potrà contare su 250milioni di euro di risorse, di cui il 25% riservato alle imprese di micro e piccole dimensioni.

L’obiettivo è supportare le imprese nella loro trasformazione tecnologia e digitale rispettando l’ambiente, favorendone la transizione verso i principi dell’economia circolare e migliorandone la sostenibilità energetica.

Possono accedere al bando le micro, piccole e medie imprese manifatturiere ed alcune attività di servizi alle imprese

I programmi di investimento previsti devono:

    • essere avviati solo dopo la presentazione della domanda
    • concludersi entro 12 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni.
    • le spese ammissibili devono essere di almeno un milione di euro e non superiori a 3 milioni di euro (e, comunque, pari all’80% del fatturato dell’ultimo bilancio approvato e depositato)

I programmi caratterizzati da un particolare contenuto di sostenibilità possono ottenere un punteggio aggiuntivo al momento della valutazione della domanda, che sarà a sportello.

Le spese ammesse a contributo sono quelle relative all’acquisto di:

  1. macchinari, impianti e attrezzature
  2. opere murarie (max 40% del totale dei costi ammissibili)
  3. programmi informatici e licenze relativi a quanto acquistato
  4. acquisizione di certificazioni ambientali

Per i progetti che puntano a migliorare la sostenibilità energetica dell’impresa sono ritenuti ammissibili anche i costi di consulenza volti a ottenere una diagnosi energetica (purché tale diagnosi non rappresenti un adempimento obbligatorio, e comunque max 3% del totale delle spese ammissibili).

Le agevolazioni sono concesse in:

  • temporary framework
  • contributo in conto impianti (per l’Umbria il contributo massimo in rapporto alle spese ammissibili è del 35% per le imprese di micro e piccola dimensione e del 25% per le imprese di media dimensione9

Le domande devono essere presentate esclusivamente in via telematica tramite Invitalia SpA nei tempi seguenti:

  • dalle ore 10.00 del 4 maggio 2022 è possibile procedere alla compilazione della domanda;
  • dalle ore 10.00 del 18 maggio 2022 si potrà  domande compilate potranno essere inviate.

Per maggiori informazioni contatta il nostro Ufficio Bandi e Incentivi:

  • 075 505911
Sticky
Aprile 15, 2022
Commenti disabilitati su Bando per INVESTIMENTI SOSTENIBILI 4.0

Nuova piattaforma MePA

É in arrivo la NUOVA PIATTAFORMA MePA.

Per rimanere attive e lavorare con la P.A. le imprese dovranno effettuare necessariamente la procedura di pre-abilitazione al nuovo sistema entro l’18 maggio.

Chi non lo farà dovrà inoltrare una nuova richiesta di abilitazione e attenderne il buon esito prima di poter essere visibile e operativo

Hai bisogno di aiuto?

Per concludere velocemente la procedura, CNA Umbria consiglia i seguenti strumenti di supporto:

Sono inoltre disponibili la guida e le sessioni di formazione per la gestione delle offerte a catalogo sul nuovo sistema.

Si precisa che non è più necessario caricare il catalogo contestualmente alla domanda di abilitazione.

L’eventuale gestione di un catalogo, che comunque non sarà più obbligatorio per nessuna categoria, avviene successivamente all’approvazione dell’abilitazione con una apposita funzionalità di “Gestione offerte”.

Sempre nelle schede dei bandi, è presente l’elenco delle prime schede di catalogo disponibili per le quali gli operatori economici, la cui domanda di pre-abilitazione è stata approvata, possono iniziare a caricare le offerte che saranno poi visibili alle P.A. sul nuovo sistema.

 


CNA Umbria è a disposizione degli operatori economici per informazioni e assistenza, chiama lo 075 505911

 

Sticky
Aprile 14, 2022
Commenti disabilitati su Nuova piattaforma MePA

SUPERBONUS, una MELA AVVELENATA?

“Quello che sembrava essere uno straordinario strumento di ripresa economica e di rilancio del settore delle costruzioni, si sta rapidamente trasformando in una vera e propria mela avvelenata. Tutte le imprese che avevano creduto e scommesso sul Superbonus 110%, infatti, rischiano paradossalmente il default non per mancanza di commesse, bensì per il troppo lavoro. Il tutto per colpa delle continue modifiche normative alla cessione del credito introdotte dal Governo a giochi già iniziati.”

A lanciare l’ennesimo allarme è Roberto Giannangeli, direttore regionale della CNA.

I timori denunciati a più riprese negli ultimi mesi – dichiara Giannangeli – rischiano di trasformarsi in realtà di fronte all’annuncio del blocco dei plafond destinati all’acquisto dei crediti fiscali maturati da imprese e privati cittadini da parte di Unicredit e Banca Intesa. Blocco che arriva dopo quelli attuati da molti istituti di credito minori e da Poste Italiane, che avevano già fatto un passo indietro dopo le prime modifiche alle regole sulla cessione del credito. Concretamente questo significa che moltissime imprese si troveranno nell’impossibilità di smobilizzare crediti già maturati e senza avere la capienza fiscale necessaria per poterli recuperare direttamente. Lo stesso vale per i cittadini che hanno avviato gli interventi di ristrutturazione sui propri immobili. In questo modo salta tutto!”.

La decisione dei due maggiori istituti di credito del Paese è maturata dopo l’introduzione, da parte del Governo, della cosiddetta responsabilità solidale delle banche sui crediti acquisiti da imprese e privati cittadini.  

“Noi crediamo si tratti di una misura eccessiva, tanto più dopo l’inasprimento sia dei controlli preventivi sulle pratiche che delle sanzioni nei confronti dei tecnici professionisti, che hanno creato le condizioni affinché fenomeni di malaffare siano del tutto contenuti. Abbiamo sempre condiviso la volontà del Governo di combattere le frodi, sostenendone in parte alcune misure, ma continuiamo ad assistere a restrizioni sul Superbonus che si traducono in danni per le imprese che operano nella legalità e che hanno fatto investimenti importanti, scommettendo sul sistema Paese. Tra l’altro ricordiamo – aggiunge Giannangeli – che nel 2021 le principali irregolarità hanno riguardato il bonus facciate, mentre molto limitate sono state quelle sul Superbonus. Per questo in un momento di grandissima difficoltà acuito dalla guerra in corso e legato ai forti rincari delle materie prime, dell’energia e del carburante, che stanno nuovamente bloccando anche la ricostruzione post sisma, non possiamo permettere che si prendano provvedimenti che rendono inutilizzabile una misura che sta dando fiato non solo al settore costruzioni ma a tutta l’economia. In prospettiva, inoltre, c’è un ulteriore rischio: anche qualora le banche riaprissero i rubinetti sulla cessione del credito, potremmo assistere a un aumento consistente dei tassi di interesse applicati. Per le imprese – conclude Roberto Giannangeli – sarebbe un’altra pessima notizia.”

Sticky
Aprile 13, 2022
Commenti disabilitati su SUPERBONUS, una MELA AVVELENATA?

PNRR e FONDI UE a CNA INFORMA TV

Parte un nuovo ciclo di puntate di CNA INFORMA TV: si comincia parlando di PNRR, Fondi strutturali europei 2021/207 e opportunità per le imprese umbre. L’appuntamento è per martedì 12 aprile alle ore 20:30 su UMBRIA TV (canale 10 del digitale terrestre).

A condurre la trasmissione Noemi Campanella, che ospiterà in studio:

  • MICHELE CARLONI – Presidente CNA Umbria
  • ROBERTO GIANNANGELI– Direttore CNA Umbria
  • MICHELE FIORONI – Assessore regionale allo Sviluppo Economico
  • LIVIO STELLATI – Responsabile Territorial Development Region Centro Nord Unicredit SpA
  • LUIGI GIGANTI – Area Manager Small Business Umbria Unicredit SpA
  • PAOLA SORBI – Servizi Innovativi CNA Umbria

Non perderti la puntata, sintonizzati alle 20.30 per guardare CNA INFORMA TV!

Sticky
Aprile 12, 2022
Commenti disabilitati su PNRR e FONDI UE a CNA INFORMA TV
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social