Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa
Login
or
Register
Slider

Quante tasse dovrò pagare?

Ecco tutte le i regimi fiscali, il calcolo delle imposte e alcune agevolazioni esistenti.

 

I regimi contabili sono:

  • contabilità ordinaria;
  • contabilità semplificata, per le  imprese individuali e le società di persone con ricavi inferiori a 400mila euro (prestazione di servizi) o a 700mila euro (cessione di beni o attività mista);
  • contabilità forfettaria per le ditte individuali, imprese familiari o professionisti con ricavi inferiori a 65.000 mila euro.

Regime ordinario

La contabilità ordinaria è la più completa e più complessa, pertanto anche la più costosa. Rileva tutti i fatti che riguardano l’impresa, sia patrimoniali che economici, riassumendoli nella redazione del bilancio.

Un’impresa in contabilità ordinaria ha l’obbligo di adottare un numero maggiore di documenti, che sono denominati libri e registri:

  • i registri Iva
  • il libro inventari
  • il libro giornale
  • il registro dei beni ammortizzabili (o registro cespiti).

Regime semplificato

La contabilità semplificata è costituita da scritture semplici su cui vengono registrati solo i costi e i ricavi, senza le relative contropartite patrimoniali. Viene tenuta sui registri IVA: non vi sono quindi registri contabili, ma si usano quelli fiscali, su cui vengono registrate, ai fini delle imposte dirette, anche le operazioni di contabilità generale.

È obbligatorio tenere il registro degli acquisti, delle vendite e dei corrispettivi. I beni ammortizzabili possono essere riportati sul registro acquisti.

Questo tipo di contabilità non consente di gestire i conti patrimoniali (Cassa, Banche, Crediti, Debiti, Acconti ecc.) che andranno gestiti altrimenti, senza nessun obbligo formale, a discrezione dell’imprenditore

Regime forfettario

Accanto ai regimi fiscali ordinari di contabilità ordinaria o semplificata, esiste il regime forfettario.

Tale regime agevolato è stato introdotto nell’anno 2015 e rappresenta il regime fiscale naturale per ditte individuali e professionisti con ricavi inferiori a 65.000 €.

È precluso l’accesso ai soggetti che:

  • partecipano contemporaneamente anche a imprese familiari oltre che a società di persone e associazioni professionali;
  • controllano direttamente o indirettamente Srl, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dai forfettari;
  • svolgono attività prevalentemente nei confronti di datori di lavoro (o altri soggetti a loro riconducibili direttamente o indirettamente) con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due periodi di imposta;

Le caratteristiche principali sono:

  • Durata illimitata finché sussistono i requisiti di accesso;
  • Imposta sostitutiva unica pari al 15%;
  • Limite dei ricavi 65.000 € per tutte le attività economiche;
  • Non deducibilità dei costi, ma abbattimento forfettario del reddito sulla base di aliquote differenziate per tipologia di attività.

In merito all’aliquota di imposta, l’imposta sostitutiva unica con aliquota al 15% viene ridotta del 5% per i primi 5 anni di attività nel caso di nuove iniziative produttive.

Per beneficiare dell’aliquota ridotta è necessario dimostrare che l’attività che si avvia abbia il requisito della novità nel rispetto delle seguenti condizioni:

  • il contribuente non ha esercitato, nei 3 anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  • l’attività da esercitare non costituisce “mera prosecuzione” di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui la stessa costituisca un periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio dell’arte o professione;

Gli aderenti al regime forfettario possono inoltre usufruire di un abbattimento nel pagamento dei contributi IVS (artigiani/commercianti) nella parte dei contributi minimali che sono di circa 3.600 euro anno.
La riduzione corrisponde al 35% del minimo.

ALCUNE AGEVOLAZIONI FISCALI

È prevista la possibilità di maggiorare del 170% (per investimenti fino a 2.5 milioni di €) il costo ammortizzabile relativo a determinati beni materiali strumentali funzionali alla trasformazione digitale, a patto che i cespiti siano interconnessi al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura. Devono essere macchinari «intelligenti» in chiave industria 4.0 in grado di dialogare tra loro.

Per i beni di costo unitario oltre 500mila € i requisiti per il bonus vanno attestati da un perito tecnico, un ingegnere o un ente di certificazione.

Software
Per i soli soggetti
 che beneficiano dell’iperammortamento è inoltre consentita una maggiorazione del 40% del costo di acquisizione di alcuni software funzionali alla trasformazione tecnologica in chiave «Industria 4.0». Si tratta di software, sistemi, piattaforme e applicazioni funzionali alla trasformazione digitale e che consentono di interconnettere i macchinari e gli impianti soggetti a iperammortamento.

Leasing
Nel caso di acquisto in leasing dei beni oggetto di iperammortamento, l’incentivo imputabile ai canoni andrà ripartito lungo la durata «fiscale» del contratto di leasing, a prescindere dalla durata contrattuale.

Viene riconosciuto un credito d’imposta a tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato, che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo.

L’agevolazione in esame è riconosciuta – per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare – fino al 2020, in forma automatica, in proporzione alle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti realizzati nei tre periodi di imposta che precedono quello in corso al 31 dicembre 2015.

Il credito d’imposta varia dal 25% al 50% in base alle varie tipologie di spese sostenute.

Il credito d’imposta spetta a condizione che le spese di ricerca e sviluppo siano state sostenute in misura almeno pari, in ciascun anno, a € 30.000 e fino all’importo annuo massimo di € 5 milioni e che sia incrementale rispetto alle media degli stessi investimenti nei 3 anni precedenti.

Quali sono le attività di ricerca e sviluppo?

  • Ricerca Fondamentale
  • Ricerca industriale
  • Sviluppo sperimentale
  • Studi di fattibilità

Sono agevolabili le modifiche di processo o di prodotto che apportano cambiamenti o miglioramenti significativi delle linee e/o delle tecniche di produzione o dei prodotti come, ad esempio, la sperimentazione di una nuova linea produttiva e la modifica delle caratteristiche tecniche e funzionali di un prodotto.

Se intendi avviare un’attività di impresa e hai bisogno di informazioni

Compila il form qui sotto e sarai ricontattato oppure chiamaci al numero 075 5059160

    I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori

    • CNA UMBRIA

      Via Angelo Morettini, 7
      06128 Perugia
      Tel: 075 505911 ||
      Fax: 075 5006279
      info@cnaumbria.it
      C.F. 94005590545

    • Generic selectors
      Affina la ricerca
      Cerca nel Titolo
      Cerca nei contenuti
      Cerca in Articoli
      Cerca nelle Pagine
      Cerca per Categorie
      AMBIENTE E SICUREZZA
      ATTIVITA' SINDACALE
      Bandi attivi
      BANDI ATTIVI START UP
      BANDI E INCENTIVI
      Bandi scaduti
      BENESSERE
      CINEMA
      CITTADINO
      CNA INFORMA
      CNA PER LE IMPRESE
      CNA RICONVERTITE
      COMUNICAZIONE
      COSTRUZIONI
      CREA LA TUA IMPRESA
      CREDITO
      DIGITALE
      DIH
      EVENTI
      faq ammortizzatori sociali
      FAQ FISCALI
      FAQ SALUTE E SICUREZZA
      FISCO
      FORMAZIONE
      GIOVANI IMPRENDITORI
      INDAGINI
      INDAGINI CNA
      INNOVAIMPRESA
      LEGISLAZIONE LAVORO
      MANIFATTURIERO
      NAZIONALE
      PENSIONATI
      PRATICHE AUTO _ FITACAR
      PROPOSTE CNA
      SERVIZI
      SERVIZI COMUNITÀ
      SERVIZI IMPRESE
      SERVIZI INNOVATIVI
      SERVIZIO ENERGIA
      SISTEMA CNA
      SMART ATTACK
      SMART WORKING
      SUPERBONUS
      TRASPORTI
      TURISMO E CULTURA
      ULTIME NOVITA'
      WEBINAR
    • Seguici sui nostri canali social