Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register

CNA UMBRIA: ecco i nostri VALORI IDENTITARI

“Tra passato, presente e futuro”, ovvero due giorni di dibattiti interni, alla presenza del segretario generale della CNA, Sergio Silvestrini, che hanno visto impegnate 200 persone in un confronto sulle ragioni di essere della CNA e della sua azione di rappresentanza al servizio degli artigiani e delle piccole e medie imprese.

Da un sistema di valori mutuato dalla politica, ad uno nato dall’esperienza quotidiana a contatto con le imprese e le loro necessità: è il cammino che abbiamo percorso in questi anni, fronteggiando una crisi profonda del mondo e della società che ci ha portati a ripensare, aggiornare e, in alcuni casi, rivedere la nostra identità”. Renato Cesca, presidente di CNA Umbria, commenta così l’evoluzione dell’associazione, che nel corso dell’appuntamento tra tutti i dipendenti e collaboratori andato in scena ad Assisi nei giorni scorsi, ha definito meglio i valori identitari di riferimento. “Perché come CNA vogliamo continuare a rappresentare al meglio le imprese associate e portare un contributo significativo alla crescita del territorio e del bene comune. In questi anni – prosegue Cesca – ci siamo messi profondamente in discussione, ascoltando con attenzione anche maggiore le imprese, raccogliendo i loro bisogni, accogliendo le loro ansie ma anche la loro spinta al futuro, e traducendo tutto questo in battaglie politiche e in servizi a sostegno dell’innovazione del tessuto economico dell’Umbria. Noi crediamo nella valorizzazione del merito, sia al nostro interno che nella società; nelle competenze delle persone e nel valore che esse esprimono; crediamo nella concretezza delle risposte fornite alle imprese; nell’affidabilità nei confronti degli associati e degli interlocutori istituzionali; crediamo nella trasparenza delle nostre azioni, nella coerenza delle nostre battaglie a sostegno delle imprese, nell’innovazione come predisposizione al cambiamento e alla trasformazione di noi stessi e della società; nel valore della creatività anche come capacità di cimentarsi su frontiere nuove ed inesplorate; crediamo, infine, nella sostenibilità delle scelte e delle azioni, che è economica ma anche ambientale e sociale. È questo – conclude Cesca – il nuovo sistema di valori che diventa la stella polare di ogni nostra azione. Ecco perché siamo partiti dal nostro interno, con un lavoro che ha coinvolto tutte le persone che lavorano nella Cna e che proseguirà insieme alle imprese che nella Cna si riconoscono. Perché gli obiettivi – ha concluso Cesca – si raggiungono solo con un lavoro di squadra e per la squadra”.

Sticky
Settembre 25, 2018
Commenti disabilitati su CNA UMBRIA: ecco i nostri VALORI IDENTITARI

F-GAS, la CNA porta AMAZON in TRIBUNALE

Una sorta di riedizione dello scontro biblico fra Davide e Golia: è quello che andrà in scena giovedì 11 ottobre davanti alla nona sezione civile del Tribunale di Roma, quando si terrà la prima udienza del procedimento che vede 18 piccole imprese aderenti alla CNA, accusare Amazon di consentire e agevolare la vendita illegale di F-gas, i gas fluorurati a effetto serra e utilizzati prevalentemente negli impianti di condizionamento dell’aria e nelle pompe di calore, anche a coloro che non possiedono il patentino obbligatorio. Tramite la piattaforma di Amazon, infatti, si vendono contenitori di F-gas senza che agli acquirenti venga chiesto il possesso della certificazione F-gas espressamente prevista dal Regolamento Ue 517/2014 F-gas, il cosiddetto “patentino del frigorista”.

“Si tratta – afferma la CNA nazionale – di un atto di concorrenza sleale che rischia di creare due mercati paralleli: accanto a quello, legittimo, degli operatori abilitati, un altro di soggetti senza la necessaria certificazione. Una pratica che le imprese ricorrenti e la CNA chiedono di far cessare al più presto per riportare il settore alla piena legalità”.

Sticky
Settembre 25, 2018
Commenti disabilitati su F-GAS, la CNA porta AMAZON in TRIBUNALE

SISTRI, nel Milleproroghe MANCA IL RINVIO

Mentre il decreto Milleproroghe marcia verso l’approvazione, la Cna denuncia l’assenza, all’interno del documento, della proroga dell’entrata in vigore del Sistri. Un’assenza che aggraverà la situazione delle imprese nella gestione dei rifiuti speciali, aggiungendo problemi a problemi dal prossimo primo gennaio, quando il Sistri diventerà – se non si interviene con una proroga – operativo e verrà meno il sistema attualmente in vigore.

Naturalmente le proroghe degli ultimi anni non erano la soluzione ideale perché tenevano fittiziamente in vita il Sistri, un sistema dimostratosi molto dannoso, costringendo le imprese al pagamento dei contributi annuali. Una scelta costata alle imprese circa 200 milioni, che con le spese indirette lievitano fino al miliardo di euro, oltre ai problemi e alle complicazioni operative.  Una soluzione non ottimale nemmeno per l’ambiente, poiché può portare alla paralisi del sistema di gestione dei rifiuti. E a tal proposito il Decreto Milleproroghe era il canale più adatto per affrontare, anche quest’anno, la scadenza del 31 dicembre con la consueta proroga, consentendo alle imprese di continuare ad utilizzare il sistema cartaceo per il rispetto degli adempimenti ambientali. Ma così non è stato. 

Le imprese non possono continuare a pagare per le inefficienze politiche e burocratiche. La sospensione del Sistri va inserita nel primo provvedimento utile, per concentrarsi nel contempo a trovare una soluzione definitiva a questo problema.

La CNA chiede la realizzazione, in collaborazione con le associazioni imprenditoriali che in questi anni hanno combattuto il fallimentare Sistri, di un modello che consenta di tracciare i rifiuti in maniera semplice ed efficace per dare le spalle, finalmente, al dannoso sistema attuale.

Sticky
Settembre 17, 2018
Commenti disabilitati su SISTRI, nel Milleproroghe MANCA IL RINVIO

RIFIUTI, imprese di SMALTIMENTO PENALIZZATE

Con la nuova delibera regionale, entrata recentemente in vigore, si è verificato purtroppo un incremento notevole degli importi delle fideiussioni bancarie richiesti alle imprese autorizzate al recupero,  soprattutto per quelle più piccole.

Per fare il punto della situazione, discutere delle nuove modalità di calcolo e dei risvolti tecnici e autorizzativi, oltre che per concordare con le imprese le proposte di modifica da avanzare alla Regione, CNA Umbria organizza un incontro per il giorno

Lunedì 17 settembre 2018

ore 17.00

c/o sede regionale CNA

Via Morettini 7, 06128 – Perugia (Sala Blu, 1° piano)

 

Per informazioni e iscrizioni contattare:

Erika Minni – erika.minni@cnaumbria.it – 075 5059184

Sticky
Settembre 13, 2018
Commenti disabilitati su RIFIUTI, imprese di SMALTIMENTO PENALIZZATE

BENI IMMATERIALI nelle imprese, come VALORIZZARLI

I beni immateriali sono quei beni che, sebbene non corrispondano a risorse fisiche o tangibili, contribuiscono ad accrescere il valore economico e finanziario dell’impresa. Sono considerati tali, ad esempio, le risorse umane, le competenze, la struttura organizzativa, i marchi e brevetti e molto altro ancora. Purtroppo, proprio a causa di questa immaterialità, spesso il loro valore non figura nei prospetti contabili e nei bilanci delle imprese.

Per un’impresa, invece, è fondamentale individuare i propri asset immateriali e riuscire a comunicarne il valore anche all’esterno, a cominciare dagli investitori.

Ma come fare? il sistema più valido è rappresentato dai piani di sviluppo pluriennale, individuando indicatori oggettivi e misurabili e, attraverso la creazione di una sorta di cruscotto di monitoraggio, tenere sotto controllo gli asset immateriali con le stesse logiche degli indicatori di performance economico finanziarie.

L’impresa che vuole valorizzare e tenere sotto controllo i suoi asset immateriali deve possedere, quindi, un sistema avanzato di monitoraggio e procedure che definiscano criteri di misurazione, fonti di raccolta delle informazioni, nonché frequenza e responsabilità organizzativa del monitoraggio.

Vuoi valorizzare i beni immateriali della tua impresa? Rivolgiti a Cna: i nostri consulenti sono in grado di gestire tutte le fasi di costruzione del piano di sviluppo e del cruscotto aziendale adatto a te, presentandoli al mercato e alle banche in maniera efficace.

Per maggiori informazioni contatta:

Marco Boschetto – marco.boschetto@cnaumbria.it – 075 5059156

 

Sticky
Settembre 07, 2018
Commenti disabilitati su BENI IMMATERIALI nelle imprese, come VALORIZZARLI

MIRABILIA ARTinART 2018, un PREMIO per l’ARTIGIANATO ARTISTICO

La Camera di Commercio di Perugia bandisce il premio provinciale “MIRABILIA ARTinART per le opere di artigianato realizzate con tecniche e materiali a scelta dell’autore che sappiano rappresentare il proprio territorio e le sue città d’arte.

Per il vincitore, oltre a un rimborso spese di 500 euro e a una targa (che andrà anche al secondo e terzo classificato), è prevista l’esposizione dell’opera a Pavia, nell’ambito dell’importante manifestazione della Borsa Internazionale del Turismo Culturale dal 26 al 27 ottobre 2018

Chi desidera partecipare deve presentare apposita domanda entro le ore 12 del 14 settembre e far pervenire l’opera alla Camera di Commercio di Perugia entro le ore 12 del 27 settembre 2018.


Per maggiori informazioni contatta:

Marina Gasparri – 075/5059160 – marina.gasparri@cnaumbria.it

 

 

Sticky
Settembre 07, 2018
Commenti disabilitati su MIRABILIA ARTinART 2018, un PREMIO per l’ARTIGIANATO ARTISTICO

TAX FREE SHOPPING, obbligo di FATTURA ELETTRONICA

Dal 1° settembre scorso è obbligatoria l’emissione di fattura elettronica nell’ambito delle cosiddette operazioni Tax Free Shopping, la modalità che consente ai turisti domiciliati e residenti fuori dall’Unione europea di fare acquisti in Italia recuperando l’Iva versata.

Perciò chi desidera usufruire dello sgravio o del rimborso IVA deve assicurarsi che la vendita sia documentata da fattura emessa in formato elettronico XML.

La possibilità di recuperare l’Iva è ammessa solo per acquisti di valore superiore ai 154,94 euro (IVA compresa) destinati ad uso personale o familiare, trasportati in bagagli personali fuori dal territorio doganale comunitario entro il terzo mese successivo all’acquisto.

Le operazioni per il recupero vanno effettuate attraverso il sistema Otello 2.0 dell’Agenzia delle Dogane.

 

Sticky
Settembre 07, 2018
Commenti disabilitati su TAX FREE SHOPPING, obbligo di FATTURA ELETTRONICA

COMPRO ORO, operativo il NUOVO REGISTRO

È operativo dal 3 settembre il nuovo registro dei Compro Oro istituito presso l’OAM.

La domanda di iscrizione, inviata telematicamente insieme ai documenti identificativi del legale rappresentante, dell’attestazione della validità della licenza da parte della questura e del versamento del contributo previsto, dovrà avvenire entro e non oltre il 2 ottobre 2018.

 

Sticky
Settembre 07, 2018
Commenti disabilitati su COMPRO ORO, operativo il NUOVO REGISTRO

BONUS PUBBLICITÀ, come fare

Pubblicate le disposizioni applicative per beneficiare del Bonus Pubblicità, introdotto nel giugno 2017 e consistente in un credito di imposta del 75% in favore di chi aumenta di almeno l’1% gli investimenti pubblicitari effettuati successivamente al  1° gennaio 2018 su stampa quotidiana e periodica (anche online) ed emittenti televisive e radiofoniche locali analogiche o digitali.

Per quanto riguarda gli investimenti effettuati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017, invece, sono agevolabili esclusivamente quelli sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, anche in questo caso purché incrementati dell’1% rispetto al corrispondente periodo nel 2016 e sugli stessi media.

Sono escluse le spese sostenute per televendite, servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite di denaro, servizi di messaggeria vocale o chat-line con servizi a sovraprezzo.

Il credito di imposta è pari al:

  • 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati;
  • 90% del valore incrementale degli investimenti effettuati da microimprese, piccole e

medie imprese e start-up innovative.

Per le spese ammissibili relative al secondo semestre 2017 e al 2018 la comunicazione telematica va presentata dal 22 settembre al 22 ottobre 2018 sull’apposita piattaforma dell’Agenzia delle Entrate.

In futuro la domanda telematica dovrà essere presentata dal 1° al 31 marzo di ciascun anno.

Per approfondimenti e informazioni contatta gli uffici territoriali della Cna. 

Sticky
Settembre 06, 2018
Commenti disabilitati su BONUS PUBBLICITÀ, come fare

DECRETO DIGNITÀ e FISCO, ecco le disposizioni diventate LEGGE

Con la conversione in legge del decreto Dignità sono diventate effettive le disposizioni fiscali riguardanti:

  • Iper ammortamento: l’impresa può accedere al beneficio purché i beni agevolati siano destinati a strutture produttive situate nel territorio nazionale ed è tenuto alla restituzione se, nel periodo di fruizione, vende quegli stessi beni o li destina a strutture produttive situate all’estero. Tale obbligo di restituzione viene meno solo se
  1. l’impresa fa un investimento sostitutivo pari o superiore al beneficio ricevuto
  2. i beni agevolati sono, per loro stessa natura, destinati all’utilizzo in più sedi produttive (comprese quelle estere), purché temporaneamente

Le nuove disposizioni si applicano agli investimenti effettuati successivamente al 14 luglio 2018 data di entrata in vigore del D.L.

  • Accertamento sintetico e redditometro: il cosiddetto redditometro si continuerà ad applicare solo ai periodi di imposta FINO al 31 dicembre 2015 e agli atti già notificati anche se riferiti ad annualità seguenti. Per le annualità successive verranno introdotte altre modalità ancora da definire.

Sono rimaste invariate le norme sull’accertamento sintetico.

  • Spesometro: sono stati introdotti nuovi termini per lo Spesometro 2018.
  1. lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018 può essere trasmesso telematicamente all’Agenzia entro il 28 febbraio 2019 anziché il 30 novembre
  2. per coloro che optano per la cadenza “semestrale”, i termini sono fissati al 30 settembre 2018 per il primo semestre ed al 28 febbraio 2019 per il secondo
  • Split payment: il meccanismo è stato abolito per le prestazioni di servizi rese alla P.A. dai professionisti i cui compensi sono assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta o a titolo di acconto. Resta invece applicato alle cessioni di beni alle P.A. e alle prestazioni effettuate da società quotate, enti e società controllati da enti pubblici. La norma si applica alle operazioni per cui è emessa fattura successivamente al 14 luglio 2018
  • Compensazione cartelle per creditori della P.A.: tale possibilità è stata prorogata al 2018 per le cartelle esattoriali notificate entro il 31 dicembre 2017 in presenza di crediti certificati ed esigibili.

Per approfondimenti e informazioni contatta gli uffici territoriali della Cna. 

Sticky
Settembre 06, 2018
Commenti disabilitati su DECRETO DIGNITÀ e FISCO, ecco le disposizioni diventate LEGGE
  • CNA UMBRIA

    Via Angelo Morettini, 7
    06128 Perugia
    Tel: 075 505911 ||
    Fax: 075 5006279
    info@cnaumbria.it
    C.F. 94005590545

  • Generic selectors
    Affina la ricerca
    Cerca nel Titolo
    Cerca nei contenuti
    Cerca in Articoli
    Cerca nelle Pagine
    Cerca per Categorie
    AMBIENTE E SICUREZZA
    ATTIVITA' SINDACALE
    Bandi attivi
    BANDI ATTIVI START UP
    BANDI E INCENTIVI
    Bandi scaduti
    BENESSERE
    CINEMA
    CITTADINO
    CNA INFORMA
    CNA PER LE IMPRESE
    CNA RICONVERTITE
    COMUNICAZIONE
    COSTRUZIONI
    CREA LA TUA IMPRESA
    CREDITO
    DIGITALE
    DIH
    EVENTI
    faq ammortizzatori sociali
    FAQ FISCALI
    FAQ SALUTE E SICUREZZA
    FISCO
    FORMAZIONE
    GIOVANI IMPRENDITORI
    INDAGINI
    INDAGINI CNA
    INNOVAIMPRESA
    LEGISLAZIONE LAVORO
    MANIFATTURIERO
    NAZIONALE
    PENSIONATI
    PRATICHE AUTO _ FITACAR
    PROPOSTE CNA
    SERVIZI
    SERVIZI COMUNITÀ
    SERVIZI IMPRESE
    SERVIZI INNOVATIVI
    SERVIZIO ENERGIA
    SISTEMA CNA
    SMART ATTACK
    SMART WORKING
    SosCNA
    SUPERBONUS
    TRASPORTI
    TURISMO E CULTURA
    ULTIME NOVITA'
    WEBINAR
  • Seguici sui nostri canali social